dita storte? Forse lo devi ai Neanderthal

Questo è il primo: dalla comparsa dei primi esseri umani – circa 7 milioni di anni fa – molte specie umane hanno camminato sulla terra. IL Homo sapiensquindi siamo l’ultima specie rimasta.

Siamo discendenti Homo Heidelbergensis, proprio come Neanderthal e Denisovani. Queste ultime due specie si sono estinte, ma grazie alla ricerca sul DNA sappiamo che vivono ancora in noi.

Lo sappiamo applicato ai Neanderthal dal 2010, quando il DNA di questa specie è stato mappato e confrontato con gli umani moderni. Nelle persone di discendenza europea o asiatica, circa dall’1 al 4 per cento del genoma risulta essere omologo. Il che significa: i Neanderthal ei nostri antenati hanno fatto sesso tra loro circa 70.000 anni fa. In effetti, nacquero figli di entrambe le specie umane. In questo senso, anche i Neanderthal appartenevano (poco) ai nostri antenati.

influire sulla nostra salute

Negli ultimi anni abbiamo imparato sempre di più sul significato di questo pezzo di Neanderthal che vive in noi. Colpisce anche la nostra salute.

Ad esempio, è stato recentemente scoperto che alcune varianti genetiche dei Neanderthal aumentano il rischio di infezione con una forma pericolosa del virus. Sebbene esistano varianti genetiche di questa specie umana che in realtà ci proteggono dal coronavirus. “Ci sono anche collegamenti con malattie immunitarie e diabete”, afferma Martin Larmuso, genetista e genealogista e professore alla KU Leuven.

Quella piccola percentuale del nostro gene di Neanderthal, dice lo scienziato, contiene molti dati utili. “Quindi questo rapporto non è solo neutro. Ci sono aspetti positivi e negativi”.

Dita ricurve

Ora sembra che anche le varianti genetiche di Neanderthal abbiano qualcosa a che fare con le dita storte, altrimenti note come malattia di Dupuytren. La ricerca, condotta dal Karolinska Institutet di Stoccolma, consiste in una meta-analisi di diversi database di DNA.

READ  I propulsori russi spingono temporaneamente la ISS in una posizione diversa - IT Pro - Notizie

Secondo Larmuseau, questo è uno studio affidabile. Uno dei coautori, Svante Pääbo, ha già vinto un premio Nobel. Lo svedese è stato il primo a mappare il DNA dei Neanderthal e successivamente anche dei Denisovani, un’altra specie umana che vive in noi.

per me ricerca Per una spiegazione genetica della malattia di Dupuytren, gli scienziati hanno identificato tutta una serie di varianti genetiche associate alla malattia. Quindi risulta che alcune delle varianti importanti sono geni di Neanderthal. “Questa condizione è poligenica. Ciò significa che sono coinvolte più varianti genetiche”, afferma Larmuseau. “Questo lo rende molto complicato.”

Hans Kazan: Il caos ha minacciato il mio lavoro

Nella malattia di Dupuytren, il tessuto connettivo della mano diventa progressivamente più corto, più spesso nell’anulare, nel medio o nel mignolo. Di conseguenza, non è più possibile raddrizzare una o più dita.

Questo può avere conseguenze spiacevoli. Ne soffre anche il truffatore Hans Kazan, ha scritto su Instagram tre anni fa. Quando si è trovato di fronte a questo quando aveva vent’anni, “è stato un vero shock”. “Questa malattia ha minacciato i miei piani futuri come mago!”

Dopo l’operazione, le cose sono andate bene per alcuni anni. Dopo il suo cinquantesimo compleanno, Dupuytren “ha colpito con tutte le sue forze”. “All’inizio sono stato in grado di adattare la mia tecnica magica alla mia disabilità, ma in seguito è diventato impossibile operare”. Dopo il “lavoro magico” del chirurgo posso fare di nuovo la magia, anche se la malattia “incombe sulla mia testa”, libri Lui.

Non esiste una cura

Pertanto, non esiste un trattamento che eliminerà la malattia di Dupuytren. I farmaci non aiutano. A volte la chirurgia può aiutare temporaneamente. Lo sviluppo della malattia di Dupuytren può anche avere una causa non ereditaria. di più in Thuisarts.nl

READ  Le abilità matematiche degli adolescenti stanno peggiorando: sono state poste loro queste domande | scorso

Perché interessante?

A cosa serve questa conoscenza? Secondo i ricercatori, il caso è un buon esempio di come il DNA di Neanderthal possa aiutare a spiegare le differenze regionali nelle malattie.

“Questo incrocio tra le due specie umane rende gli europei diversi dalle persone provenienti dall’Africa. Le persone di discendenza europea o asiatica una volta migrarono dall’Africa e poi si mescolarono con i Neanderthal. Questo gene di Neanderthal lo trovò meno comune nelle persone provenienti dall’Africa”.

In altre parole, la condizione è più comune in Europa che in Africa. Questa ricerca mostra che ciò è in parte dovuto al fatto che gli antenati degli europei si incrociarono con i Neanderthal.

Questo spiega anche perché la deviazione è particolarmente comune in Scozia, Islanda e Norvegia. In quest’ultimo paese, circa il 30 per cento degli uomini di età superiore ai 60 anni soffre di questa condizione.

Gli antenati non sono vichinghi

Per questo motivo, le dita storte sono anche conosciute come malattia vichinga o artiglio celtico. E lo scienziato fiammingo ci tiene a sottolineare che “non ha niente a che fare con i vichinghi”. “La gente ama assolutamente la storia perché la vedi più a nord. Ma questo non significa che se hai questa condizione, i tuoi antenati erano vichinghi. Ora puoi dire: i Neanderthal hanno qualcosa a che fare con questo.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24