Il secondo buco nero più grande della Via Lattea

Rappresentazione artistica di BH3: è possibile vedere solo la stella attorno alla quale orbita

Noos Notizie

  • Ivo Landman

    Redattore in linea

  • Ivo Landman

    Redattore in linea

Gli astronomi hanno scoperto un enorme buco nero nella Via Lattea. È la seconda galassia più grande della Via Lattea ed è sorprendentemente vicina, a circa 2.000 anni luce di distanza.

Black Hole 3, o BH3 in breve, non rappresenta alcun pericolo, perché la “vicinanza” è un concetto relativo nell’universo. Un'astronave impiegherebbe circa 100 milioni di anni per arrivarci con la velocità di una navetta spaziale. Nel 2022 è stato scoperto un buco nero più piccolo e più vicino, a circa 1.560 anni luce, ma anch’esso è ancora molto lontano.

Questa scoperta è stata fatta utilizzando il satellite astronomico europeo Gaia, che dal 2013 raccoglie dati per una mappa tridimensionale della Via Lattea. Vi partecipano anche astronomi olandesi dell'Università di Leiden e dell'Università di Groningen. “Questa è una pietra miliare per noi e una delle più grandi scoperte di Gaia fino ad oggi”, ha affermato la ricercatrice Amina Helmy.

BH3 è stato scoperto per caso durante l'analisi dei dati di Gaia. Una stella nella costellazione del Vulture sembra compiere uno strano movimento oscillatorio, causato dal buco nero attorno a cui orbita. La massa del buco nero è stata poi misurata nuovamente utilizzando il Very Large Telescope dell'Osservatorio europeo in Cile (ESO), così come la particolare composizione chimica della stella che lo accompagna.

Non è il primo buco nero scoperto con un satellite nella Via Lattea – BH1 e BH2 lo hanno preceduto – ma è il più grande, ed è questo che lo rende speciale. BH3 ha una massa pari a 33 volte la massa del Sole, mentre altri buchi neri hanno una massa media pari a 10 volte la massa del Sole. Il buco nero più massiccio della nostra galassia, Sagittario A, ha milioni di volte la massa del Sole e si trova al centro della Via Lattea, a più di 25.000 anni luce di distanza.

Posizioni dei buchi neri BH1, 2 e 3 nella Via Lattea

“Spesso incontriamo cose insolite durante la preparazione dei dati, ma questo è stato così sorprendente che ora li pubblichiamo”, afferma Anthony Brown dell'Università di Leiden. “In modo che gli scienziati di tutto il mondo possano continuare a studiare questo speciale buco nero il più rapidamente possibile”.

La collega Amina Helmy dell'Università di Groningen prevede che questa scoperta aiuterà gli astronomi a comprendere meglio come si forma un buco nero così enorme. “Il mio gruppo di ricerca aveva già scoperto un ammasso di stelle con Gaia catturato dalla nostra Via Lattea. Ora si scopre che lì è presente anche un buco nero. Questo è molto speciale.” Gli astronomi non hanno mai visto prima un flusso stellare simile, una lunga catena di stelle, combinato con un buco nero. Ritiene quindi che l'impatto sulla ricerca sia significativo. “Significa molto indizi“.

READ  L'OLED con punti quantici è davvero migliore?

Helmi si aspetta di scoprire più buchi neri con Gaia. Ma ovviamente non è pesante come BH3 ed è relativamente vicino. “Altrimenti li avremmo già notati.” Gli astronomi si aspettano che nel prossimo futuro altri telescopi verranno puntati su BH3 per indagare ulteriormente questo fenomeno.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24