Giro 2021: più forte in maglia rosa la vittoria di Lorenzo Fortunato sul Monte Zoncolan ed Egan Bernal

Giro 2021: più forte in maglia rosa la vittoria di Lorenzo Fortunato sul Monte Zoncolan ed Egan Bernal

Sabato 22 maggio 2021 alle 17:02

Lorenzo Fortunato diventa il sorprendente vincitore della gara del Monte Zoncolan. L’italiano si è rivelato il corridore più forte nella prima metà dell’ultima leggendaria salita. Jan Tratnik è arrivato secondo e Alessandro Covey terzo. Egan Bernal ha rotto i suoi rivali negli ultimi chilometri e ora guida in modo più aggressivo con la maglia rosa.

La quattordicesima tappa del Giro d’Italia ha portato il gruppo in vetta al mitico Monte Zoncolan. Con una lunghezza di 14,5 chilometri e una pendenza media dell’8,5%, la salita dal Sutrio è stata meno impegnativa rispetto alla variante dall’Ovaro, ma i ripidi chilometri finali porterebbero comunque a grandi cambiamenti nella valutazione complessiva.

Mollima su un primo volo
Nei primi chilometri dal teatro, undici passeggeri hanno già deciso di battersi per una fuga anticipata a loro favore. Nomi? George Bennett, Bock Molima, Eduardo Aveni, Jan Tratnik, Nelson Oliveira, Vincenzo Albanese, Alessandro Covey, Andre Ponomar, Vincenzo Albanese, Remy Rochas, Jacopo Musca e Lorenzo Fortunato.

Per quanto riguarda le opportunità di break iniziale, la condivisione di Mosca e Affini, che avevano due promettenti leader sul set con Bennett e Mollema, è stata una buona cosa: anche a causa del loro ritmo da appartamento, gli undici profughi sono stati in grado di ottenere un vantaggio per più di otto minuti. .

George Bennett su Early Flight – Foto: Cor Vos

Astana-Premier Tech mostra ambizione
Prima di partire dal Monte Zoncolan, i corridori hanno dovuto attraversare la Forcella Monte Rest (11,5 chilometri con il 6%). Lì è diventato evidente che l’Astana-Premier Tech non aveva intenzione di dare al gruppo di testa una vittoria sul palco proprio come questa. Con una grande accelerazione in velocità, hanno impiegato alcuni minuti di accumulo durante il volo.

READ  Parlando di Romeo e Giulietta

Durante la discesa, il gruppo si è rotto a causa loro. La maggior parte dei piloti della classifica erano nel gruppo di testa, ma Remco Evenepoel no. Il belga di Daikonink-Kwik-Stipe si è ritrovato nel terzo set, un tempo più di mezzo minuto dietro al gruppo con Alexander Vlasov e Igan Bernal.

Deceuninck-Quick-Step è riuscito a correggere la posizione di gara entro dieci chilometri. A 38 chilometri dalla fine, il gruppo è calmo ei corridori davanti sono nuovamente aumentati a sei minuti.

Sette concorrenti partono dal Monte Zoncolan, attaccando Tratnik e Fortunato
Sette dei migliori concorrenti alla fine hanno iniziato a Monte Zoncolan: Bennett, Molima, Ratnik, Oliveira, Coffey, Bunomar e Fortunato. Rochas e Albanese dovettero svuotare prima, e Avigny e Musca fermarono la carrozza ai piedi della salita dopo tutto il lavoro svolto nell’appartamento.

Poi ha attaccato per primo Tratnik. Il Bahrain Victorious è entrato in collisione a 40 secondi dal resto del gruppo in ascesa, ad eccezione di Fortunato. L’italiano di EOLO-Kometa ha contrattaccato e ha chiuso a sette chilometri con lo sloveno.

Mollima e Bennett non hanno potuto seguirlo
Mollima e Bennett non potrebbero essere migliori? O aspetteranno gli ultimi chilometri molto ripidi? Poco dopo abbiamo avuto una risposta a questa domanda: non poteva essere migliore. Negli ultimi tre chilometri Covey si è allontanato dalla Nuova Zelanda e dall’olandese.

È apparso evidente che Fortunato e Tratnik avrebbero gareggiato per la vittoria di tappa. Poi il venticinquenne italiano è scattato a 2,5 chilometri dalla fine. Successivamente, Tratnik è andato completamente in mare.

Fortunato segna la prima vittoria da professionista
Nel chilometro finale la fortuna si rivela dalla parte di Fortunato. Il concorrente EOLO-Kometa ha fatto un grande regalo alla sua squadra nel primo grande round battendo il mitico Monte Zoncolan. Traatnik ha preso il secondo posto dopo pochi secondi e Covey ha preso il terzo.

READ  Da dove vengono tutti quei classici film italiani su Netflix?

Tra i candidati, il team Ineos Grenadiers ha preso il comando sul Monte Zonkolan. Inizialmente, questo non ha causato molti danni. Solo Vincenzo Nepalese doveva passare in anticipo.

Bernal sullo Zonkolan – Foto: Cor Vos

Bernal incrina Yates
Simon Yates esce finalmente dal suo loft a due chilometri dalla fine. Il britannico ha accelerato per la prima volta in questo giro. Solo Bernal in rosa può seguire il corridore del Team BikeExchange. Il colombiano sembrava attraversare un periodo difficile, ma alla fine Bernal è riuscito a spezzare il suo rivale britannico. Così, lo scalatore colombiano ha di nuovo preso un po ‘di tempo sui suoi rivali.

Lo scatenato Bernal ha raggiunto i primi breaker come Mollima (quinto) e Bennett (settimo) per finire al quarto posto.

Evenbuell e Flasov rientrano nelle classifiche mondiali
Evenepoel è stato costretto a rilasciare negli ultimi chilometri e alla fine ha perso più di un minuto e mezzo. Nella classifica generale assegnato un posto. Anche Vlasov ha avuto una brutta giornata. È diminuito da due a quattro.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24