Verso la fumata bianca del G20

Il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen visita Venezia alla Casa Bianca a Washington, 7 maggio 2021 (AFP/SAUL LOEB)

Il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen visita Venezia alla Casa Bianca a Washington, 7 maggio 2021 (AFP/SAUL LOEB)

Dopo tante tensioni e ripercussioni, 131 Paesi che rappresentano il 90% del PIL mondiale si sono impegnati per una tassazione più equa delle multinazionali: questo accordo planetario attende ora la fumata bianca dai maggiori cambiavalute dei Paesi del G20, che uscirà venerdì e sabato al Incontro di Venezia.

A priori, i 19 paesi più ricchi del mondo e l’Unione europea sembrano aver ricevuto il via libera: hanno già tutti aderito al quadro di riforma globale concordato il 1 luglio sotto gli auspici dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico. (OCSE), comprese Cina e India.

Il ministro dell’Economia italiano Daniele Franco, il cui Paese detiene la presidenza del G20, si è detto “sicuro” delle possibilità di un “accordo politico” a Venezia che “cambierà in modo significativo l’attuale struttura della tassazione internazionale”.

Ma i negoziati dietro le quinte continuano a mobilitare stati recalcitranti, come Ungheria, Irlanda ed Estonia, che svolgono il ruolo di spoiler e sono riluttanti a ratificare l’aliquota minima globale dell’imposta sulle società di “almeno il 15%” stipulata nell’accordo.

Il ministro delle Finanze giapponese Taro Aso e il ministro dell'Economia italiano Daniele Franco alla riunione delle finanze del G7 a Londra il 5 giugno 2021 (POOL/Rob Pinney)

Il ministro delle Finanze giapponese Taro Aso e il ministro dell’Economia italiano Daniele Franco alla riunione delle finanze del G7 a Londra il 5 giugno 2021 (POOL/Rob Pinney)

Desiderosi di mantenere il loro status di paradiso fiscale per attirare investimenti, applicano aliquote più basse – 9% per l’Ungheria e 12,5% per l’Irlanda – o, in pratica, solo dividendi fiscali, come in Estonia.

Tuttavia, la mobilitazione di questi tre paesi europei è essenziale per l’Unione europea, poiché l’adozione di imposte minime ai sensi di una direttiva europea richiede l’unanimità dei membri del sindacato.

READ  Critica estera piena di critiche: "Soufflé all'arancia debole"

“Faremo tutto ciò che è in nostro potere per convincere i paesi europei ad aderire a questo compromesso”, ha promesso martedì il ministro dell’Economia francese Bruno Le Maire.

Meno controversa è l’altra parte dell’accordo, che prevede di tassare le società che li vendono e non solo dove si trovano. Mira a una migliore distribuzione del gettito fiscale tra i paesi interessati.

– Gafa nel fuoco incrociato –

L’obiettivo: impedire alle multinazionali e soprattutto a Gafa (acronimo che fa riferimento ai colossi Google, Amazon, Facebook e Apple), che hanno beneficiato molto della pandemia e delle restrizioni del Covid-19, di pagare tasse ridicole sui propri redditi.

L'accordo del G20 mira a impedire alle multinazionali, in particolare Gafa (Google, Amazon, Facebook e Apple) di pagare tasse esorbitanti in proporzione al proprio reddito (AFP/DENIS CHARLET)

L’accordo del G20 mira a impedire alle multinazionali, in particolare Gafa (Google, Amazon, Facebook e Apple) di pagare tasse esorbitanti in proporzione al proprio reddito (AFP/DENIS CHARLET)

Una volta implementato questo nuovo sistema fiscale, intorno al 2023, le tasse digitali nazionali imposte da Francia, Italia e Spagna saranno ormai condannate.

Tuttavia, l’Unione Europea annuncerà presto le proprie tasse digitali che dovrebbero finanziare il suo massiccio piano di stimolo da 750 miliardi di euro, un progetto osteggiato da Washington, che vede come una misura discriminatoria nei confronti dei giganti tecnologici statunitensi.

Inoltre, Washington ha avvertito che questo progetto europeo potrebbe “impedire completamente” gli attuali negoziati internazionali sulla riforma fiscale.

Il primo accordo del G7 a Londra all’inizio di giugno ha dato impulso alle trattative, che hanno vacillato durante la presidenza di Donald Trump e hanno preso vita con l’arrivo di Joe Biden alla Casa Bianca.

– Trattative sui prezzi –

La strada è disseminata di ostacoli, soprattutto nel Congresso degli Stati Uniti, dove Joe Biden ha solo una maggioranza traballante e dove i repubblicani sono fermamente contrari alle riforme.

Un’aliquota di “almeno il 15%” per la tassa globale deve ancora essere fissata. Il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen dovrebbe sollecitare le sue controparti del G20 a negoziare un aumento dei tassi di interesse, ma a Venezia non è prevista alcuna decisione sulla questione, hanno affermato i funzionari del Tesoro.

Il vertice dei leader del G20 a Roma in ottobre dovrebbe fissare la soglia finale e dipenderà in parte dall’esito dei negoziati congressuali sull’aliquota fiscale sugli utili delle società statunitensi guadagnati all’estero, il taglio di 10,5 punti dell’amministrazione Biden. % al 21%.

Questi funzionari hanno affermato che molti paesi stanno conducendo una campagna con gli Stati Uniti per aumentare l’aliquota fiscale globale proposta nell’ambito dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

Mercoledì, l’amministratore delegato del Fondo monetario internazionale Kristalina Georgieva ha accolto con favore lo “storico accordo” sulle tasse globali che “consentirà alle società ad alto profitto di pagare la loro giusta quota ovunque”.

Ha inoltre esortato i paesi del G20 ad agire il più rapidamente possibile a favore dei paesi più poveri che “rischiano di perdere la corsa contro il virus”.

bur-bh / eb

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24