Heidi Hoenigmann (1951-2002) – Giornale cinematografico

Tutti quelli che hanno visto il suo ultimo film No hay camino sapevano che Heddy Honigman non aveva molto da vivere. In esso, è tornata a Lima, la sua città natale e la città in cui è cresciuta. Con la sua morte scompare un regista che non faceva parte di nessun club, ma che si guardava sempre intorno con lo sguardo di un curioso outsider.

Come si fa a convincere le persone a parlare apertamente e onestamente di se stesse davanti alla telecamera? Honigmann lo sapeva. Non da schiaffi in faccia, ma da movimenti periferici. Non cercare il confronto, ma acquisisci fiducia con empatia, in modo che una persona si senta al sicuro quando è aperta. Hönigmann non ha incontrato persone, ma ha avuto conversazioni con loro, ha detto quando è stata intervistata nel 1998 su The Underground Orchestra, il documentario animato sui musicisti nella metropolitana di Parigi. La linea, mentre si scambiano svolte e percorsi laterali in una conversazione. Ho alcuni punti che voglio sottolineare, ma per il resto li lascerò aperti. “Questo approccio libero ha portato a dozzine di scene animate nel suo lavoro. Un esempio illustrativo è la fine del suo fantastico film Metal and Melancholy (1994) , sulla difficile vita dei tassisti a Lima. Nell’ultima scena, un tassista parla di un amore italiano in vacanza anni fa. Avrebbe dovuto seguirla in Italia, ma dopo un addio straziante non l’ha più sentita C’è ancora una cassetta con la canzone d’amore nella sua macchina, poi lui e il suo amante si sono immersi.Quando lo fa sentire, ci sono le lacrime agli occhi.E con lo spettatore.

Baule da viaggio
La scena è un Hoenigmann vintage. Non si tratta solo di un toccante ricordo evocato dalla musica, ma anche di qualcuno che deve lottare così duramente per sopravvivere. I film di Honigmann non parlano di persone con potere e ricchezza, ma di persone che devono fare tutto ciò che è in loro potere per sopravvivere. Questo può riferirsi a film pieni di miseria sociale, ma è tipico di Hönigmann che i suoi film mostrano sempre la resilienza sfrenata delle persone. Portano un inno alla creatività umana, alla perseveranza e all’entusiasmo per la vita. Riconosciamo anche Hönigmann in queste qualità. Possiamo solo immaginare quanto le sia costata questa lotta, perché la vita per Hönigmann era tutt’altro che chiara. Nella suddetta intervista, ha indicato che deve la sua esistenza all’intuizione di suo nonno materno, che, in quanto ebreo polacco, emigrò con la sua famiglia in Perù all’ora stabilita – a metà degli anni ’30. Dopo la guerra, una delle sue figlie sposò un austriaco sopravvissuto al campo di concentramento di Mauthausen emigrato in Perù. La coppia ha avuto due figlie, inclusa Heddy, che sono state cresciute con l’idea che ci dovrebbe sempre essere una borsa da viaggio pronta. Honigmann ha dato un senso di spostamento permanente. “Quando ero bambino mi sentivo davvero un esiliato in Perù, perché sapevo di non appartenergli davvero. Quella sensazione è sempre rimasta con me. Non ho mai sentito che vivere da qualche parte fosse un’ultima opzione”.

READ  F1 in breve | NENT conferma: "I prezzi della Formula 1 tramite Viaplay saranno molto convenienti"

svolta
Fuggendo dai capricci del padre traumatizzato (“era una specie di tiranno”) Hoenigmann scappa dalla casa di famiglia in giovane età. Dopo aver girato Francia e Spagna, ha studiato per due anni alla Scuola di Cinema di Roma. Lì ha incontrato il regista olandese Frans van der Stack. L’infatuazione per lui l’ha portata in Olanda a metà degli anni ’70. Si sono sposati e hanno avuto un figlio, ma il matrimonio si è concluso con il divorzio. Dalla fine degli anni ’70, Hönigmann si è lentamente fatto un nome come regista. Curiosa alla luce della sua successiva fama di documentarista, è entrata nei Paesi Bassi nel 1988 con un lungometraggio. La sua versione cinematografica di Hersenschimmen di J. Bernlef è stata ben accolta, ma Honigmann aveva anche ambizioni documentarie. Cinque anni dopo Hersenschimmen, ha mostrato meravigliosamente cosa può fare nel genere con Metal e Melancholy. È stata una svolta internazionale per lei, quando ha aperto le porte al suo talento. In breve tempo ha realizzato una serie di film che sono stati tra i suoi migliori lavori: l’adorabile O amor natural (1996), sulla poesia erotica di Carlos Drummond de Andrade, l’influente Underground Orchestra (1997) e il toccante pazzo (1990). , sulle esperienze (traumatiche) dei soldati olandesi nelle missioni di mantenimento della pace delle Nazioni Unite. Ha anche realizzato un altro eccellente lungometraggio su un triangolo amoroso con Tot Sees (1995).

