Estradizione negli Stati Uniti di una figura chiave del regime di Maduro | All’estero

Saab è stata arrestata a Capo Verde l’anno scorso sulla base di un mandato di cattura statunitense. Si dice che l’uomo d’affari gestisca una rete con il suo socio in affari, Alvaro Pulido, che ha approfittato degli aiuti alimentari destinati al Venezuela. Si dice che abbiano trasferito 350 milioni di dollari (più di 300 milioni di euro) dal Venezuela su conti bancari negli Stati Uniti e in altri paesi. Sia Saab che Pulido possono ricevere fino a vent’anni di carcere.

Il presidente colombiano Ivan Duque parla di una “vittoria nella lotta contro il traffico di droga, il riciclaggio di denaro e la corruzione, tanto cara alla dittatura di Maduro”. Secondo Duque, la Colombia “continuerà a sostenere gli Stati Uniti nelle indagini sulla rete criminale transnazionale guidata da Saab”.

Capo Verde ha accettato il mese scorso di estradare il colombiano. Tuttavia, l’avvocato di Saab sostiene che l’estradizione è illegale perché le procedure legali relative al caso a Capo Verde non sono ancora state completate.

Jorge Rodriguez, che sta conducendo i negoziati con l’opposizione per conto del governo venezuelano, ha sospeso i colloqui previsti per domenica sull’estradizione. Inoltre, sei dirigenti di Citgo, la sussidiaria statunitense della compagnia petrolifera statale venezuelana PDVSA, sono stati trasferiti al quartier generale dei servizi di intelligence venezuelani nella capitale Caracas. In precedenza erano stati posti agli arresti domiciliari dopo il loro arresto nel 2017 a seguito di un mandato di comparizione della PDVSA.

Domenica sono previste trattative con l’opposizione venezuelana in Messico per risolvere la crisi politica ed economica del Paese. Tuttavia, Rodriguez ha indicato che il governo non sarà presente. Saab è stato aggiunto alla squadra negoziale del governo il mese scorso.

READ  La Grecia si prepara a un'ondata di caldo fino a 43 gradi | all'estero

In una dichiarazione, Rodriguez ha descritto la decisione di porre fine ai negoziati come “un modo per esprimere la nostra più profonda protesta contro la brutale aggressione contro la persona Alex Saab Moran e il suo ufficio”. Il leader dell’opposizione, l’autoproclamato presidente ad interim, Juan Guaido, ha condannato la decisione del governo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24