Bas Titema gode di Amstel: “Abbiamo dimostrato di poter dare valore aggiunto”


Martedì 16 aprile 2024 alle 16:12

video L'Amstel Gold Race è stata “la giornata più bella di sempre” al Tour de Tietema-Unibet. Domenica il ProTeam olandese ha disputato la sua prima gara WorldTour dalla sua fondazione, che a volte ha prodotto scene frenetiche. La squadra ha avuto il suo turno in campo e non ha avuto altrettanto successo anche atleticamente. Il fondatore Bas Tietema ricorda quel giorno davanti alla telecamera, in modo abbastanza straordinario da un tour alpino.

“Il giorno dopo l'Amstel Gold Race, la mia sveglia era puntata alle 6:30”, ride Titema. “Poi Jos (Wester, co-fondatore, redattore) e io siamo saliti in macchina e siamo andati in Italia. Abbiamo mancato di poco la conclusione della prima tappa, ma sono curioso di sapere questo giro. Sei principalmente coinvolto nelle competizioni olandesi abbiamo anche un gruppo per l'arrampicata. Abbiamo guidato bene al Giro d'Abruzzo, quindi mi piacerebbe andarci un giorno. Mi ci è voluto un po' per perseverare, ma penso che sia fantastico essere qui.

Racconta la tua storia sull'Amstel Gold Race.
“Era una montagna russa! Ho vissuto la partita dalla macchina e da lì ho notato quanta gente c'era in panchina. A volte partecipiamo anche a gare come l'Olympia Tour, che è una competizione molto bella in un parcheggio Questa partita è appena visibile, ci sono relativamente poche persone ma poi corri l'Amstel Gold Race e questo è ovviamente un formato estremo tra queste due gare, a due o tre settimane di distanza e questo indica il tipo di competizioni. a cui partecipiamo ad Amstel per mostrare chi siamo e quale valore aggiunto possiamo offrire all'uso della Bicicletta.

READ  Spaccatura sulla “pericolosa” bici da cronometro dopo un nuovo incidente: cancellarla o no?

Anche nelle ultime settimane l’attesa è stata grande. È anche per questo che dopo è diventato un po' emozionante?
“Queste sono due cose diverse. Molti dei nostri corridori, come Tomas (Kopecky, redattore), Gilly (Johannink, redattore), in realtà fanno passi da gigante come noi come squadra. Alcuni di loro correvano ancora nelle competizioni per club circa due anni fa. Essere nella Amstel Gold Race con tutti i tuoi amici ti dà molto conforto. Tutti quelli che conosci verranno a guardare, ovviamente.

“Il fatto che siamo in grado di lavorare in questo modo è anche il risultato delle numerose competizioni a cui partecipiamo. Va avanti da febbraio, ma è proprio per questo che è così importante fissare obiettivi chiari al WorldTour livello, queste cose sono abbastanza chiare in termini di Grandi Giri e monumenti, ma al nostro livello devi definire tu stesso quegli obiettivi ed è per questo che Amstel è stato così importante per noi, sia da un punto di vista sportivo – come stiamo andando – ma anche mostrare: cosa ci distingue dagli altri e il nostro comando in questo senso Fondo tifoso molto importante. Molte persone si identificano in questo ed è per questo che possiamo organizzare una grande festa in bicicletta.

Foto: Joren Benjamins/Tor de Tetema

In giornate come l'Amstel Gold Race, presti particolare attenzione allo sviluppo che stai vivendo e alle tue origini?
“L’anno prima che arrivassi dall’Olympia Tour, non avevi finito con nessuno e tutto era difficile. È stato solo un periodo pieno di battute d’arresto. E c’era Julia (Sock, direttore sportivo della squadra, redattore), che è succeduta a Hugo Huck. Ci sono state sfide. Una realtà che abbiamo incontrato. Spesso, quando guardi indietro, improvvisamente pensi: wow, molto è cambiato ma poi ti ritrovi costantemente sulle montagne russe. Quindi l'Amstel Gold Race è uno di quei momenti questo ti fa pensare mentre guidi “La tua macchina arriva da questa curva e vedi quante persone tengono alla nostra storia. È così bello.”

READ  Twente guadagna punti contro la Fiorentina | calcio

Ma si guida comunque direttamente nelle Alpi. Pensi abbastanza a quello che metti?
“Posso davvero godermi questo momento. Essere qui è una sorta di felicità, sia che si tratti del processo di esplorazione o del lavoro sui nostri obiettivi e sul calendario ciclistico, trovo che l'Amstel Gold Race sia una di quelle gare Evidenziare, ma il giorno dopo mi sono seduto e ho guardato il circuito delle Ardenne e il Tour du Loire-et-Cher. Quali opzioni ci sono? dove stiamo andando? Questo non sembra mai un lavoro. Ogni giorno è un hobby che pratico. Forse non penso abbastanza alle grandi cose, ma mi rendo conto della gioia che porti ogni giorno e che non è affatto un lavoro.

In che modo l'Amstel Gold Run ti fa desiderare di più adesso, e quanto velocemente possono andare le cose?
“Se guardi alla nostra stagione, penso che abbiamo una squadra molto forte nel complesso. Siamo arrivati ​​all'Amstel con sei ragazzi, ma abbiamo ottenuto buoni risultati anche al Nokere Koerse e al Denain GP non erano famosi prima e non lo erano. Non hanno davvero una posizione di rilievo.

“Ma ci sono anche persone come Gilly, che ha concluso solo 55esimo ad Amstel. È finito lì tra nomi come William Leserve, Maximilian Schachmann e Simon Clarke. Sono giocatori di alto livello, e alla fine vogliamo prendere il prossimo passo ogni anno. Continuare a migliorare, e penso che sia necessario Il punto in cui siamo ora è molto buono, ma devi continuare a fare i passi successivi.

Come dovrebbe essere per te concretamente?
“Penso che questa mossa sia più una questione di tempo. Ora prendiamo la curva di crescita di Harthijs de Vries rispetto all'anno scorso. È ancora un po' basso ad Amstel, ma sta crescendo molto rapidamente. Lo stesso per la mia generazione. O Adrian Mayer, che è arrivato sesto nella tappa finale “Abruzzo, questo è molto promettente, ma ci vorrà del tempo”.

READ  3° Gran Premio d'Austria per le prove libere: l'ammirazione Verstappen mostra chi è il capo

“Se dovessi parlare dei nostri obiettivi, pensi al futuro, dalle gare WorldTour ai monumenti. Che si tratti del Giro delle Fiandre o del Giro della Parigi-Roubaix, non ha molta importanza. Vogliamo espandere il nostro programma di classiche in termini di racing, che è il passo successivo in quello che stiamo facendo. “Inoltre, dobbiamo continuare a fare quel passo ogni volta nel gioco. Stiamo facendo molto bene in tutte le aree e abbiamo fatto molta strada con tutti nell’Amstel Gold Run, questo dovrebbe essere il prossimo passo”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24