I tassi globali di mortalità infantile non sono mai stati così bassi

Un bambino indigeno di 7 anni malnutrito in Colombia nel 2023

Noos Notizie

Il numero di bambini che muoiono prima del loro quinto compleanno in tutto il mondo non è mai stato così basso, ha riferito l’UNICEF nel suo rapporto 2022. Quell’anno morirono 4,9 milioni di bambini sotto i cinque anni.

Ogni anno l’UNICEF pubblica un rapporto sulla mortalità infantile nel mondo. L’ultima versione indica che dal 2000 il tasso di mortalità dei bambini sotto i cinque anni è diminuito del 51%.

Secondo il Fondo delle Nazioni Unite per i diritti dei bambini, ciò è dovuto al miglioramento dell’accesso all’assistenza sanitaria, compresi vaccini, assistenza alla maternità e cure per la malaria e la polmonite, ad esempio.

“Questi dati mostrano che anni di investimenti in un’assistenza sanitaria di qualità, nell’impiego di ostetriche, operatori sanitari e servizi nutrizionali stanno già contribuendo a salvare vite umane”, ha affermato Susan Laszlo, Direttore dell’UNICEF Paesi Bassi.

“Anche i paesi a reddito basso e medio-basso stanno mostrando forti cali, dimostrando che il progresso è possibile se ci sono investimenti sufficienti nell’assistenza sanitaria”. Cambogia, Malawi, Mongolia e Ruanda hanno ridotto il tasso di mortalità sotto i cinque anni di oltre il 75% dal 2000, ha riferito l’organizzazione umanitaria.

Il tasso di mortalità è più alto nell’Africa sub-sahariana; Il 57% di tutte le morti giovanili nel 2022 sono state registrate qui. Mentre il 30% delle nascite globali è avvenuto in quella regione.

Migliorare l’accesso all’assistenza sanitaria

L’UNICEF afferma che c’è ancora molto lavoro da fare. Dei 4,9 milioni di bambini sotto i cinque anni morti nel 2022, la metà erano neonati. Inoltre, la morte di 2,1 milioni di bambini e giovani di età compresa tra 5 e 24 anni avrebbe potuto essere evitata se avessero avuto un migliore accesso alle cure e un numero sufficiente di personale sanitario qualificato. Le cause più comuni di morte sono la polmonite o la diarrea.

READ  Un americano vuole partecipare alle elezioni presidenziali come “chiunque altro”

“Il luogo in cui un bambino nasce non dovrebbe determinare se lui o lei vivrà o morirà”, ha affermato il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus. “È fondamentale migliorare l’accesso a un’assistenza sanitaria di qualità per ogni donna e bambino, anche durante le emergenze e nelle aree remote”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24