Esportatori di fossili: cosa rientrerà nella Convenzione di Glasgow non è chiaro?

Le organizzazioni ambientaliste stanno ancora aspettando i dettagli più fini. “Ma sembra che la stragrande maggioranza degli investimenti del governo olandese nei combustibili fossili rientri negli accordi, quindi si fermeranno”, afferma Nils Hazekamp dell’organizzazione ambientale BoothEnds. “Sono molto contento di questo.”

Hazekamp afferma che gli investimenti in gas e petrolio stanno frenando i progetti solari ed eolici. “In Mozambico, ad esempio, sono stati investiti 20 miliardi in un nuovo progetto di gas. Questo è stato in parte da denaro olandese. Di conseguenza, il governo del Mozambico è stato legato al reddito e alle emissioni del gas per 30 anni. È stato anche possibile investire questi soldi al sole e al vento. È il Mozambico. Molto adatto a lei. “

Politica sui token?

Tuttavia, le organizzazioni imprenditoriali VNO-NCW e MKB-Nederland ritengono che la mossa olandese non aiuterà i paesi in via di sviluppo come il Mozambico a scegliere progetti energetici sostenibili. Ha aggiunto: “Ci sono buone possibilità per la continuazione di nuovi progetti di gas perché non tutti i paesi firmano la dichiarazione”.

L’idea è che i concorrenti stranieri rubino rapidamente ordini da draghe e costruttori navali olandesi. Quindi VNO-NCW si chiede se non sia “una politica simbolica che ha conseguenze negative per le nostre aziende”. L’EO ritiene che potrebbe costare 13.000 posti di lavoro. Il Ministero delle Finanze assume oltre 2.000 posti di lavoro.

alternative

Un altro scenario è che le stesse aziende olandesi si rivolgano a governi stranieri che non hanno firmato gli accordi. E lo sta già facendo l’olandese SBM Offshore, che per un progetto petrolifero brasiliano si è assicurata garanzie da agenzie di credito all’esportazione giapponesi e italiane.

READ  La missione di Koeman è in pericolo prima che visiti Barcellona e Atletico Madrid

Atradius DSB definisce anche l’assicurazione del credito all’esportazione di altri paesi un “concorrente principale”.

Ma la domanda è se rimarrà così. “I Paesi Bassi ora chiedono anche ad altri paesi di firmare l’accordo”, afferma Hazekamp di Two Ends. “Sempre più paesi stanno facendo lo stesso”. Nel frattempo, paesi come Germania, Spagna e Italia hanno aderire. “Anche in Belgio, dove ci sono molti concorrenti delle aziende olandesi, la pressione sta crescendo”.

Hazekamp crede che questo stia rendendo sempre più difficile per le aziende trovare sicurezza per progetti fossili pericolosi. “Spero che il governo aiuti queste aziende in modo che possano schierare le loro persone intelligenti per innovare nel campo dell’energia eolica e solare. Quindi la transizione sarà un po’ più veloce”.

Opportunità nella Nuova Energia

A Vonk a Zwolle, stanno già lavorando per trasformare i fossili da sostenibili. “Le opportunità risiedono nelle nuove energie”, afferma van Mourik, che sta realizzando sempre più progetti sull’idrogeno con la sua azienda. “Petrolio e gas alla fine saranno limitati. Anche se continueremo a fare progetti fossili finché saranno redditizi”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24