Esagerato, prevedibile, intelligente, divertente a volte, ma non infallibile

Una cosa è certa. A molti mancherà. Quando serve di nuovo la pace in un dibattito politico tedesco o europeo, per un voto moderato, per un nuovo accordo. Quando ancora serve un esempio politico per dimostrare che si può esercitare il potere anche senza fronzoli eccessivi, senza privilegi esorbitanti, senza amici discutibili. Se c’è bisogno di i piedi per terra.

Dopo sedici anni da cancelliere e quattro governi, la carriera politica di Angela Merkel finirà presto. Una volta che ha governato con il piccolo Partito Liberale Democratico, ha formato tre volte una coalizione con i socialdemocratici della SPD. Nel 2017, sembrava che stesse per dire addio. La storia racconta che dopo la Brexit e l’elezione di Trump, il presidente Obama, tra gli altri, lo ha invitato a rimanere – come bastione democratico in un’epoca politica segnata dal populismo.

Con la scomparsa della Merkel, la canonizzazione politica era latente. Non è necessario. Merkel non è una santa e Merkel ha anche controverse risoluzioni a suo nome. È una polizza privata.

Sedici anni sono tanti: la Merkel è diventata cancelliere prima dell’introduzione dell’iPhone. Nelle elezioni del Bundestag della prossima settimana, per la prima volta, andranno alle urne giovani tedeschi che non ricordano che la Germania aveva un altro cancelliere, che non ricorda che la Germania era governata da un uomo. La domanda è: è salutare per un partito politico o per un sistema democratico se l’accesso ai vertici viene impedito per lungo tempo? Da quando la continuità ostacola l’innovazione? Negli ultimi anni la Merkel ha fatto abbastanza per il clima, la questione politica che potrebbe plasmare la vita di questi giovani elettori?

READ  Rilasciate le attiviste per i diritti delle donne in Arabia Saudita

Durante quei sedici anni, molte crisi hanno bussato alla sua porta. La crisi finanziaria del 2008, che si è trasformata nella crisi dell’euro. L’annessione della Crimea da parte della Russia e l’intervento della Russia in Ucraina nel 2014. E, naturalmente, la crisi dei rifugiati nel 2015 – quando ha pronunciato le parole che rimarranno con lei per sempre: fallo. Questo è stato seguito dall’ascesa del populismo di destra con Brexit e Trump all’estero e la rapida crescita del Partito Alternativo di estrema destra in patria.

Nella crisi dell’euro, la Grecia ha mantenuto la piattaforma e potrebbe aver salvato l’unione monetaria. Le riforme necessarie furono anche di vasta portata e devastanti. Comunque l’hanno reso uno spauracchio in Grecia. Anche altre decisioni prese all’epoca furono controverse, come richiedere alle banche di contribuire ai salvataggi, il che fu un male per l’Italia e la Spagna. In quei paesi, non riusciva a spiegare correttamente perché l’unione monetaria fosse organizzata in modo tale che il paese esportatore, la Germania, ne beneficiasse molto, mentre il Sud fu costretto a fare tagli severi.

Nella crisi dei rifugiati, ha mostrato la Germania con un volto umano, ma in questo ha sorpreso il suo Paese. L’AfD, nato come partito anti-euro, è diventato un partito anti-immigrazione e ha guadagnato una posizione stabile nel Bundestag nel 2017, sebbene molti partiti non vogliano collaborare con esso. Gli elettori conservatori stufi della Merkel da allora hanno virato a destra. La Democrazia Cristiana ha fatto tutto il possibile per decenni per impedirlo.

L’ultima fase della sua carriera è stata segnata da un’epidemia, inondazioni e la caduta di Kabul, per la quale anche la Germania non era preparata. La pandemia ha dimostrato ancora una volta quanto sia burocratica e antiquata (per la mancanza di una digitalizzazione sufficiente) in Germania. Le inondazioni della scorsa estate hanno ucciso 180 persone.

READ  L'eruzione del vulcano La Palma minaccia l'oro giallo: "Le nostre piantagioni di banane vengono inghiottite"

In sedici anni ha sorpreso due volte il suo pubblico: con la crisi dei rifugiati e l’abolizione del nucleare dopo il disastro di Fukushima. Il suo marchio in particolare era un misto di facilità e tenuta, pragmatismo e competenza. Il suo stile ha dato a molti tedeschi la sensazione che il paese sia in buone mani con lei; La Merkel non ha dato loro motivo di temere una rivoluzione. Ma visto il clima, ora è necessaria una rivoluzione, sicuramente nel paese automobilistico della Germania.

In ogni caso, la Germania e l’Europa si troveranno presto di fronte a un vuoto, e resta da vedere chi lo colmerà. Ad ogni modo, hai fatto molta strada come cancelliere della Germania quando un sondaggio europeo ha mostrato che in un’ipotetica elezione, gli europei preferirebbero vederti come presidente dell’Europa piuttosto che come presidente francese. Nella stessa Germania, alcune persone dicono di sentirsi insicure al pensiero della sua imminente partenza.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24