Anche questo è l’umano: Isabelle Huppert a Cannes e un tifoso di calcio con un fumogeno in fiamme nel sedere.

L’attrice Isabelle Huppert al Festival di Cannes.Foto AFP

Questa chiaramente non è stata la settimana migliore. Segui le notizie, lo sai. Ma forse è per questo che a Cannes è stato indetto il red carpet, il primo red carpet serio in un anno e mezzo. era lì video chiamata dal nuovo film di Wes Anderson, con Timothée Chalamet, Wes Anderson, Tilda Swinton e Bill Murray; Celebrità di generazioni diverse con idee fortemente contraddittorie L’industria dei meme è in pieno svolgimento girarsi

Poi è apparsa Isabelle Huppert, che si è fermata un attimo nel suo elegantissimo Balenciaga nero a collo alto, che si è distinto straordinariamente in faccia al corridore. Una delle migliori attrici della sua generazione, al servizio dell’arte e della bellezza. Indossava occhiali da sole per proteggersi da mille torce. Ci siamo persi tutti.

Ma è iniziato molto tempo fa (domenica scorsa) con la finale dell’Europeo.

Cosa sarebbe successo questa settimana se l’Inghilterra avesse vinto l’Europeo? Una domanda inutile, ma il calcio ha così tanti mondi paralleli che la storia sembra dipendere da un tiro in palo o dal dito del portiere, per restare fedele all’Olanda. Qual è il destino dell’immagine a cui non possono rinunciare in Inghilterra questa settimana?

In vista della partita contro gli italiani, sui social hanno iniziato a circolare foto che confrontavano il comportamento dei tifosi inglesi ubriachi con più di 2000 anni di civiltà italiana. La filastrocca di una buona immagine sembra ingiusta, certo, suona bene almeno in una certa misura. L’immagine di un fan nudo ubriaco in una fontana inglese è stata posizionata accanto a una foto David Di Michelangelo: L’inglese ha detto, vedi, non abbiamo possibilità. Gli italiani hanno il Rinascimento e noi abbiamo elevato l’autoflagellazione a forma d’arte.

READ  Valtiberina, un angolo sconosciuto dell'Umbria

Charlie Perry, ora meglio conosciuto come
Charlie Perry, ora noto come “The Glowing Ass Man”, è sul sito web di The Sun.

Ben presto, un’immagine ha cominciato a dominare in questa lunga attesa per la finale. Molti fan, la maggior parte senza biglietto, si sono radunati a Leicester Square, nel centro di Londra. E le immagini del bere, che era già iniziato domenica mattina presto, hanno iniziato a circolare sui social media. Questo a sua volta ha attratto molti fotografi e troupe televisive. Per distinguerti, dovevi uscire inaspettatamente e non solo lanciare bottiglie di birra in aria.

Un uomo, incoraggiato dai passanti, si è fatto cadere i pantaloni e gli ha messo un fumogeno in fiamme nel sedere. Nasce l’Uomo dal culo luminoso. Nei postumi della sconfitta di lunedì mattina, l’immagine di questa figura sembrava rappresentare qualcosa, una serie di sconfitte preannunciate, il tuo obiettivo simbolico, se vuoi. È il meme di oggi da un po’. Richard Branson si aspettava che il suo prezioso volo spaziale fosse oscurato da un uomo con una bomba fumogena nel culo, si è chiesto uno di loro su Twitter.

il Sole Si è buttato nel caso e giovedì mattina c’era un “uomo luminoso” in prima pagina, sotto il titolo “asino”. Hanno superato i loro concorrenti con un’intervista esclusiva con questo vescovo di 25 anni, il quale ha affermato che dopo aver ingerito grandi quantità di “polvere bianca” e non meno di 20 lattine di sidro forte, ha fatto irruzione a Wembley senza biglietto. Non si è pentito di nulla. “Questi siamo noi”, era il nucleo dei rapporti in il Sole. Dichiarazione implicita di perdita definitiva: “Colpa privata”.

READ  Martin Van Rossum prepara carne macinata dal K3 al De Slimste Mens

In altre parti della stampa britannica nei giorni successivi alla finale si è parlato principalmente del razzismo che si è scatenato nei confronti dei giocatori inglesi che hanno mancato i rigori. Un murale dell’attaccante Marcus Rashford (basato su una famosa fotografia del fotografo Daniel Cheetham) nel suo vecchio quartiere di Manchester è stato deturpato con parolacce razziste dopo la finale, che è stata presto ricoperta di cuori di carta dai vicini. Le immagini dell’evento sono diventate virali sui social media e in pochi giorni il muro si è trasformato in un memoriale pieno di messaggi di sostegno. Diverse foto pubblicate mostrano il colorato Rashford a malapena in grado di vedere un’ondata di mappe e bandiere mentre centinaia di persone si sono radunate davanti alla foto in protesta silenziosa.

Vogliono dirlo anche a noi.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24