Anche alla luce delle stelle nessuno è irrilevante

Sul banco da lavoro di Frank Wilczek (1951) c’è un modello di Archaeopteryx. Non necessariamente quello che ti aspetteresti da un professore e premio Nobel in fisica teorica. Sfortunatamente, non può mostrarlo durante una conversazione zoom, ma la maggior parte delle volte l'”uccello primitivo” ricorda a Wilczyk “il suo posto nella cronologia della mente umana”, ha detto. Archaeopteryx era il legame tra dinosauri e uccelli. Così fanno gli studiosi contemporanei, secondo Wilczyk. L’uomo moderno impara un po’ a volare, arriveranno “uccelli” migliori.

Lo spiega poi con una frase lunga e talvolta esitante: “L’idea che ho interiorizzato nelle scienze naturali nel corso della mia vita, per quello che è, è che ogni uomo è solo una piccola parte dell’umanità, sia che nel tempo o spazio, e che l’umanità si trova su un piccolo pianeta in qualsiasi galassia e che generazioni dopo di noi scopriranno e faranno cose attraverso la bioingegneria o l’intelligenza artificiale o qualsiasi nuova tecnologia in cui ciò che facciamo ora si distingue come un gioco da ragazzi.

persona chiusa

Ma questo non significa che Wilczyk si aspetti una pausa difficile. Wilczyk pensa che abbiamo davvero intrapreso la strada della “modalità robot” molto tempo fa. Indica i suoi occhiali. Sul suo orologio che conta anche i suoi passi e trasmette messaggi. Sui sistemi GPS che ci impediscono di perderci. E al fatto che manodopera e materie prime provenienti da tutto il mondo si uniscono, ad esempio, un tale smartwatch. Persone e tecnologia sono sempre state strettamente intrecciate.

Ciò che parla anche della visione di Wilczek è l’umiltà nella sua statura in tutto. E tale “modesto stupore” o “meravigliosa umiltà” parlano del suo libro Le basi. Su richiesta dei suoi amici, Wilczyk voleva mostrare cosa comportasse la fisica. Lo fa esplorando dieci note nei capitoli tematici. Come se ci fosse un sacco di “roba” – molto tempo, spazio, materia ed energia – per creare l’universo, ma l’elenco degli ingredienti in sé è breve. O che ci sono troppo poche leggi della natura necessarie per “creare” un universo massiccio e dinamico, mentre allo stesso tempo queste leggi della natura non riescono a spiegare la ricchezza locale nella diversità, come è sulla Terra.

Sono troppo giovane per guardare indietro

Wilczyk usa raramente i superlativi. Inoltre non ha bisogno di molto rumore. E a differenza di alcuni amici famosi, non racconta storie su come è stato affascinato dalla fisica da bambino o su come è stato sopraffatto dai sentimenti di Eureka. Ride un po’ quando dico che sembra odiarlo. “Sono ancora troppo giovane per guardare indietro.” E forse continua più seriamente: “Sono una persona chiusa per natura. Ho dovuto imparare a parlare con le persone e a comunicare”. La cosa principale, ovviamente, è che Le basi Avrebbe dovuto riguardare le idee della fisica – e “sono più interessanti di me”.

READ  Vaccinazioni "sabotate" per infermiere tedesche: quasi 9.000 persone sono costrette a ottenere di nuovo il vaccino contro la corona al di fuori del paese

meraviglia

Non sorprende, quindi, che “contemplare con profonda soggezione i vertici di ciò che generazioni di scienziati e ingegneri hanno realizzato” abbia dato a Wilczek un grande piacere, ha scritto nel libro. La cosa più sorprendente è che è possibile comprendere la natura a tutti. Einstein una volta disse che il fatto che il mondo possa essere compreso è un miracolo. Wilczek è una di quelle persone che non solo vogliono accettare questa “comprensibilità”, ma vogliono anche dimostrarla – attraverso la riflessione e l’esperienza.

Lo ha fatto già negli anni ’70 descrivendo l’interazione forte che tiene insieme i quark, tra l’altro, con i protoni ei neutroni nei nuclei degli atomi. È stato insignito del Premio Nobel nel 2004 con Gross e David Pulitzer, che hanno fornito indipendentemente la stessa descrizione.

Otto anni dopo, nel 2012, un’intuizione durante una lezione di studio del cristallo ha dato il via all’inizio di un nuovo e ricco campo di ricerca. Nei cristalli, gli atomi sono disposti secondo schemi che si ripetono ripetutamente nello spazio. Ci saranno allora sistemi (quantistici), si chiedeva Wilczek, in cui gli atomi o gli elettroni si muovono secondo schemi coerenti e ripetitivi nel tempo? Da allora, i “cristalli del tempo” da lui “progettati” sono stati realizzati su carta in tutti i luoghi del mondo.

