Esclusivo – La Banca centrale europea fa pressioni sulla Raiffeisen Bank austriaca affinché lasci la Russia – fonti

Cinque esperti hanno detto a Reuters che la Banca centrale europea sta facendo pressioni sulla Raiffeisen Bank International austriaca affinché metta fine alle sue attività altamente redditizie in Russia.

La pressione arriva dopo che un alto funzionario delle sanzioni statunitensi durante una visita a Vienna il mese scorso ha espresso preoccupazione per le attività di Raiffeisen in Russia, ha detto un’altra persona a conoscenza della questione, che ha chiesto di non essere nominata a causa della sensibilità.

La pressione di Washington e della Banca centrale europea sta alzando la posta in gioco per l’Austria e la sua seconda banca più grande, che svolge un ruolo chiave nell’economia russa ma anche un ruolo sempre più controverso mentre la guerra di Mosca in Ucraina si trascina. Molte aziende occidentali, tra cui la banca francese Société Générale, hanno già lasciato la Russia.

Sebbene la BCE non chieda a Raiffeisen di lasciare immediatamente il paese, vuole un piano d’azione per chiudere l’attività, hanno detto due persone. Una persona ha affermato che un tale piano potrebbe includere la vendita o la chiusura della banca russa.

“Abbiamo chiesto alle banche di monitorare da vicino le attività in Russia, e idealmente limitare e ridurre il più possibile”, ha detto un portavoce della BCE, aggiungendo che hanno fatto lo stesso con tutte le istituzioni coinvolte da quando Mosca ha invaso l’Ucraina.

Tuttavia, Raiffeisen non ha ancora intenzione di introdurre un piano del genere, ha detto la gente, e alcuni funzionari del governo austriaco vedono le mosse come un’interferenza straniera ingiustificata.

Un portavoce di Raiffeisen ha affermato che la società sta valutando opzioni per la sua attività in Russia “inclusa un’uscita gestita con cura” e sta “accelerando” la sua valutazione, aggiungendo che ha anche ridotto i prestiti nel paese.

READ  Il Ristorante Aroma è stato nominato "Miglior Ristorante Italiano" e l'attività è entrata anche a far parte della JRE

L’istituto di credito austriaco è ora la principale banca occidentale della Russia, fornendo un’ancora di salvezza per i pagamenti e rappresentando circa un quarto dei trasferimenti in euro nel paese, sebbene altre banche, come l’italiana UniCredit, rimangano.

Dopo una settimana di turbolenze bancarie globali, i funzionari della Banca centrale europea sono riluttanti a fare pressione su Raiffeisen per una vendita immediata, ha detto una persona, temendo il colpo finanziario che potrebbe causare.

Un portavoce del ministero delle Finanze austriaco ha affermato che, sebbene non vi sia alcun ritorno allo status quo nei rapporti con la Russia, “la maggior parte” delle società internazionali, comprese le banche, rimarranno lì.

“C’è un commercio significativo in corso tra la Russia e il resto del mondo in merci come grano, fertilizzanti, petrolio, gas, nichel e altri minerali che richiedono… pagamenti”, ha detto il portavoce.

Alte aspettative

A gennaio, la US Sanctions Authority ha avviato un’indagine su Raiffeisen per le sue attività legate alla Russia.

Due persone con conoscenza diretta del caso hanno detto a Reuters che l’indagine riguarda possibili violazioni delle sanzioni occidentali. Raiffeisen ha affermato che l’indagine è stata di carattere generale.

L’inchiesta, che ha messo a dura prova i rapporti tra Vienna e Washington, potrebbe essere pericolosa per l’Austria, che si è presentata come un ponte tra Oriente e Occidente, facendo di Vienna una calamita per il denaro russo.

James O’Brien, un alto funzionario per le sanzioni del Dipartimento di Stato americano, ha espresso chiare preoccupazioni degli Stati Uniti su Raiffeisen e sui suoi rapporti con la Russia durante i colloqui a Vienna a febbraio, ha detto una delle persone.

READ  Agenzia dati: MSC supera Maersk come più grande compagnia di spedizioni di container

“L’ambasciatore O’Brien e gli austriaci hanno discusso della nostra stretta collaborazione sulle sanzioni in risposta all’ulteriore invasione illegale dell’Ucraina da parte della Russia”, ha detto un portavoce del Dipartimento di Stato quando gli è stato chiesto della visita.

Un portavoce di Raiffeisen ha affermato che la banca è nelle “prime fasi” della raccolta di informazioni per rispondere alla lettera investigativa dell’Office of Foreign Assets Control (OFAC) del Tesoro degli Stati Uniti.

Durante la visita del presidente austriaco Alexander van der Bellen a Kiev il mese scorso, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha criticato le società austriache che continuano a fare affari in Russia, indicando Raiffeisen per il suo sostegno a Mosca.

La banca è stata anche presa di mira dagli investitori dopo essere stata coinvolta in un piano russo per concedere prestiti differiti alle truppe che combattono in Ucraina.

Mentre la posta in gioco è alta, alcuni funzionari austriaci sperano di poter aspettare abbastanza a lungo per una soluzione negoziata alla guerra per riprendere il normale commercio con la Russia, hanno detto tre persone che hanno familiarità con la questione.

Alexander Schallenberg, ministro degli Esteri austriaco, ha affermato che mentre era “legittimo” per le autorità statunitensi avvicinarsi a Raiffeisen, l’Austria era la principale responsabile dell’imposizione delle sanzioni.

Le autorità statunitensi potrebbero arrivare al punto di vietare a qualsiasi banca di elaborare transazioni in dollari, una mossa che infliggerebbe un duro colpo a Raiffeisen e che i regolatori dell’eurozona temono possa destabilizzare la banca.

La banca lettone ABLV è stata rapidamente messa sotto esame dopo essere stata colpita dalle sanzioni statunitensi nel 2018 per timori relativi ad attività illegali in gran parte legate alla Russia.

READ  Come i filosofi continuano la loro lotta contro il fascismo

Anche alcuni legislatori austriaci sono critici nei confronti della posizione del governo.

“Le autorità di regolamentazione devono indagare sui rischi delle attività di Raiffeisen dal primo giorno di guerra”, ha detto a Reuters la scorsa settimana Stephanie Kreisber, deputata del partito liberale di opposizione Neuss.

“Per anni, le relazioni con Mosca hanno permeato il nostro sistema politico – e ora la dipendenza economica e politica dalla Russia è finalmente visibile”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24