Giro 2021: Dombrovsky vince a Sestola, vince De Marchi rosa, campo di battaglia tra i favoriti

Giro 2021: Dombrovsky vince a Sestola, vince De Marchi rosa, campo di battaglia tra i favoriti

Joe Dombrowski ha vinto la sua prima tappa seria di arrampicata al Giro d’Italia. Dopo un piovoso viaggio di 187 km fino alla Sistola, l’americano proveniente dagli Emirati Arabi Uniti è stato il migliore tra un folto gruppo di rifugiati. Alessandro de Marchi è arrivato secondo e ha preso in mano la maglia rosa di Filippo Jana. I candidati hanno gareggiato in background: Egan Bernal, Mikel Landa, Alexander Vlasov, Hugh Karthy e Julio Ciccone hanno vinto il tempo.

Il volo non scappa
È stato il primo attacco di due belgi in caso di pioggia. Victor Campinartes (Qhubeka ASSOS) e Quinten Hermans (Intermarché-Wanty-Gobert) si sono incontrati, ma non hanno ricevuto un comportamento sicuro. Diversi passeggeri del gruppo volevano attraversare, ma non sono scappati. Di conseguenza, il divario è rimasto a lungo intorno ai 25 secondi. Dopo trenta chilometri, è apparso un gruppo di cacciatori, a cui è stato dato spazio. Per un momento, il gruppo sembrò essere d’accordo, ma erano ancora dieci e tre che si voltarono. Peloton lo ha permesso.

Quentin Hermans in testa al gruppo ammiraglia – Foto: Coeur Voss

Poi un gruppo pionieristico di 25 uomini si è unito dopo cinquanta chilometri, tra cui Queen de Corte (Trek Segafredo), Louis Vervaeck (Alpsin-Phoenix), Peter Serry (Deckonink-Kwik Step), Quentin Hermans (Intermarshi-Ante-Joubert), Victor Kampinarts (Qhubeka ASSOS). Il primo classificato è stato Movistar Nelson Oliveira, a 32 secondi dalla maglia rosa. Sei squadre non avevano un concorrente in testa, per l’esattezza Lotto Soudal, Astana Premier Tech, Ineos Grenadier, Jumbo-Fisma, EF Education-Nebo e Bora-Hansgrohe.

READ  Sportcourt: Lorena Webbs vince il Giro del Belgio nella prima tappa | sport

Composizione del gruppo capofila:

Andrea Vendram (AG2R Citroen), Louis Vervaeck (Albicin-Phoenix), Filippo Tagliani, Nicola Finchiarotti (Androni Giocattoli Cedermek), Jan Tratnik (Bahrain Victorious), Filippo Fiorelli, Filippo Zana, Samuel Zukarato (Pardiani-CS) Nicholas Edith (Covidis ), Peter Serry (Deconink Quick Step), Martin Dina, Francesco Javazzi (Iolo Comita), Attila Walther (Groupama FDG, Quentin Hermans, Ryan Taramayh (Intermarshi e Ante de Marchi) e Alessandro de Marchi (Israel Start-Up Nation), (Movistar), Christopher Jules-Jensen (BikeExchange), Victor Campinirts (Qhubeka ASSOS), Queen de Corte, Amanuel Gebregsaber, Jacobo Moska (Trek Segafredo), Valerio Conte, Joe Dombrowski (Emirati Arabi Uniti)

Il gruppo di testa ha condotto per sei minuti, dopodiché Astana-Premier Tech e INEOS Grenadiers si sono messi al timone del gruppo. Il capitano della classifica Filippo Jana è stato il ragazzo che ha fatto il lavoro di testa e ha mantenuto la differenza per circa cinque minuti. Nella prima salita della giornata, Francesco Javazzi Castillo de Carpinetti ha catturato i punti di montagna, ma durante la discesa i tre si sono separati dal gruppo di testa. Jules-Jensen, Hermans e Tarama si allontanarono sotto la pioggia battente e si dedicarono rapidamente al loro inseguitore per un minuto.

