Cinque conclusioni dopo l'Amstel Gold Race 2024


Lunedì 15 aprile 2024 alle 10:55

Era scritto nelle stelle che Mathieu van der Poel avrebbe vinto l'Amstel Gold Race 2024. L'unica domanda era da dove sarebbe partito nella lunga corsa in solitaria. Ma niente di tutto ciò. Il campione del mondo non è riuscito a stupire ancora. Tom Pidcock ha fatto e ha vinto. Cinque conclusioni dopo l'Amstel Gold Race 2024.

Ad Alpecin-Deceuninck manca un personaggio chiave

Nel Giro delle Fiandre e nella Parigi-Roubaix, Alpecin Desoninck è stata la migliore squadra in gara dall'inizio alla fine. Nonostante la posizione di favore del leader Van der Poel, la squadra belga non ha dominato completamente. Anche le altre squadre non ne hanno tratto beneficio. Gli Emirati Arabi Uniti, tra gli altri paesi, avevano annunciato di voler rendere la corsa difficile, per rafforzare la propria squadra Mfdb Consumare. E ha funzionato, perché alla fine ha dovuto contare su se stesso.

L'intero staff è stato selezionato in anticipo, dopo che Jasper Philipsen ha deciso di terminare il semestre primaverile. Il duro colpo però è stato il pensionamento anticipato di Gianni Vermeersch, che si è svegliato malato. Il belga è stato il trascinatore della finale di Alpecin Desoninck nelle ultime partite. Questo è stato il caso di Van der Poel, che è stato isolato nella finale Collegamento mancante. Quentin Hermans (anche a causa di una caduta) e Axel Lawrence non sono riusciti ad entrare.

Non siamo più saggi nei confronti di Fleche, Vallonia e Liegi

Alla Brabantse Pijl e certamente all'Amstel Gold Race, vediamo sempre un gruppo nuovo e fresco. Amstel è quindi spesso un indicatore importante dei classici delle Ardenne subito dopo. Tra i primi dieci in Ricompensa L'anno scorso, ben cinque di loro erano tra i primi dieci anche alla Freccia Vallone e alla Liegi-Bastogne-Liegi. Anche Tish Pinot (15°) e Valentin Maduas (11°) hanno segnato bene nelle Ardenne più tardi quella settimana dopo l'Amstel.

READ  Twente con i nomi più importanti in Eredivisie: 'Forse prenderai il calcio europeo'

Questa opportunità ora sembra molto più bassa in anticipo. I primi 10 dell'Amstel Gold Race non sembrano essere i più forti. Molti dei candidati previsti hanno mantenuto le loro scorte asciutte (o non hanno potuto fare di meglio?), in parte perché sono stati coinvolti in uno scontro a squadre. Molte delle squadre forti avevano uomini nel gruppo di testa, il che significa che non c'era quasi nessuna corsa dietro i dodici uomini. Solo quando Miquel Honoré ha fatto marcia indietro hanno iniziato a lavorare grazie a EF Education-EasyPost e successivamente anche a Intermarché-Wanty. Ma è troppo tardi.

In altre parole, i favoriti delle Ardenne hanno le carte nascoste. Solo allora sapremo quanto valgono ragazzi come Matthijs Skilmoz, Maxim van Gils, Dylan Thune, Benoit Cosnefroy e Romain Gregoire entro questa settimana. L'unica conclusione che si può trarre è che Juan Ayuso, Andrea Baggioli, Ben Healy e Quentin Hermans sembravano meno solidi del previsto. Pidcock, Mark Hirschi, Pinot, Pilo Bilbao e Michael Matthews saranno presenti all'evento questa settimana. Anche questo è discutibile nel caso di Madwas, PAOK Mollema e Quentin Bachter, che fino all'Amstel non erano ancora convinti.

Pidcock si unisce sempre più alla schiera dei grandi

Negli ultimi anni, il ciclismo ruota sempre più attorno ai Big Six: Wout van Aart, Remco Evenepoel, Tadej Pogacar, Matthew van der Poel, Primoz Roglic e Jonas Wenggaard. Il vincitore dell'Amstel Gold Race Tom Pidcock non è ancora uno di questi, ma è sulla buona strada. Strano, perché il giovane ha all'attivo solo cinque vittorie professionistiche. Ma si tratta quasi tutti di pesci grossi: la Strade Bianche, tappa regina del Tour de France, la Brabantse Pijl e ora anche l'Amstel Gold Race. Audace, perché ha osato perdere con il suo salto propositivo verso la capolista. Pidcock ha condotto la sua strada e non si è schierato, come molti altri, dalla parte di Van der Poel.

