Coyote ha risposto per primo: “Sono stato ingenuo, ma questi importi non sono corretti”

Dirk Kuwait Ha risposto pubblicamente per la prima volta al suo ruolo di testimone nelle indagini sul criminale dell’Aia Pete S. Ha detto che era ingenuo, ma nega gli importi menzionati.

Dopo la sua carriera da giocatore, Kuyt ha scommesso sul sito di gioco illegale Edobet, fondato dal figlio di Piet S. Si dice che abbia giocato “a volte 25 tappeti (25.000 euro) al giorno”. “È molto sconvolgente essere in una notizia del genere”, ha risposto il 104 volte internazionale RTL7. “Ho preso un rischio e sono stato ingenuo al riguardo. Lo farò in modo diverso in futuro”.

“Questi importi non sono corretti”, continua. “Pubblicherò sicuramente un po’ di più dell’olandese medio, ma non tanto quanto dichiarato nei documenti (di De Telegraaf e Algemeen Dagblad, editore). Voglio anche chiarire che ho sentito come testimone e ho non lo sono, ho commesso un reato”.

Kuyt vuole dire qualcosa sui media. “Quello che mi ha davvero deluso: da calciatore per vent’anni ho sempre voluto rilasciare interviste a molti media partner, ma non mi sono quasi mai sentito. Solo per spiegare la mia versione dei fatti”.

Appuntamento al benzinaio
Kuyt è stato interrogato a febbraio. Gioca a credito su Edobet. “Lo lasciavo spesso sul sito, ma a volte venivo pagato. Ad esempio, incontravo qualcuno in una stazione di servizio. Mi piaceva farlo in contanti, così potevo giocare in modo anonimo”, ha detto in un dichiarazione. la polizia.

Nell’inchiesta è stato menzionato anche Wesley Sneijder. Secondo l’Orange International Registry, tutto si basa su un malinteso. Il cugino di suo padre direbbe erroneamente che Schneider lo avrebbe garantito se non avesse potuto pagare.

READ  Short sportivo: nuovi allenatori per Napoli e Lione dopo aver saltato la Champions League | sport

lettore video

Guarda i migliori video di calcio qui

Altri video

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24