Come si fa a non diventare un paese mafioso? L’Olanda vuole imparare dall’Italia

Ora che i Paesi Bassi hanno dovuto fare i conti con gli omicidi di un giornalista, un avvocato e il fratello di un testimone chiave, tutti coinvolti nel processo contro il leader del cartello della droga Ridouan T., il governo vuole intensificare la sua lotta contro la criminalità organizzata. crimine

Il Ministro della Giustizia e della Sicurezza Dilan Yesilkos-Jegereus e il Ministro della Protezione Legale Frank Weerwind sono stati a Roma questo mese. Entrambi hanno avuto la loro luce sugli italiani dopo decenni in cui sono stati tagliati duramente da quest’ascia, quindi c’è esperienza. Quali risorse italiane attirano particolarmente l’attenzione dei ministri?

1. Un rigido regime preventivo

Il 19 luglio 1992 una bomba fece esplodere a Palermo il pubblico ministero e giudice del processo Paolo Porcellino. L’attacco appoggiato dalla mafia siciliana è arrivato appena due mesi dopo l’uccisione del collega di Porcellino Giovanni Falcone. Sotto choc tutta l’Italia dal sud al nord. Il governo di Roma ha voluto reagire con forza. Nella notte tra il 19 e il 20 luglio i soldati sono volati al carcere di Uchiardone a Palermo, hanno allontanato dalle loro celle cinquantacinque mafiosi e li hanno portati nell’isola toscana di Pianosa. I boss della mafia sono stati tagliati fuori dalle loro organizzazioni criminali in un colpo solo. La giustizia italiana si è ritrovata con una forma di detenzione molto rigida, fino ad allora utilizzata solo in casi di estrema emergenza: il regime 41-bis, dal nome del relativo articolo di legge.

Ora, a trent’anni di distanza, è uno dei principali strumenti che l’Italia utilizza per attaccare le grandi cosche mafiose del sud. “L’obiettivo principale del 41-bis è impedire ai mafiosi di comunicare con gli altri. Non possono più dare ordini per traffico di droga e omicidio”, dice al telefono Attilio Bolzoni. Polzoni è stato giornalista per venticinque anni Repubblica di La Ha scritto più di una dozzina di libri e una miniserie tv sulla mafia palermitana e siciliana, Cosa Nostra. I pubblici ministeri pensano che sia un buon passo avanti se i criminali decidono di collaborare con la magistratura e tengono la bocca aperta perché non amano il regime dalla mano pesante. “Il 41-bis è molto efficace”, ha detto Bolzoni. “Questo è il modo per strappare il potere a un boss mafioso.”

I prigionieri confinati sotto questo regime sono virtualmente tagliati fuori dal mondo esterno. Sono soli in una cella e hanno il permesso di andare in onda due ore al giorno con altri tre detenuti. Non più di un membro della famiglia può fare visita al mese e la visita – che verrà filmata – dura un’ora.

Un’alta parete di vetro crea il contatto fisico e consegna segretamente una nota, un’arma o uno smartphone. Una volta al mese, le chiamate sono consentite per dieci minuti e le chiamate vengono registrate. Inoltre viene letta la posta in entrata e in uscita del detenuto 41-bis. Questi detenuti non possono mangiare o fare esercizio con gli altri, cosa che fanno i “detenuti normali”. Senza una parete di vetro solo gli avvocati possono parlare con loro.

Le organizzazioni per i diritti umani sono fondamentali: definire il regime di detenzione disumano, crudele e persino una forma di tortura. La Corte Europea voleva anche che gli italiani rendessero la norma un po’ più rigida, cosa che fecero: le regole erano ancora più severe.

Bolsoni: “Questo è permesso dalla nostra Corte costituzionale e funziona. In questo modo un boss mafioso perde potere e influenza. Il regime a 41 sezioni è fondamentale nella lotta alla criminalità organizzata.

Concorda il generale Giuseppe Governale dei Carabinieri, che da Roma ha guidato l’inchiesta nazionale antimafia dal 2017 al 2020. Dice durante un’intervista telefonica: “La criminalità organizzata è come il cancro. Gli antibiotici non aiutano. È necessaria la chemioterapia, non importa quanto grave. Se questo regime di detenzione non avesse funzionato, lo avremmo abbandonato. Perché ci rendiamo conto che è uno strumento eccezionale.

Tutti i potenti boss mafiosi italiani sono rinchiusi o rinchiusi così. Dodo Rina, lo spietato capo de cabe di Cosa Nostra, è stato imprigionato sotto questo regime dal 1993 fino alla sua morte nel 2017. Il suo complice, Bernardo Provenzano, possedeva 41 pis dal suo arresto nel 2006 in un nascondiglio vicino alla città di Corleone fino alla sua morte nel 2016. E Raffaele Gutolo, esponente della camorra mafiosa napoletana, ha passato più di venticinque anni in carcere. Era in prigione. Morto nel 2021 all’età di 79 anni.

Il Dipartimento di Giustizia ha dichiarato alla fine dell’anno scorso che 749 detenuti, tra cui 13 donne, erano detenuti in 12 carceri sotto il rigido regime. Sono per lo più mafiosi, ma in questo regime possono essere imposti anche criminali seri come terroristi e trafficanti di esseri umani.

Durante il suo viaggio missionario, il ministro olandese Frank Weerwind ha visitato il carcere di Rebiba a Roma. Più tardi, ha detto ai giornalisti: “Confronto ciò che ho visto lì con la nostra struttura extra sicura a Wood City. Ovviamente preferisco una politica di detenzione umana, ma allo stesso tempo c’è un gruppo di criminali seri che non accettiamo di continuare le loro attività criminali dietro le sbarre. Voglio assolutamente tagliarlo. Gli italiani lo fanno già in modo molto efficace.

