Vivere con l’acufene: “Non vorrei che potesse succedere al mio peggior nemico.”

È iniziato con un fischio nell’orecchio sinistro e ora sente suoni diversi in entrambe le orecchie 24 ore al giorno. Doina e Dujek (22 anni) sono storditi. “Quando l’ho sentito per la prima volta, ho pensato che provenisse dall’esterno. Ho cercato il dispositivo che causava quel suono, ma non sono riuscito a trovare nulla. Quando ho chiuso le orecchie, potevo ancora sentirlo: quindi veniva dall’interno. Totalmente in preda al panico, non so dove guardare. Mi sono detto che sarebbe stato il giorno dopo, ma è solo peggiorato. “

Il monotono suono iniziale si trasformò in suoni diversi. “Molto fastidioso”, dice Doina. “La tua concentrazione e concentrazione stanno scomparendo, ti fanno impazzire. Non vorrei che fosse sul mio peggior nemico.” Nell’orecchio destro sente costantemente una sorta di tono di rumore e a sinistra sente un suono presente su e giù. Il suono è sempre presente, non si calma mai.

Doina pensa che il suo acufene sia causato dallo stress. Insegna chimica alla HBO e questo è noto per un’istruzione difficile. Esattamente la notte prima dell’esame più duro del primo anno, arrivò il fischio. E con questo clamore costante, studiare ora è ancora più difficile. “Soprattutto quando avevamo lezioni a casa, mi dava molto fastidio. Se non ero distratto, potevo sentire le mie orecchie ronzare in piena forza. Devo suonare per essere in grado di concentrarmi un po'”.

Negli ultimi due anni, Doina ha fatto di tutto per sopprimere il rumore e i fischi, ma senza successo. Ora ha accettato di avere l’acufene e che non passerà mai. Non ci sono cure mediche (vedi la spiegazione del neurochirurgo Dirk de Rieder più avanti in questo articolo, ndr). Tuttavia, chi soffre di acufene può ricevere aiuto mentale per imparare a gestire il suono.

Non dormire mai più senza un suono

Doina non osa dormire senza rumori nella stanza, motivo per cui di notte un ventilatore è sempre acceso, anche d’inverno. “Altrimenti, avrò attacchi di panico.” Ha anche un pad sonoro che collega l’altoparlante al “rumore marrone”, una sorta di rumore monotono. Questo affoga il suono che senti dall’interno.

Durante il giorno la aiuta a suonare la musica oa trovare distrazioni all’aperto. “Ma se lo faccio troppo spesso, tutto mi dà troppo fastidio, e mi dà più fastidio. È un equilibrio traballante. Non riesco davvero a godermi una notte come una volta. Penso che sia un peccato, sono ancora giovane . Fortunatamente, sono molto ottimista su me stesso. “Ora che accetto che soffrirò di acufene per sempre, è molto meglio e posso conviverci”.

READ  0-2-3-2: le acrobazie delle Tigri Gialle all'Europeo contro la Russia, prima nazione | Campionato Europeo di Pallavolo

Come una sega circolare che mi attraversa la testa

Anche Frank Van Horn, 64 anni, soffre di un grave acufene. I segnali acustici si sentono sempre a 80 decibel, ad un volume alto quanto una normale conversazione. È iniziato circa dodici anni fa, poi è svanito di nuovo, solo per tornare più difficile. “È iniziato per me come un rumore, poi è diventato un fischio e si è fatto più forte”.

Dove all’inizio era solo in un orecchio, ora il tono si sente in entrambe le orecchie. Il volume di Frank è raddoppiato negli ultimi cinque anni. “Ne sono rimasto scioccato. Ho paura che il tono diventi più forte nei prossimi anni, o che non possa più sopportarlo. Questa paura è sempre lì. È abbastanza orribile, non hai un momento di silenzio .”

Tuttavia, Frank dice che può conviverci abbastanza bene. “Finché mi assicuro che la mia attenzione non sia su di lui. Ad esempio, quando sono concentrato al lavoro il fischio è presente ma non mi dà fastidio. Ci sono periodi in cui questo si mette davvero in mezzo. davvero non può funzionare, o semplicemente accendere le cuffie per attutire il tono della musica Quando sono stanco o voglio rilassarmi, è anche rumoroso lì. A volte è come una sega circolare che mi attraversa la testa. È di tanto in tanto sta impazzendo”.

L’acufene non è misurabile

Molte persone lo diventano, dice Frank, e questo è un grosso problema sottoesposto. “Alcune persone impazziscono completamente. L’acufene può essere molto pericoloso. Conosco persone che hanno perso la vita a causa di esso. Altri lo bevono o si ritirano”. Frank ha fondato l’impresa senza acufeni Per aumentare la consapevolezza dell’acufene e di tutto ciò che ne deriva. “Il problema con l’acufene è che non è misurabile. Di conseguenza, non è una diagnosi ufficiale e l’industria medica non ha interesse a risolverlo. Si sa molto poco al riguardo”.

