Crisi del gas: la Germania allerta la seconda fase a causa della riduzione delle forniture alla Russia

Economia23 giugno 22, 13:42Aggiornato il 23 giugno 22 17:33autoreLorenz Grunfield

La Germania sta passando alla fase due del suo piano di emergenza del gas a causa della riduzione delle forniture di gas dalla Russia. Lo ha annunciato il ministro dell’Economia tedesco Robert Habeck, che parla di “crisi del gas”. La Germania, insieme all’Italia, è il maggiore acquirente europeo di gas russo.

Il ministro tedesco dell’Economia e del clima Robert Habeck Agenzia portuale nazionale / Agenzia per la protezione ambientale

La seconda fase

Con l’avvio della seconda fase del piano di emergenza in tre fasi, le società energetiche potranno aumentare i prezzi del gas per i clienti nella speranza che la domanda diminuisca in questo modo. In precedenza, il governo tedesco aveva annunciato che avrebbe riavviato le centrali elettriche a carbone per generare elettricità al fine di fornire più gas. Una misura che ha rivitalizzato anche i Paesi Bassi.

Gli stati membri europei sono in corsa contro il tempo per riempire gli impianti di stoccaggio del gas per il prossimo inverno. A maggio, gli Stati membri hanno convenuto di raggiungere una capacità collettiva dell’80%. Questo è ora solo il 55%. Nei Paesi Bassi le riserve di gas sono piene per metà.

Leggi anche | “Una maggiore possibilità di un arresto completo delle pompe di benzina russe”

Il prossimo passo in Germania sarà la terza fase, il che significa che il governo può chiedere alla compagnia nazionale del gas di razionare il gas. Le famiglie restano al riparo il più a lungo possibile e, in primo luogo, l’industria dovrà quindi fare i conti con le carenze.

È uno scenario che desta molta preoccupazione in Germania. L’associazione industriale tedesca BDI avverte che una chiusura completa del gas russo porterà “inevitabilmente” a una recessione. Il ministro tedesco Habeck ha descritto il calo dell’offerta come un “attacco economico” alla Germania.

Leggi anche | Ricerca: l’attività economica nell’area dell’euro si indebolisce notevolmente

Olanda

Resta da vedere se anche l’Olanda passerà alla seconda fase. I Paesi Bassi hanno preso la decisione quasi contemporaneamente alla Germania di utilizzare nuovamente centrali elettriche a carbone per generare elettricità. La differenza è che i Paesi Bassi sono meno dipendenti dal gas russo e non hanno ricevuto gas russo da metà giugno a causa del rifiuto di pagare in rubli.

Le aziende olandesi si sono già impegnate a risparmiare energia e le famiglie sono state invitate da tempo a consumare meno gas. È noto, tuttavia, che Germania e Paesi Bassi stanno attivamente coordinando strettamente le loro politiche energetiche.

Segui gli ultimi sviluppi sulla guerra in Ucraina tramite il nostro blog live

READ  L'Italia attracca su una nave umanitaria che trasporta 800 migranti

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24