READ  Tom Coronel: "Finché Max corre, gli altri riempiono il campo."

Tra le sue vittorie figurano anche titoli mondiali nel ciclismo e nella mountain bike, oltre al titolo olimpico in quest'ultima disciplina. Il 24enne britannico è sulla buona strada per farsi un nome. Mercoledì troverà il percorso adatto a lui nella Flèche Wallonne e l'anno scorso è arrivato secondo anche a Liegi-Bastogne-Liegi. Se riuscirà nella sua missione di ottenere una buona classifica al Tour de France della prossima estate, l'esplosivo scalatore si farà gradualmente strada tra i grandi.

Sono emersi nuovi nomi e le “cose vecchie” hanno ripreso vita

Visto il risultato un po' sorprendente della finale, abbiamo visto emergere anche alcuni nomi “nuovi”. Un uomo in buona forma Paul Lapira (23 anni, Decathlon AG2R) con il quinto posto ha dimostrato di avere Il prossimo ragazzo È per questo lavoro. Questo vale anche per il 21enne supertalento Romain Gregoire (XII, Groupama-FDJ). Anche Maren van den Berg (24, EF Education-EasyPost) può affrontare il futuro con fiducia. Ottime performance anche di Roger Adria (25, BORA-hansgrohe), Kevin Vaukelin (22, Arkéa-B&B Hotels) e Vito Praet (23, Intermarché-Wanty).

Il nome più eclatante della finale è stato quello di Mauri Vansevenant. Il 24enne belga ha iniziato alla grande la sua carriera, ma un persistente infortunio al ginocchio lo ha rallentato. Appena tornato a casa da un ritiro in quota in vista del Giro d'Italia e senza alcuna conoscenza del percorso, lo scalatore ha colto l'occasione in assenza di Remco Evenepoel. Vansevenant si è fatto strada fino ad un impressionante quarto posto, un punto luminoso nell'oscurità al Soudal Quick-Step questa primavera.

L'AGR è ancora molto elevato per TDT-Unibet

L'Amstel Gold Race è stato il battesimo del fuoco di TDT-Unibet a livello WorldTour. A Geulhemmerweg hanno ribaltato il pubblico e con Zeb Kyffin hanno avuto qualcuno in fuga iniziale. Hanno praticamente fatto il lavoro da soli, anche se avrebbero preferito essere in fuga con due corridori. Ciò non rovinerà il divertimento per il ProTeam olandese, che senza dubbio offrirà più di un semplice video su YouTube per la sua fedele base di fan.

READ  Le Olimpiadi sono fuori portata per lo sciatore Daniel Morages di Groningen dopo essersi rotto la caviglia?

Una nota importante dal punto di vista matematico. Sembra che una competizione come l'Amstel Gold Race sia molto importante in questo momento. Questo non è un problema, perché la squadra è attiva a livello professionistico solo da quattro mesi. Inoltre, Cedric Bäke Czestophersen, forse il loro miglior giocatore, è infortunato, rendendo il loro compito piuttosto difficile. Non lo scopriremo mai. Jelle Johannink è stato il miglior corridore al Tour de Tietema al 55° posto (a più di tre minuti dal vincitore).

È un dato di fatto che la squadra che ha disputato la gara con il risultato peggiore è stata la ProTeam. Tutte le altre formazioni wildcard contengono ancora un corridore nel gruppo che scatta al 10° posto. Dylan Teunis (15), Maxime van Gils (20), Gianluca Brambilla (23), Odd Christian Eking (25), Alexander Camp (26) e Camille Bonneau (31) hanno presentato la Israel-Premier Tech, Lotto Dstny, Q36.5 Pro su Rispettivamente Cycling, Uno-X Mobility, Tudor Pro Cycling e Flanders-Baloise hanno ottenuto un risultato migliore.


We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24