READ  Centinaia di migliaia di persone con problemi immunitari non sono immuni dopo la vaccinazione

Curioso del suono che Frank sente tutto il giorno? allora ascolta Questa clip audio.

Hai domande sul suicidio?

113 Istituzioni per la prevenzione del suicidio: Bell 113 da 0800-0113 (numero verde), o in forma anonima tramite chat sul sito 113- nl

Disponibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7

Aumento dell’acufene a causa della corona

Un quinto di tutti i pazienti con acufene – circa il 15% della popolazione mondiale – ha una grave disabilità. Questo è il 3% della popolazione totale. Ad esempio, soffrono di privazione del sonno, ansia, problemi di concentrazione, depressione o in casi estremi hanno pensieri suicidi. Secondo la TinnitusFree Foundation, 1 paziente su 100 tenta il suicidio.

Il neurochirurgo Dirk de Rieder, membro del consiglio di amministrazione della fondazione, ha studiato l’acufene per vent’anni. Non si sa molto sulle cause, ma la perdita dell’udito sembra essere la causa più comune. “Supponiamo che il cervello riempirà da solo le informazioni mancanti, come nel caso del dolore fantasma”. L’acufene è anche più comune nei fumatori, nell’uso di marijuana, nell’obesità, nello stress, nell’ipertensione, nell’emicrania e in altre condizioni.

De Ridder: “Possiamo distinguere due forme principali di acufene: una in cui il cervello emette un suono e un’altra in cui la soppressione del suono è molto bassa. In caso di perdita dell’udito, il cervello cerca di compensare emettendo suoni, ma succede anche che il cervello usi il suono. Tutti lo creiamo. – inosservato, perché è soppresso nelle persone con udito normale – improvvisamente non è più smorzato. Il ronzio nelle orecchie, per così dire, è uno squilibrio tra soppressione del suono e input.”

Ricerca recente Indica un legame tra l’acufene e il coronavirus: il 15% dei pazienti Covid svilupperà l’acufene. Secondo De Ridder, ci sono diverse ragioni per questo. D’altra parte, sappiamo che la pandemia aumenta l’ansia, la depressione, lo stress e i problemi del sonno, soprattutto tra le persone che hanno già contratto il virus. Quasi la metà dei pazienti Corona soffre di problemi di ansia. Questo può essere un innesco per l’acufene o peggiorare l’acufene. Se sviluppi l’acufene durante una situazione stressante, come avere un’infezione da corona, la probabilità è maggiore perché sarà permanente, secondo de Rieder. “

READ  Come è nata la nostra coscienza dal cervello quantistico?

Collegamento con coravaccin?

Sembra che ci sia anche Collegamento Tra vaccini corona e sviluppo dell’acufene. Circa 1 persona su 160 vaccinata svilupperà l’acufene.

Il numero di persone affette da acufene, in particolare i giovani, è aumentato significativamente negli ultimi dieci anni. De Ridder crede che ciò sia in parte dovuto al fatto che c’è più interesse in esso, il che significa che i pazienti hanno maggiori probabilità di usarlo rispetto a prima. D’altra parte, siamo probabilmente più esposti a rumori (forti), ad esempio attraverso le cuffie e ai festival, che aumentano chiaramente l’acufene.

Pertanto, evitare un’eccessiva esposizione al rumore è il modo più importante per prevenire l’acufene. “Sappiamo che le persone che lavorano nel rumore hanno maggiori probabilità di contrarre l’acufene”, afferma de Rieder. “Ad esempio, due terzi dei musicisti rock hanno la perdita dell’udito e un quarto ha l’acufene. È interessante notare che di solito non lo trovano fastidioso, perché lo associano al lavoro che amano fare. Nell’esercito, che spesso si ammala tinnito, in molti casi Il più delle volte il disturbo da stress post-traumatico è associato a pericoli e rischi, il che lo rende un onere molto maggiore per loro”.

La terapia cognitivo comportamentale è l’unica cosa che aiuta in qualche modo contro l’acufene. Non riduce il suono, ma riduce la misura in cui disturba. Impari come affrontarlo, il che, secondo De Ridder, può portare a un miglioramento del 10 percento. “Per tutti gli altri trattamenti, come gli apparecchi acustici, i farmaci o la stimolazione cerebrale, non ci sono prove che funzionino per tutti, ma la mancanza di prove non equivale a una prova di assenza. L’obiettivo finale di qualsiasi trattamento dovrebbe essere quello di essere in grado di rimuovere la voce da solo e non alleggerire un po’ il carico. Ma per questo forse dovrebbe essere prima misurabile. “

Abbastanza soldi e attenzione

De Ridder presume che questo problema possa essere risolto con una sufficiente ricerca, a condizione che ci siano abbastanza soldi e interessi. “Nel frattempo, i professionisti come me sono obbligati a suggerire trattamenti tramite Impatto ed erroreQuesto non è ottimale, ma almeno è meglio che dire: “Devi imparare a conviverci”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24