Continuano le deliberazioni della giuria nella causa contro Trump

Donald Trump ieri a New York

Noos Notizie

Una giuria si è riunita di nuovo a New York per emettere un verdetto contro l'ex presidente Trump nella causa per il silenzio che avrebbe pagato all'attrice porno Stormy Daniels. Trump è sospettato di aver prelevato questi soldi dalle casse della sua campagna elettorale e di averli trattenuti come spese legali, il che equivale a una frode.

Ieri la giuria composta da dodici newyorkesi non è riuscita a raggiungere un verdetto ed è stata avanzata, tra le altre cose, la richiesta di raccogliere nuovamente una serie di deposizioni sul caso. Non è chiaro se la giuria raggiungerà un verdetto oggi, e in teoria potrebbero volerci settimane.

Affare

Questo caso è uno dei quattro procedimenti penali in corso contro Trump. I giurati dovranno valutare se ha cercato di nascondere il fatto di aver pagato a Daniels 130.000 dollari. Voleva impedirle di rivelare i dettagli della loro relazione sentimentale dieci anni fa, prima delle elezioni del 2016.

Questa è la prima volta nella storia degli Stati Uniti che un ex presidente viene processato. Il fatto che Trump sia candidato presidenziale anche alle prossime elezioni di novembre rende la questione ancora più pericolosa.

Nelle ultime sei settimane sono stati ascoltati più di venti testimoni. Il team di avvocati di Trump non ha cercato di convincere la giuria che non è mai successo nulla tra Daniels e Trump, ma ha fatto del suo meglio per mettere in dubbio se Trump fosse a conoscenza dei pagamenti segreti a lei destinati. Inoltre, Michael Cohen, l’ex avvocato di Trump che ha pagato Daniels, è stato descritto come un bugiardo inaffidabile.

READ  L'ex consigliere per la sicurezza di Trump fa causa alla commissione del Congresso all'estero

Cohen ha dichiarato che Trump gli ha ordinato telefonicamente di organizzare il pagamento, dicendo: “Fallo e basta”. La difesa ha detto che la telefonata riguardava qualcos'altro, ma l'accusa ha detto che era abbastanza chiaro che si trattava di soldi nascosti.

la prigione

Se si potesse dimostrare che Trump ha commesso una frode per influenzare l’esito delle elezioni, ciò costituirebbe un reato penale. In questo caso, potrebbe ricevere una pena detentiva massima di quattro anni.

Anche l'ex presidente non si è ancora presentato a causa dei tentativi di ribaltare i risultati delle elezioni del 2020. Questo caso riguarda lo stato della Georgia e probabilmente non sarà discusso prima delle elezioni presidenziali. Ci sono anche questioni in corso sul ruolo di Trump nell'assalto al Campidoglio del 6 gennaio 2021 e sul suo possesso di documenti segreti.

Ieri sostenitori e oppositori dell'ex presidente hanno manifestato davanti al tribunale:

Il procedimento penale di Trump sta volgendo al termine: questa è l'ultima possibilità di responsabilità

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24