È meglio fare alcune affermazioni su una piccola cosa e lasciare il resto a chi verrà dopo di te

Nel frattempo, intorno al 1977, Wilczyk propose una particella come candidata per l’invisibile materia “oscura” che aiuta a modellare le galassie e l’universo. Lo chiamò Axion, in onore di un noto detersivo in polvere, perché potrebbe essere in grado di rimuovere la “macchia incompresa della materia oscura”. Nel 1982, ha predetto l’esistenza di “quasi-particelle” che giocano un ruolo nell’effetto Hall quantistico, che si verifica in forti campi magnetici a temperature estremamente basse. Si chiamavano Anyons, dopo che “è andato tutto bene”.

Ciò che tutti questi temi hanno in comune è che Wilczek ignora le domande grandiose, astratte e difficili a cui rispondere e cerca sempre di allineare la sua ricerca teorica con gli esperimenti. Non a caso cita anche nel suo libro che l’altro grande fisico, Sir Isaac Newton, che una volta scrisse che “è molto meglio fare alcune affermazioni su una piccola cosa e lasciare il resto a coloro che verranno dopo di te”. che fare supposizioni sull’insieme, senza esserne sicuri.” da quando”.

Allo stesso modo, cita la famosa frase in cui Newton paragonava il proprio lavoro al gioco in riva al mare, dove di tanto in tanto si imbatteva in un sassolino o in una conchiglia che era più morbida o più bella delle altre, mentre davanti a lui c’era un grande oceano di verità. “Alcuni pensano che Newton fosse falsamente modesto qui, ma penso che lo intendesse davvero”, dice Wilczek. E si occupa del modo in cui vede se stesso. “Essere umili è la cosa giusta”, dice con una risata leggermente sarcastica.

READ  I produttori di vaccini Corona vogliono utilizzare la stessa tecnologia contro il cancro

Umiltà e rispetto di sé

Wilczyk vede anche un lato negativo in tutte quelle meraviglie e ammirazione per il mondo e l’universo. Gli studenti sentono parlare delle enormi strutture dell’universo; Bambini a letto che pensano all’infinito; Persone che guardano le stelle nell’universo freddo e vuoto: non è difficile sentirsi poco importanti. Il filosofo Blaise Pascal una volta scrisse: “L’universo mi inghiotte come una particella di polvere”.

Ma la cosa bella è che il libro di Wilczek offre un contrappeso a questo, e si riprende quando ne parliamo. Da qualche parte nel mezzo del libro conta quante immagini e idee la persona media può suscitare e sviluppare nella sua vita. Ce ne sono da uno a cento miliardi e possono essere confrontati, sebbene Wilczek non lo faccia nel libro stesso, con il numero di stelle nella Via Lattea. “Non ho controllato per vedere se fosse stato contato prima, ma è stata una rivelazione per me”, dice ora. “Illustra magnificamente ciò che ha scritto Walt Whitman.” canzone da me stesso: Sono alto; Io contengo complicazioni”.

Le scale cosmiche raccontano solo metà della storia

Inoltre chiarisce che non c’è bisogno di sentirsi insignificanti, anche alla luce delle stelle. “Le scale cosmiche raccontano solo metà della storia. L’altra metà è che abbiamo molto tempo rispetto alle unità di tempo necessarie per elaborare le informazioni. O beh, sarebbe bello se tu avessi più tempo, ma è un dono che noi abbiamo già molto tempo. Un regalo generoso, perché non l’abbiamo fatto Non avremmo dovuto fare niente per lei.” Infatti, “la modestia è un diritto, ma con il rispetto di sé”.

Oceano

Queste note, indirettamente riflesse nel testo, rendono il libro personale, anche se non sono disponibili aneddoti. Convinsero Wilczyk che le scienze naturali potevano “fornire una prospettiva su questioni filosofiche, etiche e religiose”, come disse. Prendi il fatto che le persone non possono mai realizzare senza intervento. È una teoria della fisica, sottolinea seccamente Wilczyk. Ma contiene anche un pezzo di saggezza da tenere a mente in altre aree. L’osservazione non è mai una cosa negativa e va sempre di pari passo con l’interazione. Quindi il modo migliore per imparare qualcosa è interagire con essa, ma quando lo fai Cambia è utile pensare a questa tensione tra osservazione e interazione.”

READ  Giove è in viaggio verso la sua posizione più vicina alla Terra dal 1951 ed è più luminoso del solito | Scienze

E sì, tali intuizioni hanno anche cambiato la natura della scienza stessa, ovviamente. Ma se è così, i cambiamenti sociali sono altrettanto importanti, crede Wilczyk. Rispetto al periodo di Newton e circa due secoli dopo “Ci sono molti scienziati che sanno molto e questo richiede cose diverse: da studente e da scienziato alle prime armi, devi investire di più per acquisire conoscenze e conoscere gli strumenti della ricerca ; c’è molta più competizione, ma ci sono anche molte opportunità di collaborazione… . . . ride, “e c’è ancora un meraviglioso oceano da scoprire sotto i tuoi piedi”.

Le basi – Dieci chiavi per la realtà trovate in Olanda Apparso in Uitgeverij Nieuwezijds come Essenziale – Dieci chiavi per la realtà. Margriet van der Heijden ha esaminato la traduzione del contenuto e ha studiato il lavoro di lunga data di Wilczek durante la sua ricerca di dottorato, ma non ha ottenuto nulla dalla vendita del libro.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24