equivoco
Stranamente, i film di Hoenijmann hanno vinto più premi all’estero che nei Paesi Bassi. Metal and Melancholy, O amor natural e The Underground Orchestra, due dei migliori documentari olandesi degli ultimi decenni, sono stati completamente ignorati dall’IDFA e dal Netherlands Film Festival. In retrospettiva, Honigmann non è mai stato premiato nell’IDFA, almeno non per documentari specifici. Nel 2013 ha ricevuto il Living Legend Award. All’Holland Film Festival, ci volle fino al 1999 prima che vincesse un Golden Calf con Majnun. Sette anni dopo, ha un secondo vitello per sempre, che è in particolare uno dei suoi piccoli film. La mancanza di apprezzamento ha infastidito a lungo il produttore. Nella sua intervista su The Underground Orchestra, incolpa l’idea sbagliata che l’apparente casualità dei suoi film li renda superficiali. “C’è la tendenza che o devi inventare una forma molto artistica per il tuo documentario o mostrare molta miseria e povertà, preferibilmente con le persone che piangono. Nei miei film la gente sembra pensare che io non faccia altro che lasciare la telecamera da parte e registra”. È il tipico malinteso che le persone di talento devono affrontare ovunque. Con la grafica dell’impareggiabile Johan Cruyff, il calcio sembra anche un semplice gioco. Stessa cosa con i film di Hoenigmann. La ricerca estensiva e la ricerca di persone adatte per i suoi film sono invisibili allo spettatore. Nel film Metal and Melancholy, Honigmann ha guidato un taxi centocinquanta volte a Lima alla ricerca di tassisti adatti per il film. Per come le conversazioni casuali e casuali sembrano nei suoi film, Hoenigmann sapeva esattamente cosa stava cercando. Non tollerava ostacoli a questo sforzo. Ho citato come esempio il violoncellista rumeno della The Underground Orchestra, che voleva abbandonare la scuola poco prima di raccontare la sua vita su un film. “In quei momenti, il regista appare in me. Ho detto: ‘Non mi farai questo adesso’, e poi abbiamo iniziato a provare. Durante le registrazioni aveva completamente dimenticato la sua storia, quindi puoi sentire i miei avvertimenti nel suo Nella lotta tra il cuore e il film, vince il creatore Il film è per me.

READ  "Il criterio di rendere Eurovision ogni anno migliore non è stato soddisfatto"

colpi
Honigmann è emersa come una leonessa nei suoi film e nel suo stile. Questo lo ha portato regolarmente in conflitto con i responsabili politici e i fornitori di supporto. Ho pensato che fosse pazzesco per gli appassionati di cinema chiedere una sceneggiatura prima ancora di iniziare un film che spiega esattamente come sarebbe un film. Hoenigmann ritiene che i documentari non debbano essere un esercizio completo. Era infastidita dal fatto che le persone non si fidassero del suo talento. È rimasta nei Paesi Bassi un’estranea. “Non mi abituerò mai al freddo e alla mancanza di calore. È tutto così ben organizzato, se vuoi vedere qualcuno devi prendere un appuntamento con due settimane di anticipo. Sono sempre felice quando suona la campanella e qualcuno ti viene spontaneamente , come è consuetudine a Lima».
Il fatto che Honigmann sia tornata in Perù affrontando la morte nel suo ultimo film No hay camino ha completato la sua vita. Il film, in cui visiti ex amici e conoscenti, è la toccante conclusione di una ricca vita cinematografica. In molti dei suoi film, la musica apre le porte ai ricordi per le persone. Quando le ho chiesto in una successiva intervista sulla musica che riportava alla mente ricordi, ha menzionato, tra le altre cose, la canzone Back Street Girl dei Rolling Stones (“Questa canzone era il salvagente nella prigione in cui mio padre pensava di potermi trattenere “), ma anche adagietto dalla Quinta Sinfonia di Mahler. “Ho sentito quella musica quando ho visto la Morte a Venezia di Visconti a Lima. All’epoca tutti i miei soldi li avevo spesi per andare al cinema. Ho visto il film diverse volte. Mi ha stupito non solo con la musica, ma anche con la discussione tra il protagonista von Aschenbach e il suo amico sulla perfezione. Vuoi perseguirla nella vita? Non credo, perché la perfezione è impossibile. Von Aschenbach è morto per questa ricerca. I miei film non sono perfetti , ma colpi. Hanno le imperfezioni della vita.”

READ  Il principe Harry deve fare spazio a zii e zie | Reali

Riposa in pace, amore mio.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24