2. Bunker dell’auditorium

Nel 1985, molto prima della loro morte, Giovanni Falcone e Paolo Porcellino erano molto impegnati in un caso senza precedenti contro Cosa Nostra. C’erano 475 sospetti; Una delle accuse seriali era l’omicidio. Nel carcere dell’Ucciardone a Palermo fu costruita un’aula di tribunale che si chiamerà questo Maxi Prosecco. Il giornalista Bolzoni all’epoca riferì: “L’aula del tribunale era molto spaziosa e costruita in modo incredibilmente rapido in un anno. I sospettati furono rimossi dalle loro celle e portati sottoterra nelle gabbie dell’aula.

Questa è la prima volta che gli italiani si assicurano che i sospettati incarcerati per casi di mafia possano comparire in tribunale senza lasciare i locali. “Ha risparmiato tempo e costi perché non dovevamo trasportare tutti quei sospetti in aula”, afferma Bolzoni. Meno importante: i sospetti non possono scappare durante un giro in macchina e i membri della loro banda non possono organizzare un attacco esplosivo. Bolsoni: “E’ un approccio molto razionale”.

Da allora il bunker dell’auditorium, come lo chiamano gli italiani, è diventato comune; Sono aule giudiziarie di massima sicurezza dentro o vicino alle prigioni. Ce ne sono dozzine. Bolzoni: “Sono aule molto funzionali, moderne, in cui gli indagati possono essere presenti tramite collegamento video. Poi non c’è bisogno, ne cito alcuni, di essere prelevati dal carcere di Torino per assistere al processo a Napoli. La gente spesso si lamenta che tutto è organizzato male in Italia, ma devo dire che lo stiamo facendo molto bene.

C’è un tribunale sicuro nei Paesi Bassi: a Osdorp. Di conseguenza, colonne di auto blindate con sirene a tutto volume dovevano spesso correre avanti e indietro tra quel tribunale e la struttura extra-sicura di Wukt. È in corso la costruzione di quattro complessi giudiziari di alta sicurezza che uniscono carceri e locali del tribunale. Saranno a Lelystad, Vlissingen e Vught e Schiphol.

3. L’appartenenza alla mafia è punibile

Dopo la sua missione, il ministro della Giustizia e della Difesa si è detto interessato anche all’articolo 416 bis italiano. «È molto ampio e in fondo dice: far parte di una rete, la criminalità organizzata, è già punibile. Quindi se sei un membro, o se sei un facilitatore, se contribuisci in altri modi – che sia strutturale o accidentale – ti prenderemo. Perché fai parte della criminalità organizzata. Ne fai parte. Potrebbe esserci spazio per attività simili anche nei Paesi Bassi.

L’articolo 416 bis è stato approvato dal Parlamento italiano nel 1982. Quell’anno avrebbero avuto luogo due omicidi mafiosi: l’uomo dietro la legge, Pio La Torre, e il governatore nominato in Sicilia dopo la morte di La Torres: il generale Carlo Alberto Dalla Sisa.

La legge dice che se qualcuno appartiene a una rete mafiosa di tre o più persone, la rete è minacciosa e usa l’omerta (silenzio) per commettere reati, quella persona sarà punita.

Il generale Giuseppe Governale spiega: “Prima del 1982 i mafiosi dovevano essere perseguiti per reati individuali: omicidio, ad esempio, estorsione o traffico di droga. Spesso assolto per mancanza di prove. Con la nuova sezione della legge, la criminalità organizzata può essere interrotta molto meglio.

Il giornalista Bolzoni definisce questa legge la “pietra angolare” della lotta alla mafia. L’articolo 416a prevede che sia punibile anche se una persona aiuta o favorisce una banda criminale organizzata dall’esterno, anche se non è membro. Conclude Bolzoni: “Ha riconosciuto l’esistenza della mafia. Questa legge ha rivoluzionato la lotta alla mafia. Grazie a questa legge, il Governale Generale sottolinea che lo Stato può più facilmente sequestrare e poi diventare proprietario dei beni dei mafiosi”. , ville, barche, aziende, altri immobili. : Tutti questi possono essere sottratti alla mafia e i mafiosi hanno molta paura di perdere la loro ricchezza.

4. Approccio olistico

Gli italiani hanno più risorse a loro disposizione: un esercito di pubblici ministeri antimafia che si preoccupano solo della criminalità organizzata, e molte opportunità per intercettare conversazioni e unità speciali di polizia che danno la caccia quotidiana ai criminali fuggitivi. Governatore Generale: “Purtroppo, anche con tutte queste risorse, non possiamo distruggere la criminalità organizzata. Questo perché le aree sottosviluppate dell’Italia meridionale sono terreno fertile per una nuova crescita mafiosa, come le restrizioni in Francia al terrorismo islamico.

A Roma, invece, il ministro Yesilgöz-Zegerius si è detto colpito dall'”approccio totalmente italiano” alla criminalità organizzata. “Polizia, giustizia, carceri, parlamento lavorano tutti insieme in questo settore. E qui si concentrano più sulle reti organizzate di noi. In Olanda abbiamo molto margine di manovra, il che ci rende meno efficienti e meno punitivi. In realtà hanno molto di più in Italia. L’hanno costruito in trent’anni. Sarebbe un peccato se ci mettessimo così tanto tempo.

leggi di più:

La politica della criminalità organizzata italiana funziona

L’Italia ha una politica dura per combattere la criminalità organizzata da oltre 25 anni. Ha avuto molto successo.

READ  La gioia del calcio assume una dimensione in più in Italia a causa dell'epidemia

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24