Wout van Aert si guarda indietro per la prima volta: “La prima mezz'ora dopo la caduta è stata davvero terribile”

Martedì 30 aprile 2024 alle 19:13

Wout van Aert lo fa nel documentario del suo team Visma| Noleggio biciclette – intitolato Classici di primavera: il percorso verso la resilienza – Il suo racconto per la prima volta dopo la grave caduta alle porte della porta del Fiandre. “La partita della Parigi-Roubaix è stata il momento più difficile a livello mentale delle ultime settimane”.

In un documentario di oltre trenta minuti, Visma| Noleggia una bicicletta per scattare foto inedite del gruppo, incluso l'incidente di Wout van Aert al Dwars Door Vlaanderen. “All'inizio fu un grande shock”, ricordò lo sfortunato protagonista due mesi dopo. “Poi volevo arrivare al lato della strada il più velocemente possibile. Quando ho provato, ho sentito che c'era qualcosa che non andava nella mia spalla e nell'anca.

“Avevo un dolore fortissimo finché non mi hanno dato dei farmaci forti in ospedale. La prima mezz’ora dopo la caduta è stata davvero terribile. Mi è stata subito diagnosticata una frattura alla clavicola, ma hanno pensato che mi fossero ferite anche le costole e ho annunciato che avevo sette costole rotte. Presto è diventato chiaro che anche il mio sterno era rotto. In quel momento ero abbastanza calmo: “Spero che non ci siano troppi medici, perché questo porterebbe solo a lesioni. “dissi ridendo.

Per Van Aart c'è stato dolore fisico, ma anche mentale per dover riuscire nei suoi due obiettivi principali in primavera: il Giro delle Fiandre e la Parigi-Roubaix. “Mi è stato permesso di tornare a casa il giorno del Tour. Vuoi vedere come stanno i tuoi compagni di squadra. Non ho lasciato il posto in quel momento, quindi è diventato molto difficile evitare la gara.”

READ  Sci di fondo | Inizia un'entusiasmante stagione di Coppa del Mondo: riusciranno Claybaugh e Wing a difendere il loro titolo?

Confronto
“Durante la Parigi-Roubaix non ero a casa e l'ho seguita da lontano. Probabilmente è stato più difficile per me in quel momento. Poi ho cominciato a capire. Ero ancora molto stanco e avevo ancora bisogno di molte cure Non ho potuto allenarmi per molto tempo “Quello è stato il momento più difficile mentalmente delle ultime settimane. È un confronto quando sei nella migliore condizione della tua vita e poi ti rimetti a posto nel peggiore stato possibile”.

Ma Van Art ora sta molto meglio. “Le cose stanno andando bene considerando le circostanze. Nelle ultime settimane sono diventato di nuovo mobile e posso fare di nuovo le cose normali nella vita. Secondo le persone che mi guidano, il mio recupero sta andando bene, è bello poter indossare di nuovo i pantaloncini , anche se era ancora un compito arduo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24