Home Calcio Nazionale Italiana, male la prima, la Svezia vince 1-0

Nazionale Italiana, male la prima, la Svezia vince 1-0

310
SHARE
Nazionale italiana
Nazionale italiana

      Nazionale italiana male la prima, la Svezia vince 1-0.

Gara di andata playoff Russia 2018, Nazionale italiana, male la prima, gli azzurri escono sconfitti dalla Fiends Arena di Stoccolma per 1-0, in virtù di gol sporco nella ripresa. La strada per il mondiale del prossimo anno, adesso è in salita.

Un primo tempo da dimenticare, quello della nazionale di Ventura, senza testa e senza idee. Gli svedesi si sono mostrati più vogliosi e con un’anima, a differenza degli azzurri, apparsi ancora una volta fuori dal gioco. Italia male la prima, quindi, lunedi sera a Milano occorreranno undici leoni inferociti per ribaltare questo risultato.

Ci sará bisogno di segnare almeno due reti senza subirne alcuna, tuttavia da quanto visto questa sera, in avanti, sembra un’impresa alquanto ardua. Ma un’Italia fuori dai campionati mondiali di Russia 2018 pare impossibile immaginarla. Grande delusione tra i tifosi italiani, però in tutti vi è la speranza di poter ottenere da qui a tre giorni a San Siro, il pass per il viaggio in Russia di giugno prossimo.

Malgrado il cambio di modulo la squadra messa in campo dal nostro ct non ha brillato, anzi si è rivelata anche peggiore di quella vista nelle ultime uscite, specialmente nei primi 45 minuti di gioco. Nel secondo tempo, finalmente, si è visto qualcosa di buono ma troppo poco per tentare di portare casa un pari che sarebbe valso oro.

Un solo tiro in porta, per giunta, di Darmian, sicuramente il più in palla di tutti, che sfortunatamente ha centrato il palo a portiere battuto, questo il bilancio in attivo della nazionale italiana.  Tutto il resto è noia, parafrasando una vecchia canzone del buon Califano. Appuntamento, dunque a lunedi prossimo, in quel di Milano, allo stadio Giuseppe Meazza, mitico attaccante italiano del dopoguerra, nella speranza che la seconda gara contro la Svezia del tecnico Anderson sia tutta un’altra storia e ci faccia gioire, una volta per tutte.

 

Rispondi