Wout van Aert mette in prospettiva un’ottima introduzione: “Questo corso è su misura per le mie esigenze”

intervistare

Gentleman lo fa Wout van Aert. “Naturalmente questo dà fiducia”, ha detto alla stampa scritta dopo la sua vittoria del Boom. Ma non credo che queste siano le vere proporzioni. Questo è stato un corso perfetto per me. E quando il mio “grande amico” tornerà, starò comunque meglio di qualche punto percentuale”.

Fango profondo, nebbia d’acqua, molti mulini. Durante la ricognizione, abbiamo effettivamente visto Van Aert vagare nei prati paludosi dell’area ricreativa di De Schury, crogiolandosi all’interno. Nelle sue interviste precedenti, si teneva per sé. Ha detto che era curioso di sapere dove sarebbe potuto finire. Non ha voluto esprimere grandi ambizioni. “Se si rispetta la logica…”

“Ero molto nervoso”, ha ammesso dopo la sua vittoria. “Nemmeno un brutto segno, in realtà. Più che altro un’affermazione che ho sentito. Vediamo a che punto ero. Ma affinché le cose vadano lisce.. No, non me lo aspettavo proprio.”

Come lo spieghi tu stesso?
“Non dobbiamo nascondere il fatto che questo corso è per me. Molte corsie che corrono, lente. Non avevo nulla di cui lamentarmi. All’inizio sono anche sopravvissuto facilmente alla lotta. Penso di essere anche più preparato di quanto non sia stato negli anni passati. Due anni fa sono rientrato da Infortunio. Lo scorso inverno la sosta è stata più corta – a causa del cambio delle classiche – e sono tornato in campo con meno preparazione. Ora sono più preparato”.

In un giro i tuoi progressi sono aumentati da 15 a 55 secondi. punizione.
“Tuttavia, non avevo un piano. Ho iniziato dalla terza elementare, ma sono riuscito a salire rapidamente. Tutto è andato bene. È stata una scelta per prendere velocità per vedere chi mi stava seguendo. Si scopre che era solo Toon Aerts. Tuttavia , quando è caduto, mi sono ritrovato solo, e ho trovato il mio ritmo, e infatti il ​​divario si è allargato rapidamente. Ma credo che presto abbiano iniziato a guardarsi dietro di me. Ho anche notato che stavano insieme da tanto tempo .”

Van Aert con il suo nuovo Cevélo R5-CX – Foto: Cor Vos © 2021

Ha rallentato un po’ nell’ultimo trimestre. consapevolmente?
“È diventato sempre più difficile man mano che il gioco andava avanti. All’improvviso è stato uno sforzo lungo. Forse questa è stata la ragione per cui sono andato giù per quel duro atterraggio. Fortunatamente, ho avuto il lusso di avere un grande divario in modo da poter continuare a guidare a il mio ritmo.”

READ  Henny è andato ad allenarsi in Belgio e di certo non è stato ringraziato per questo

Hai detto prima che temi le vie dell’arte. A parte quella caduta, non ho fatto quasi nessun errore.
“Giusto. Tecnicamente è andata sorprendentemente bene. Tuttavia, ho fatto solo un allenamento specifico a tutto campo nell’ultima settimana. Prima mi stavo solo allenando sulla strada. “

Questo dovrebbe almeno darti una spinta?
“Ovviamente una spinta per la mia mente. Attraente! Certamente perché tutti i bravi belgi erano inizialmente qui. Posso andare alle prossime partite con fiducia. D’altronde vorrei ripetere: vista la natura del percorso, non “Non credo che queste siano le vere proporzioni. Questo non era un intervallo di tempo.

Quando è stato chiesto in anticipo quale fosse il tuo livello, ho scherzato: sono al 91 percento. Cosa ti darà quando sarai al cento per cento?
“Haha. Potrebbe essere necessario un 100% se è il caso il mio grande amico ti unirai. “

Nonostante il maltempo, l’affluenza complessiva a Bom non è stata male – Foto: Cor Vos © 2021

Contento che ci sia ancora un pubblico da incrociare? È stata un po’ triste questa settimana.
“Grande comodità. L’ho già visto accadere, per il secondo anno consecutivo senza pubblico. Mi mancano i tifosi. Per ora sarà ancora visibile che le grandi folle staranno lontane, ma se tutti usano il buon senso e rispettano le regole, dovrebbe essere possibile. Speriamo che le misure non vengano più inasprite”.

Il prossimo weekend Essen è sabato, Val di Sol domenica. Nella neve…
“È passato molto tempo da quando ho pedalato sulla neve o sul ghiaccio. Ricordo davvero che non l’ho imparato quando ero giovane. Mi chiedo cosa avrebbe portato lì. Comunque, non vedo l’ora.”

READ  "Proby ha detto che non gli sarebbe piaciuto andare a Lipsia."

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24