Vaccinazione dei paesi poveri irrimediabilmente in ritardo: “Non ce la faremo così”

Il Programma Internazionale Covax è stato istituito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), dalla Commissione Europea, dalla Fondazione Gates e dalla Francia.

L’ambizione è vaccinare il 20% della popolazione di 92 paesi a basso e medio reddito. Ciò riguarda principalmente i caregiver, gli assistenti sociali e le persone più vulnerabili, come gli anziani. entro la fine di quest’anno, Circa 1,7 miliardi di vaccini forniti a quei paesi.

La maggior parte delle consegne doveva arrivare dall’India, ma le cose sono andate diversamente. “A causa dell’enorme bisogno, il governo sotto pressione ha deciso di mantenere tutti i vaccini prodotti qui in India”, afferma la corrispondente dell’India Eva Odd Elfrink. “Ciò ha avuto gravi conseguenze per Covax. Degli 1,1 miliardi di vaccini promessi, 30 milioni sono stati consegnati a Covax”.

grande carenza

Di conseguenza, il programma di vaccinazione è stato notevolmente ritardato. Ad oggi sono state distribuite 53 milioni di dosi in 80 paesi. “Ciò ha comportato una carenza di 140 milioni di dosi”, afferma Sabine de Jong, coordinatrice del programma internazionale per l’UNICEF, che amministra Kovacs. “Questo deficit potrebbe salire a 190 milioni entro la fine di questo mese. Non lo faremo in questo modo”, ha aggiunto.

I programmi di vaccinazione in molti paesi africani sono quasi completamente bloccati. Per fare un confronto: nei Paesi Bassi è stato vaccinato più di un terzo della popolazione, in Uganda meno del 2% e in Sudan addirittura meno dell’1%.

“Aiuta il Suriname troppo tardi”

Ma anche in altre parti del mondo, come il Sud America, c’è un’enorme carenza di vaccini in molti luoghi. “Le differenze sono enormi”, afferma la giornalista latinoamericana Sandra Korsjens di San Paolo. “Nei paesi più grandi come Brasile, Argentina e Colombia, le persone si preoccupano davvero dell’iniezione, ma non sta andando abbastanza velocemente. In paesi più piccoli come Haiti e Nicaragua, quasi nessuno è stato ancora vaccinato”.

READ  Coppia cristiana in Pakistan evita la pena di morte per aver insultato Maometto | all'estero

Nel frattempo, lo scoppio della malattia è stato causato da una mutazione halo proveniente dal Brasile, la cosiddetta variante gamma. Korstjens: “Come in Suriname, ad esempio. Ora questo Paese viene aiutato dai Paesi Bassi con i vaccini AstraZeneca. Sono contenti di questo in Suriname, ma in realtà è troppo tardi perché questo tipo di virus si sta diffondendo qui”.

pressione

L’UNICEF e l’Organizzazione mondiale della sanità chiedono ai paesi ricchi di non accumulare vaccini in eccesso, ma di donarli a Covax. Il coordinatore dell’UNICEF De Jong: “Condividilo, non accumularlo! Se i paesi del G7 donano il 20% dei vaccini in eccesso, gli arretrati verranno compensati senza influire sul tasso di vaccinazione in questi paesi ricchi”.

In vista del vertice del G7 nella località inglese di Carbis Bay in Cornovaglia, le sette influenti nazioni industrializzate, tra cui Stati Uniti, Germania e Francia, sono state sottoposte a pressioni. Un gruppo di 230 leader mondiali Chiamali questa settimana Per stanziare 66 miliardi di dollari (circa 54 miliardi di euro) per i vaccini.

In termini di interesse personale

L’UNICEF sta anche cercando di convincere i paesi del G7 dietro le quinte. De Jong: “Dovrebbero rendersi conto che altrimenti la crisi di Corona continuerà. Il virus non si ferma alle frontiere e possono apparire più varianti del virus che possono successivamente diffondersi in tutto il mondo. Pertanto, questi paesi ricchi donano anche vaccini per l’auto- interesse.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24