GGD fa accidentalmente a una donna una seconda iniezione con il vaccino sbagliato: “errore umano”

Un dipendente della GGD amministra il vaccino contro il Coronavirus ad Ameland.Foto ANP

Quando la figlia della signora Brinksma ha guardato attentamente la scheda di registrazione delle vaccinazioni post-iniezione di sua madre, non sapeva cosa avesse visto. L’11 aprile, a sua madre è stato somministrato un vaccino Pfizer. E lunedì 17 maggio è stato somministrato il vaccino AstraZeneca. “Speravamo ancora in un errore di battitura”, dice Susan Shaving, un’altra figlia della signora Brinksma. Ma GGD ha chiamato di nuovo per confermare che era stato commesso un errore da un nuovo dipendente. Questo è quello che è successo prima.

GGD conferma l’errore. Inoltre, è successo più volte prima che a una persona venisse somministrato accidentalmente il vaccino sbagliato. Troviamo questo molto sconvolgente per questa signora. “ Non sarebbe dovuto accadere davvero ”, dice un addetto alle comunicazioni. “Le abbiamo assicurato che non è in pericolo medico ora che le sono stati somministrati due vaccini diversi”.

L’oratore parla dell’errore umano dopo aver controllato due volte. All’arrivo e alla “linea di iniezione”, viene esaminato il vaccino per il quale la persona sta arrivando.

Protezione con due diversi vaccini

Ma secondo mia figlia, la signora Brinksma, i segnali sul sito di vaccinazione non sono chiari. La prima persona che mia madre ha dovuto mostrare le sue carte per dire, Pfizer, cammina dritto. Quindi un dipendente ha detto dove sedersi. Prima che venisse forata, un terzo impiegato ha controllato i suoi documenti. Sembra che quella donna non stesse bene. Ma non c’erano nemmeno indicazioni che fosse l’angolo dell’AstraZeneca.

GGD IJsselland sta ora creando un check-in aggiuntivo. All’arrivo tutti riceveranno un adesivo con il colore e il nome del vaccino. “In modo che diventi più chiaro quale vaccino dovrebbero ricevere”.

Sua figlia dice che la signora Brinksma ha la nausea martedì mattina e ha mal di testa. Si chiede se sua madre ora sia sufficientemente protetta.

“Partiamo dal presupposto che la donna sia adeguatamente protetta, oltre ai due diversi vaccini”, conferma un portavoce del GGD. “Ora stiamo dando alle persone gli stessi vaccini perché non ci sono ancora dati scientifici sufficienti per dimostrare che due diversi vaccini forniscono anche una protezione adeguata”.

In ogni caso, la signora Brinksma non riceverà una terza iniezione di vaccinazione o con Pfizer. Ciò è conforme alle linee guida RIVM. Quindi gli effetti collaterali possono essere pericolosi.

GGD Amsterdam ha commesso un errore simile in precedenza. Un operatore sanitario di 60 anni ha ricevuto un’iniezione di Pfizer lì a febbraio e un altro vaccino con il vaccino AstraZeneca il 1 marzo. Fino ad allora GGD ha parlato di errore umano.

READ  Perché alcuni anziani hanno ancora una mente acuta e altri no

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24