Gli imputati in Italia a volte aspettano fino a dieci anni per un verdetto. Il premier Draghi vuole cambiare le cose

Se un italiano sa quanto sia importante che le cause del suo Paese siano molto più brevi, è Luigi Mazzi. L’imprenditore 58enne è stato arrestato nel 2011 con l’accusa di coinvolgimento in frode, frode fiscale e falso. A quel tempo Mazzei aveva un gruppo di aziende nel settore delle costruzioni e del turismo nel sud Italia.

“La mia sofferenza legale è durata quasi dieci anni”

In primo luogo, la sua condanna è arrivata nel 2017, solo per bancarotta fraudolenta. Il verdetto di assoluzione in appello è arrivato appena quattro anni dopo, lo scorso giugno. “È stato un inferno”, ha detto Luigi Mazzi al telefono da Lamezia Terme in Calabria. “Il mio calvario giudiziario è durato quasi dieci anni. È troppo lungo. È stato ridicolo, eccitante e doloroso. ”

Mazi racconta come tutti quegli anni da sospettato fosse stato evitato da tutti come la peste: “Ero un criminale per il mio ambiente prima di essere condannato”. La banca non poteva più occuparsene, i vecchi soci in affari sono scomparsi e gli amici non hanno dato la casa. “Ero completamente chiuso”.

Il suo matrimonio non è stato in grado di resistere a tutte le pressioni. “Questo è il peggiore. I miei figli erano piccoli quando ho iniziato la causa. Ho perso la mia famiglia”.

La giustizia è un argomento politicamente carico

L’imprenditore è uno degli innumerevoli cittadini le cui vite sono state sconvolte dalla lentissima operazione in Italia. Le cause legali in questo paese richiedono il doppio del tempo in Spagna o in Germania. In particolare, i casi di ricorso richiedono molto tempo. La Corte europea dei diritti dell’uomo lo ha già denunciato più di mille volte a Roma.

Ma i partiti di governo non sono mai stati in grado di migliorare su questo punto, perché la giustizia è un argomento politicamente carico da decenni. Prendiamo Tangentopoli, per esempio, in cui trent’anni fa si affrontava la corruzione endemica nel sistema politico. E a Silvio Berlusconi, il magnate dei media che poi è saltato in un buco politico e ha dovuto comparire in tribunale ogni volta durante i suoi anni da presidente del consiglio e che ha chiamato i giudici “comunisti”.

Ora che il primo ministro tecnocratico Mario Draghi è riuscito a riunire quasi tutti i partiti politici nel suo governo, sembra che questa riforma fondamentale abbia finalmente funzionato. Un grande ringraziamento all’Unione Europea, che ha recentemente promesso al governo italiano di compiere rapidi progressi sulla riforma giudiziaria in cambio di miliardi a pioggia dal Corona Recovery Fund.

Migliaia di aziende italiane potranno crescere

Perché un sistema giudiziario fluido ed efficiente su cui cittadini e imprese possano contare andrà davvero a beneficio degli italiani e della loro economia. Tra le altre cose, il paese è diventato più attraente per gli investitori stranieri che temono ancora di essere coinvolti in cause legali costose e di lunga durata. Migliaia di aziende italiane potranno crescere. Si stima che potrebbe aumentare il PIL dell’1%, circa 16 miliardi di euro.

Il premier Draghi lo sa e ha scelto subito Marta Cartapia come suo ministro della giustizia apartitico quando è entrato in carica a febbraio. In precedenza ha presieduto la Corte costituzionale e sta preparando la riforma. Il Parlamento ha votato questa settimana il primo ampio pacchetto di misure. Il resto seguirà dopo la pausa estiva ei parlamentari dovrebbero approvare l’intera riforma in autunno.

L’imprenditore Luigi Mazzei è entusiasta. “Eccellente che il mio pilota affronti immediatamente le cause lente. Il fatto che a volte ci fossero sei mesi tra le sessioni mi ha fatto impazzire. Se il mio processo avesse richiesto un tempo molto più breve, sarei stato senza dubbio migliore con le mie aziende e la mia famiglia. ”

Più ordini e modifiche per i servizi alla comunità

La riforma del processo giudiziario dovrebbe ridurre la durata di un procedimento penale del 25% e la durata di un procedimento civile del 40%. Ciò avverrà gradualmente nell’arco di cinque anni. Il primo gruppo di procedure riguarda il diritto penale. I ricorsi penali in Italia durano in media 850 giorni, mentre la media europea è di 104 giorni.

Il ministro Marta Cartapia ha deciso che il processo si sarebbe interrotto se questo ricorso non fosse stato completato entro due anni e poi, in Cassazione, non fosse stato completato entro un anno. Ciò non si applica ai reati punibili con l’ergastolo. Viene dato più tempo ai temi della violenza sessuale, della mafia, del terrorismo e del traffico di droga.

Inoltre, “riformare Qurtabia” significa aumentare la frequenza del servizio alla comunità per reati meno gravi per tenere quei casi fuori dai tribunali sovraccarichi. Le parti in causa ricevono incentivi fiscali per risolvere le controversie con l’aiuto di un mediatore. E le singole sessioni dovrebbero diventare più efficienti in termini di contenuto.

Inoltre, il sistema giudiziario sarà digitalizzato e rafforzato con oltre 20.000 nuove persone. Questo è quasi il doppio del numero del personale amministrativo attuale. 2,3 miliardi del Fondo europeo per la ripresa saranno utilizzati per questa forza lavoro aggiuntiva.

Leggi anche:
Draghi vuole dare all’Italia un nuovo volto con i soldi della corona dell’UE: moderno, prospero e fruttuoso

Ne va del destino del nostro Paese, dice il presidente del Consiglio Draghi sui miliardi dell’European Recovery Fund. Il Parlamento sostiene il suo piano di spesa.

READ  Els Grymonprez scambia parti TVH per azienda sanitaria: "Ho chiamato Motena per caso"

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24