Timori di una “guerra tra poveri” per il reddito di base in Italia | Notizie RTL

Subito Presa della corrente Come piace a Apple o ad altre aziende tecnologiche americane, il vice primo ministro Luigi Di Maio e il primo ministro Giuseppe Conte hanno introdotto lunedì il “cartellino giallo” per il reddito di base.

Reddito di cittadinanza per milioni di italiani

Ne hanno diritto circa 2,7 milioni di italiani, che da aprile potranno spendere fino a 780 euro al mese utilizzando la carta. Questo beneficio costa allo Stato 6,6 miliardi di euro all’anno, secondo i calcoli dell’ISTAT.

Il Movimento Cinque Stelle, uno dei partiti al potere, chiede da tempo un reddito di base per gli italiani. Poiché non può essere fornito a tutti i residenti del paese, è diventato poco più che un sussidio di disoccupazione. Questo vantaggio è valido per 18 mesi ma può essere prolungato successivamente.

Guerra tra poveri

Nel frattempo, crescono le critiche all’attuazione del sistema del reddito di base. Secondo i tre maggiori sindacati, per questo progetto sta scoppiando una “guerra tra poveri”.

Ad esempio, gli stranieri in Italia ne hanno diritto solo se risiedono lì da più di dieci anni. Anche gli italiani che vivono all’estero possono trovare un motivo per ritornare. Inoltre, secondo le critiche, l'indennità non tiene adeguatamente conto del numero di figli della famiglia.

“L'importo è troppo alto”

A lanciare l’allarme è anche l’organismo incaricato di verificare se le persone hanno diritto alle prestazioni. Secondo il responsabile dell'INPS 780 euro al mese sono troppo generosi per una famiglia sola.

“Inoltre, nel Sud Italia, quasi la metà dei lavoratori guadagna meno di 780 euro al mese. Per loro sarebbe molto vantaggioso rimanere disoccupati”, ha aggiunto. Egli ha detto In udienza al Senato italiano.

READ  L'equipaggio della compagnia aerea spagnola Ryanair annuncia nuovi scioperi

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24