I terapeuti denunciano la concorrenza sleale nelle cure psichiatriche

L’accordo, che mira a rendere possibile più aiuto psicologico per 11 euro a partire da settembre, solleva interrogativi tra i terapeuti. “Ci dispiace che non tutti i caregiver siano supportati per soddisfare i bisogni psicologici della popolazione”, si legge nella nota.

Sono arrivati ​​RIZIV, FPS Public Health e l’Associazione Fiamminga degli Psicologi Clinici (VVKP) la settimana scorsa Un accordo in base al quale gli adulti hanno diritto in media a otto sedute di 11 euro all’anno presso lo psichiatra. Tuttavia, non tutti i lavoratori del settore sembrano contenti dell’accordo. Il fatto che solo le sessioni individuali con psicologi clinici ed educatori terapeutici possano beneficiare di un compenso incontra resistenze.


Non ci è chiaro perché altri professionisti della salute mentale non partecipino a questo accordo.

Anne Van Herk

Testa BVRGS

“Siamo lieti che il governo voglia che l’assistenza psicologica sia resa più ampiamente disponibile, ma non ci è chiaro perché altri fornitori di salute mentale non partecipino a questo accordo”, ha affermato Anne van Herk, presidente dell’Associazione belga per le relazioni. Gestione delle relazioni, terapia familiare e consulenza sistemica (BVRGS).

l’essenza

  • A partire da settembre, più persone dovrebbero avere accesso a cure psichiatriche a prezzi accessibili.
  • Solo gli psicologi clinici o dell’educazione possono beneficiare di sessioni rimborsate.
  • I terapisti con formazione certificata lamentano di non avere accesso al sistema.
  • Il rappresentante federale Els Van Hoof (CD&V) è favorevole all’estensione delle ammissioni.

Il BVRSG ha 1.000 membri, la metà dei quali non sono psicologi clinici, terapisti dell’educazione o psichiatri. In base all’accordo, non possono fornire singole sessioni rimborsabili. Tuttavia, hanno tutti investito in un corso di trattamento riconosciuto e scientificamente provato per almeno quattro anni. Ora vivono in una prospettiva molto sfocata. Questo accordo significherà che non avranno più un lavoro, Van Herjk esprime la sua preoccupazione.

espansione

Anche la paura tra i guaritori è maggiore di nel 2018, quando l’allora ministro della Salute Maggie De Block (Open VLD) ha lanciato per la prima volta il rimborso per le cure psichiatriche. Tuttavia, si è poi deciso di considerare anche solo psicologi clinici ed educatori terapeutici. Ma il budget era limitato e il sistema degli psicologi non era ancora molto allettante. Con il nuovo accordo, che partirà a settembre, il budget passerà da 39 a 152 milioni di euro. Inoltre, gli psicologi possono addebitare 75 euro a sessione invece di 60 euro, il che lo rende più attraente. Il timore tra i terapeuti è che ciò renda più evidente la concorrenza sleale.


Spero che in autunno si possa avere un’ampia discussione sull’estensione dei crediti.

Els van Hoof

MP Federal CD & V

Con la definizione rigorosa delle professioni di salute mentale riconosciute, il governo vuole monitorare la qualità delle cure. Ma il rappresentante federale Els Van Hoof (CD&V) pensa che la definizione sia troppo rigida. Sostiene a favore del riconoscimento di più fornitori di assistenza sanitaria e quindi di dare loro accesso a cure retribuite. L’anno scorso, Van Hoof ha presentato un disegno di legge per riconoscere gli scapoli professionali in psicologia applicata. Questo è ora davanti al Consiglio federale per la salute mentale per un consiglio. Spero che in autunno si possa avere un’ampia discussione sull’estensione dei crediti. È un dibattito molto difficile, perché l’assicurazione della qualità è fondamentale. Ma è chiaro che anche altri operatori sanitari con determinate qualifiche o una certa esperienza hanno un vantaggio significativo nell’assistenza psichiatrica.

Il nuovo accordo parla già di intervento per caregiver e supporto, ma questo è limitato a sessioni di gruppo o nell’ambito di una consultazione multidisciplinare con il paziente. Resta da vedere come gli psicologi clinici e gli educatori clinici risponderanno all’accordo. Il tasso è più alto, ma ci sono anche condizioni rigorose per l’adesione al sistema. Ad esempio, uno psichiatra può condurre sessioni solo nell’ambito della rete in cui è registrato. L’adesione richiede anche una maggiore forma di cooperazione in rete, che alcuni vedono come una violazione della propria autonomia.

READ  UM: una piccola area del cervello in grado di rilevare precocemente la malattia di Alzheimer | 1 Limburgo

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24