Con il relax all’orizzonte, la folla di Bruxelles festeggia contro le misure del Coronavirus

Il profumo che si stende sull’erba ai margini del grande stagno del Bois de la Cambre un sabato pomeriggio intorno alle 4 del mattino, è molto familiare ai frequentatori di festival: vecchia birra, prato, erba calpestabile. Per terra nel giardino di Bruxelles, gruppi di persone sedevano con bottiglie di vino. Lungo l’acqua, una folla di ballerini si accalca alla musica dai palchi che sono stati portati con sé. Ogni tanto si alzano fischi e la candela Bengal Fire si accende.

Sulla scena simile a un prato di un festival, il ronzio di un drone. “Stai a un metro e mezzo di distanza”, disse il gigante, appena udibile sopra i fischi in tre lingue. Dopo due ore, la birra magra non poteva più essere annusata. Ciò che resta è l’odore pungente dei gas lacrimogeni.

Il diritto di festeggiare

Per molto tempo non ci furono grandi proteste contro le misure di Corona in Belgio. Tuttavia, mentre la strada si rilassa, i disordini si intensificano. Nella città costiera di Middelkerke, sabato il sindaco ha deciso di aprire gli stand una settimana prima di quanto concordato.

Al Bois de la Cambre di Bruxelles, in realtà è organizzato il 1 aprile Il boom, In francese per “The Party”, ha continuato: Boom 2, È il nome dell’incontro organizzato sabato su iniziativa del collettivo L’Abime. L’organizzazione afferma di non negare la gravità del Corona virus, ma di voler difendere il “diritto a festeggiare”.

Leggi anche questo post: Il tribunale obbliga lo stato belga a revocare le procedure Corona

Il gruppo crede che godersi la musica insieme all’aria aperta, nel parco, lavorare insieme in questo modo sia una necessità vitale. Secondo loro, questo potrebbe essere fatto in sicurezza, “anche in caso di pandemia”.

READ  Il Giappone scarica in mare l'acqua inquinata del disastro nucleare di Fukushima | all'estero

La polizia e le autorità belghe erano diverse. Il primo movimento di La Boum, orchestrato da un altro, scherzosamente, è andato completamente fuori controllo. La polizia è intervenuta con cannoni ad acqua e gas lacrimogeni. Almeno 34 persone, tra cui agenti di polizia, sono rimaste ferite.

Questa volta la polizia era meglio preparata. Facebook ha rimosso la pagina pubblicizzata della parte, su richiesta dei servizi di sicurezza belgi. Il Primo Ministro ha invitato i civili a non venire a Bruxelles e la polizia si è preparata con una forza enorme. Alcune migliaia di belgi viaggiano ancora.

Manifestanti colorati della coalizione

La visita è un set colorato: manifestanti professionisti, ragazzi che vengono alle feste, genitori con bambini, tifosi di calcio in tuta nera e alcuni turisti disastrosi a distanza di sicurezza. Molti visitatori sabato confermano che siamo pacifisti con in mente l’edizione precedente. I volontari vagano tra la folla raccogliendo la spazzatura. La maggior parte di loro nell’erba non indossa una maschera per la bocca, che è obbligatoria a Bruxelles. Un cartello in francese diceva: “Le maschere devono cadere”.

Justin, 25 anni, che come molti al parco non vuole menzionare il nome della sua famiglia, ha disegnato un segno di pace sulla sua guancia. “Non si tratta solo del nostro diritto di festeggiare”, spiega. “Siamo rinchiusi per molto tempo, non possiamo più condividere la vita gli uni con gli altri. Vogliamo rivendicare i nostri diritti umani”.

Christophe Degouquet (31 anni) di Bruxelles, uno dei membri di La Chouffe, è particolarmente interessato ai giovani e ai settori chiusi: “Il governo ha davvero bisogno di pensare in modo diverso. Dobbiamo imparare a convivere con la malattia, semplicemente non c’è rischio zero. La gente vuole che viviamo “.

READ  Svezia ed Estonia aprono una nuova inchiesta sul disastro marittimo dell'Estonia

Genevieve e Bernard di Ottignies, rispettivamente di 70 e 72 anni, vorrebbero sapere se un giornalista è stato effettivamente vaccinato. E avvertono: “Non farlo, è in pericolo di vita”. Dicono che non hanno paura che presto andrà fuori controllo. “Abbiamo testato maggio 68”.

La polizia di Bruxelles usa cannoni ad acqua contro i visitatori di “La Boum 2”.
HOSLET’S Oliver / EPA

Un po ‘più lontano dalla folla che balla l’atmosfera è meno illuminata. Ci sono tubi dell’acqua lungo il bordo del prato. La polizia, con 16 plotoni di fanteria di 40 ufficiali ciascuno, si schiera. Mentre alcuni manifestanti formano una catena umana e consegnano fiori alla polizia a cavallo, altri si trovano davanti a cannoni ad acqua per fermarli.

La legge sull’epidemia non è ancora finita

“Non interferiranno”, ha detto uno dei presenti, mettendosi una maschera per la bocca sulla fronte. “Perché lo sono? Questo non è affatto legale.” Si riferisce a una recente decisione del tribunale di Bruxelles, che ha stabilito che il governo belga non dispone di una base giuridica adeguata per misure anti-Corona. Il governo ha avuto tempo fino al 30 aprile per cambiare la situazione, ma la legge sulla pandemia in preparazione non è stata completata in tempo. Rimane pendente il ricorso contro la prima sentenza, che non verrà ascoltata fino al 18 maggio.

Alle cinque e mezza, un’ora e mezza dopo l’inizio ufficiale della festa, la polizia inizia le accuse. Mentre alcuni manifestanti si allontanano, un certo numero di manifestanti si trova ad affrontare. La macchina della polizia ha fischiato. Uova e bombe di vernice che volano verso la linea di polizia avanzata.

READ  Diretto | Tokyo, dove i Giochi iniziano alla fine di luglio, prolunga lo stato di emergenza | L'interno
I manifestanti tengono un cartello con la scritta “Mamma, mi annoio” durante la loro protesta contro le misure di Corona.
HOSLET’S Oliver / EPA

All’inizio i tubi dell’acqua si staccano lentamente, poi si rilasciano sempre più duramente, finché quelli che cercano di fermarlo non sono completamente saturi. Il fumo e gli occhi con i bordi rossi indicano che ora è stato utilizzato anche il gas lacrimogeno.

Gioco del gatto e del topo

Almeno sedici persone sono state arrestate e un certo numero di persone sono rimaste ferite. Come esattamente non è chiaro dopo sabato sera. È ora di tornare a casa, la maggior parte decide dopo un’ora di gioco al gatto e al topo. “C’è un grande evento in corso lì”, il ragazzo defunto urlò a qualcuno che era appena arrivato. “Le docce sono gratuite”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24