I Paesi Bassi sono uno dei più grandi paesi dell’Unione europea responsabili della deforestazione proprio adesso

I Paesi Bassi sono uno dei più grandi paesi dell’Unione Europea con importazioni legate alla deforestazione in Sud America e Sud-Est asiatico. Un rapporto pubblicato mercoledì dal World Wildlife Fund (WWF) afferma che il nostro paese è responsabile della rimozione di quasi 30.000 ettari di foresta e altra natura ogni anno per coltivare caffè, cioccolato, semi di soia per l’alimentazione animale e olio di palma.

Oltre ai Paesi Bassi, hanno preso il comando Germania, Italia, Spagna, Regno Unito, Francia, Belgio e Polonia. Questi paesi sono responsabili di oltre l’80% della deforestazione totale da parte dei paesi dell’Unione europea per l’importazione di materie prime.

La Nature Conservancy ha condotto una ricerca sulla bonifica delle foreste pluviali con l’obiettivo di importare prodotti agricoli dall’Unione Europea. Ciò indica che i Paesi Bassi sono uno dei maggiori importatori europei di soia. I fagioli vengono coltivati ​​in luoghi dove c’erano foreste pluviali e savane. Gli agricoltori olandesi usano la soia come mangime per il bestiame, che alla fine viene esportata come carne.

In tutto il mondo, ogni anno 5 milioni di ettari di foreste ai tropici vengono abbattuti per la coltivazione. Questa è più della dimensione dell’Olanda. L’Unione Europea è il secondo paese più grande in termini di deforestazione importata. I paesi dell’Unione europea sono responsabili congiuntamente del 16% della deforestazione in tutto il mondo. Principalmente la Cina, che è responsabile del 24 percento.

La Commissione europea introdurrà un progetto di legge sulla deforestazione a maggio. Il WWF spera che questa legge garantirà che i prodotti legati allo sgombero della foresta pluviale siano banditi dal mercato europeo.

READ  La Nuova Zelanda si è notevolmente unita nella politica "zero COVID" del Primo Ministro Ardern

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24