Gli europei immagazzinano 8,5 miliardi di euro di monete antiche

A causa della celebrazione del 25° anniversario, nel 2019 è stato possibile pagare con vecchie banconote presso una macelleria a Leeuwarden.Foto ANP / area novum

Nei Paesi Bassi restano ancora circa 25,6 milioni di fiorini, per un valore totale di 440 milioni di euro, stima De Nederlandsche Bank. Negli anni immediatamente successivi all’introduzione, gli scambi erano ancora alquanto fanatici: nel 2003 si contavano circa 42 milioni di fiorini di carta per un valore di 660 milioni di euro.

Nel 2009 il valore di questo gruppo di banconote è sceso a più di 500 milioni di euro in circa 27 milioni di banconote. Da allora, la pila di fiorini (dimenticata) è diminuita di poco. Le banconote possono essere cambiate fino al 1 gennaio 2032 e le monete non sono più disponibili.

Di gran lunga, la più grande quantità di monete antiche si trova in Germania: una pila del valore di 6,3 miliardi di euro, su un totale di 8,5 miliardi di monete antiche. Le critiche qui sono più comuni che nella maggior parte degli altri paesi europei. Inoltre, la Bundesbank non ha fissato un limite allo scambio di segni in euro, quindi le banconote sono ancora preziose.

Lira italiana

La lira italiana, il franco maltese, il franco francese, la peseta spagnola, il marco finlandese, la dracma greca e la sterlina cipriota non potranno più essere cambiate con l’euro, e l’escudo portoghese non si prenderà più dopo febbraio. Il franco lussemburghese è il meno accaparrato, con un valore complessivo di oltre dieci milioni di euro. La Banca centrale europea sta sviluppando un nuovo design per le banconote in euro, che dovrebbe essere lanciato dagli sportelli automatici intorno al 2024. L’istituto sta anche lavorando a un euro digitale.

READ  Un'isola come un granchio e lo stadio di calcio più grande del mondo: i progetti Paranoid Evergrande

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24