Filippo Jana presiede il plotone – Foto: Cor Vos

Tarama e Yol Jensen se ne vanno
Con uno scarto di oltre un minuto dagli inseguitori e 6,30 minuti sul gruppo, i tre comandanti sono partiti su Montemolino, dove hanno proseguito la loro avanzata. Da questo Si sta muovendo Hermans (a 53 secondi da Jana) era il portatore predefinito della maglia rosa, seguito da Tarama (a 57 secondi). Juul-Jensen (nei 10m20) non ha avuto alcun ruolo nella maglia del capitano finale e ha lasciato il lavoro per i suoi compagni di squadra Intermarché-Wanty-Gobert.

READ  Il PSV porta Marco van Ginkel al PSV per la quinta volta | calcio

Subito sotto la vetta, nella parte più ripida del Montemolino, Hermans dovette fuoriuscire sul fronte. Poi Taaramäe ha preso le vette più alte, davanti a Juul-Jensen. Tuttavia, i primi stalker sono stati in grado di recuperare una parte del dislivello in salita. Il gruppo ha preso le cose con calma e, guidato da Deceuninck-Quick-Step, è arrivato con circa otto minuti di ritardo. Poi il Team Bahrain Victorious ha offerto una mano, e quella squadra ha rotto la tuta durante la discesa bagnata.

Taaramäe e Juul-Jensen – Foto: Cor Vos

Gareggia per la vittoria di tappa e la maglia rosa
A venti chilometri dalla fine ci aspettava la salita non classificata di Montecreto dei corridori. La coppia di testa ha mantenuto il comando per più di un minuto nel Gruppo Due, tra cui Vervaeke, Oliveira, De Marchi, Dombrowski e Mosca. Con un dislivello di 1,05 minuti, Taaramäe e Juul-Jensen hanno iniziato la salita finale al Colle Passerino (4,3 km per 9,9%) iniziata a 6,7 ​​km dalla fine. Vide i due inseguitori avvicinarsi sempre di più.

De Marchi ha dimostrato il suo più forte stalker e ha spinto i suoi compagni fuori dal volante uno per uno. Solo Dombrowski riusciva a malapena a seguire l’italiano, dopo di che si sono uniti a Taaramäe e Juul-Jensen a quattro chilometri dalla fine. Dombrovsky si incamminò quindi da solo per i ripidi vicoli. De Marchi ha dovuto ritirare tutte le fermate, ma ha percorso 3,5 chilometri per superarle. Tuttavia, l’italiano era più in forma nella lotta per la maglia rosa, quindi aveva ancora qualcosa per cui lottare.

Dombrovsky si è portato avanti sulla vetta, conquistando così anche la maglia della montagna, ed è andato in solitaria negli ultimi 2,5 km di onda verso Sestola. Ha mantenuto il vantaggio su De Marchi e ha potuto festeggiare una vittoria di tappa. De Marchi ha seguito l’esempio un po ‘più indietro e ha così preso possesso della maglia rosa. Filippo Fiorelli è arrivato terzo, davanti a Luis Verwijk.

Alessandro de Marchi Nuovo Leader – Foto: Cor Voss

Combattimento preferito
La squadra di candidati è partita troppo tardi per vincere la tappa, ma si è avvicinata sempre di più grazie al lavoro di Bahrain Victorious e Deconink-Quick Step. La seconda testa di serie Tobias Voss è stata una delle prime ad essere liberata ai piedi di Cole Pasirino, e anche Joao Almeida, numero quattro in classifica, ha avuto una brutta giornata. Il portoghese si è ritirato presto e così hanno fatto Fausto Musada e George Bennett più tardi nella salita finale.

READ  30 miglior affare prime day italy : Sconto enorme

Dalla parte anteriore c’è stato un forte attacco di Julio Ciccone, seguito da un’accelerazione di Mikel Landa. Questo, a sua volta, ha portato a una reazione di Vlasov e Bernal. Il colombiano è volato a Landa e Willon, dopo di che si sono uniti anche Hugh Carathy e Vlasov. Alla fine sono stati lasciati a Sestola da un gruppo con Evenepoel e Yates, che hanno tagliato il traguardo di 11 secondi.

I più grandi perdenti: George Bennett e Joao Almeida. Quest’ultimo ha perso più di quattro minuti sui restanti contendenti.

Remco Evenepoel perde tempo, ma ora è l’unico leader – Foto: Cor Vos

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24