Gli scienziati seppelliscono le bustine di tè biodegradabili, in modo che possano essere estratte nuovamente dopo sette mesi

Perché sebbene il termine “biodegradabile” possa suggerire che le bustine di tè si degradino rapidamente per natura, nulla potrebbe essere più lontano dalla verità. Dopo sette mesi, molte delle bustine di tè biodegradabili erano rimaste completamente intatte. E non è tutto; Anche le bustine di tè sembrano essere mortali tra i lombrichi.

Molti consumatori al supermercato fanno scelte sempre più consapevoli. E, naturalmente, una bustina di tè biodegradabile suona come musica per le tue orecchie. Ora sono sul mercato anche nei Paesi Bassi. I produttori utilizzano spesso plastica biodegradabile (chiamata anche PLA). Sembra fantastico ed è molto rispettoso dell'ambiente. Ma non gettatelo nel mucchio del compost, avvertono ora gli scienziati britannici sulla rivista Ecologia olistica. I loro esperimenti rivelano che le bustine di tè realizzate in PLA non si degradano in natura e sembrano addirittura essere dannose per gli organismi che vivono nel suolo, come i lombrichi.

Sistemi di fertilizzazione industriale
Ciò non sarà una sorpresa per i veri esperti. Il PLA, ottenuto da amido di mais o canna da zucchero, è classificato come biodegradabile, ma può essere degradato (rapidamente) solo nei sistemi di compostaggio industriale. Il problema è che molti produttori che utilizzano il PLA non lo menzionano sulla confezione. Esiste quindi la possibilità che persone ben intenzionate lo gettino nel cumulo di compost. Per scoprire esattamente cosa stava succedendo, i ricercatori britannici hanno condotto un esperimento in cui hanno lasciato per qualche tempo le bustine di tè in PLA nella natura. I risultati non sono molto incoraggianti. “Abbiamo dimostrato che quando il PLA non viene adeguatamente smaltito e lasciato nel terreno per, diciamo, sette mesi, la struttura molecolare del PLA rimane intatta”, spiega il ricercatore Antoine Bouchard.

READ  L'effetto della qualità dell'aria malsana sugli occhi

un'esperienza
Per lo studio, gli scienziati hanno raccolto bustine di tè realizzate interamente in PLA e bustine di tè in parte realizzate in PLA e in parte in cellulosa. Seppellirono con cura le bustine di tè. Dopo sette mesi cercateli di nuovo ed estraeteli – quanto più possibile – di nuovo. Ciò ha portato ad una sorpresa piuttosto spiacevole. Le bustine di tè biodegradabili sembravano decomporsi solo parzialmente dopo sette mesi, nella migliore delle ipotesi, hanno scritto i ricercatori. Le bustine di tè interamente in PLA sono rimaste completamente intatte dopo sette mesi. I sacchetti, che contenevano anche cellulosa, si sono frantumati in pezzi più piccoli e hanno perso dal 60 all’80% della loro massa. Ma anche qui una parte dell'Esercito popolare di liberazione cinese ha resistito coraggiosamente.

Lombrichi
Poi i ricercatori sono andati oltre ed hanno esaminato l'effetto delle bustine di tè sui lombrichi appartenenti a questa specie Aisenia fetida. Anche questi risultati non sono molto promettenti, perché in presenza di bustine di tè in PLA, la mortalità tra i lombrichi sembra aumentare fino al 15%.

Non ci sono accuse contro il PLA
La ricerca non è certamente un atto d'accusa contro l'uso del PLA. In effetti, il PLA è un'ottima alternativa alla plastica su carta. Ma deve essere smaltito correttamente dopo l'uso. Qui sta il problema. Poiché il PLA è etichettato come “biodegradabile”, ci sono buone probabilità che le persone pensino che si decomponga naturalmente e quindi possa essere facilmente gettato nel cumulo di compost, ad esempio. “Etichette come “biodegradabile” e “compostabile” hanno il potenziale per fuorviare il pubblico”, ha affermato Bouchard. Gli esperimenti con le bustine di tè in PLA rivelano chiaramente che questo può andare storto. Il ricercatore Mick Hanley ha dichiarato: “In questo studio, le bustine di tè in PLA non si sono decomposte completamente e sembravano influenzare anche i vermi che stavano compostando”. Ecco perché è importante che scienziati, politici e produttori lavorino insieme, afferma Bouchard, “per garantire che vengano seguiti standard chiari e che il pubblico abbia accesso alle informazioni su dove queste nuove plastiche possono essere smaltite”. La collega ricercatrice Winnie Curtin-Jones è d’accordo: “In risposta alla crisi della plastica, le plastiche biodegradabili come il PLA vengono utilizzate in un numero crescente di prodotti. Questo studio evidenzia la necessità di maggiori informazioni sulla degradazione e sui potenziali impatti di questi materiali prima della loro comparsa aumenti di utilizzo e problemi di sostituzione dovuti a smaltimento improprio.

READ  Sabrina ha paura di sua figlia: prenderà anche il morbo di Crohn? | Eindhoven

Borse biodegradabili
La nuova ricerca non è isolata, ma fa parte di uno studio quadriennale in cui vengono testati diversi materiali e prodotti di imballaggio biodegradabili. Ciò implica esaminare in modo critico non solo l’entità della loro effettiva decomposizione, ma anche il loro potenziale impatto sulle specie che vivono sulla terra e nell’acqua. Ad esempio, ricerche precedenti hanno dimostrato che i sacchetti di plastica sono biodegradabili Dopo tre anni nella terra o nell'acqua, non si è ancora decomposto Può essere utilizzato anche per fare la spesa. Sebbene il sacchetto biodegradabile sia completamente scomparso dopo tre mesi in un ambiente marino simulato, dopo 27 mesi resisteva ancora bene sulla terraferma. Il ricercatore Richard Thompson ha dichiarato in risposta allo studio: “Lo studio solleva una serie di domande su cosa possono aspettarsi i consumatori quando vedono qualcosa chiamato “biodegradabile”.

Una nuova ricerca sulle bustine di tè biodegradabili porta purtroppo Thompson a una conclusione simile. “Dopo trent’anni di ricerca sull’inquinamento da plastica, sono entusiasta che ora ci sia un consenso globale – che si riflette anche nel Trattato sulla plastica delle Nazioni Unite – sul fatto che l’attuale produzione e smaltimento della plastica sono insostenibili. Ma allo stesso tempo, sto a guardare con grande frustrazione Portare materiali alternativi sul mercato senza una guida chiara su come ottenere i vantaggi che offrono poiché il materiale può ovviamente essere biodegradabile in determinate condizioni, fornendo così un'ottima alternativa alla plastica tradizionale, ma se i consumatori non lo scaricano posto giusto, i vantaggi che offre. “È importante imparare dagli errori che abbiamo commesso con la plastica”, afferma Thompson, “e testando ed etichettando questi nuovi materiali (in modo che sia chiaro dove conservarli dopo l'uso). “Redattore).”

READ  Lavorare da casa ti rende felice, ma solo se questa condizione è soddisfatta

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24