Caos dell'opera al Teatro San Carlo

Difficile stabilire se il dramma che si sta svolgendo dietro le quinte del Teatro San Carlo di Napoli finirà con un'”opera seria” o con un'”opera buffa”.

Il più antico teatro d'opera italiano ha ora due figure rispettate, ognuna delle quali crede di essere il legittimo direttore generale, dopo una complicata disputa che secondo i critici ha gettato il teatro e l'Italia in una luce poco lusinghiera.

Ha tutti gli elementi di grande drammaticità – conflitto, tensione, forse anche vendetta – e si svolge come una farsa o, come dicono alcuni media italiani, un “caos”.

Breve riassunto della trama:

Prima legge. A maggio il Governatore italiano Approva la legge Tuttavia, i direttori generali dei 13 teatri d'opera statali del paese non possono lavorare oltre il loro settantesimo compleanno. Ciò ha portato alla risoluzione immediata del contratto di Stephan Lesnar, che ha compiuto 70 anni a gennaio, a metà del suo mandato come direttore generale del San Carlo.

È stato l'unico direttore generale a essere immediatamente interessato dalla legge, e nei mezzi di informazione c'era aperta la speculazione che la legge, approvata come misura urgente, fosse stata redatta per prenderlo di mira specificamente.

Il francese Lissner, che ha diretto la Scala di Milano per un decennio e l'Opera di Parigi per sei, ha avvertito il consiglio del teatro che avrebbe presentato ricorso contro il suo licenziamento.

La seconda legge. Ad agosto il teatro ha nominato poco dopo Carlo Fortis, 64 anni, come sostituto Ha insistito Come amministratore delegato della radio nazionale italiana RAI.

Fortis è un regista esperto che è stato elogiato per aver diretto l'Opera di Roma durante il suo periodo come direttore generale dal 2013 al 2021. I media italiani hanno ampiamente riferito che il governo del primo ministro di estrema destra Giorgia Meloni voleva sostituire Fortis nella posizione di emittente. . Con il proprio filtro. Si diceva che il San Carlo fosse un premio di consolazione per Fortz, che aveva iniziato lì a settembre. 1.

READ  LUKA è un coinvolgente tour audiovisivo in bianco e nero ambientato nelle splendide località siciliane, il cinema attuale

La terza legge. nel mese di settembre. Il 12 novembre, il tribunale del lavoro ha reintegrato Leisner, dopo che i suoi avvocati avevano contestato le ragioni del suo licenziamento. Il Ministero della Cultura ha chiesto al consiglio teatrale di reintegrarlo, cosa che è stata fatta lunedì sera, secondo il suo avvocato. (Il consiglio ha rifiutato le ripetute richieste di commento.) Lesnar dovrebbe tornare a Napoli da Parigi, dove si trova da giugno, già questa settimana. Ma il consiglio ha anche annunciato che farà appello contro la decisione della corte.

Resta da vedere cosa accadrà nel quarto capitolo. Un comitato di revisione all'interno dello stesso tribunale del lavoro esaminerà ora la decisione di reintegrare Lissner, che legalmente è ancora una volta il direttore generale del teatro. Il suo avvocato, Pietro Fiorozzi, ha notato l'”ironia” che il suo cliente sia stato reintegrato dalla stessa commissione teatrale che aveva presentato ricorso contro quella decisione.

“Quello che è successo non è certo degno della storia di Napoli e della storia del San Carlo”, ha detto Riccardo Realfonzo, professore di economia e membro del consiglio di amministrazione.

Realfonzo si è opposto a diverse decisioni di gestione del teatro, comprese alcune assunzioni e lo stipendio di Lisner, che secondo Realfonzo era troppo alto. Ha aggiunto che si è rifiutato di firmare anche gli ultimi due bilanci del teatro, perché non erano in pareggio.

Come rappresentante del governo regionale che finanzia il teatro, era preoccupato per le possibili conseguenze finanziarie se il teatro dovesse pagare gli stipendi dei direttori generali, o pagare gli stipendi a uno di loro. Ha protestato non partecipando alle riunioni.

READ  Nicole e Peter Gillies acquistano una "porn mansion" del valore di 2,2 milioni di euro

Alberto Mattioli, il critico d'opera appena pubblicato libro Riguardo ai teatri d'opera italiani e alla loro storia, ha affermato che la legge recentemente approvata che ha posto fine alla carriera di Liesner è anche in linea con la campagna del governo nazionalista italiano di estrema destra per “mettere gli italiani al primo posto” alla guida delle istituzioni culturali del paese, sottolineando che le persone che inizialmente erano entrambi francesi.

Dominique Meyer, che dirige la Scala e viene anche lui dalla Francia, dovrà andarsene nel 2025, quando compirà 70 anni. Funzionari del teatro di Milano hanno detto che esperti legali stanno studiando la nuova legge per determinare se sarà applicata alla Scala, che è governata dal Teatro alla Scala. Con una legge diversa rispetto agli altri teatri d'opera.

Mattioli ha affermato che l'utilizzo da parte del governo del Teatro San Carlo come pedina negli accordi politici ha indebolito la posizione del teatro, una delle istituzioni più prestigiose d'Italia. “Tutto quello che è successo conferma che l’Italia è un Paese davvero incomprensibile”, ha detto Mattioli.

Fortis non ha parlato pubblicamente della situazione e il suo avvocato ha rifiutato di commentare. Il suo status in teatro dopo che Lesnar è stato reintegrato non è chiaro, ma ha minacciato conseguenze legali se fosse stato licenziato, secondo una lettera del suo avvocato al consiglio di amministrazione del San Carlo che è stata condivisa con il New York Times da una terza parte.

Potrebbero volerci settimane prima che il comitato di revisione esamini l'appello. Nel frattempo il dramma continuerà sicuramente.

READ  Sig. Gli spettatori di Frank Visser scioccati dal bullismo da recinzione: "Persone terribili"

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24