Il campione non è rappresentativo, le proporzioni sono state aggiunte a caso

Il memoriale dell’Olocausto su Westerstraat ad Amsterdam, l’ex ghetto. Il design è stato creato da Daniel Libeskind.Statua di Ari Kievita

Non sopporto l’idea che lei negherebbe l’Olocausto se non conoscesse bene i personaggi storici. Eppure, è quello che succede qui”, afferma il professore di statistica Kasper Albers (Università di Groningen), dopo aver visto lo studio. Albers sottolinea anche di non aver mai voluto mettere in prospettiva la persecuzione degli ebrei. È un argomento particolarmente importante che merita una ricerca adeguata. E questo rapporto è inquietante da tutte le parti.

Tuttavia, mercoledì i politici hanno dato il massimo. “È scioccante e molto inquietante che in un paese come l’Olanda un quarto dei giovani dica: non so se sia vero”, ha detto Dylan Yesheljos, ministro della Giustizia. “Si può discutere di qualsiasi cosa, ma i fatti sono difficili”, ha detto il primo ministro Rutte.

Claims Conference, un’organizzazione dedicata alle riparazioni, ha invitato un’agenzia di marketing a fare un’inchiesta telefonica sulla guerra tra duemila olandesi. Non sono stati preselezionati, ma messi insieme chiamando numeri di telefono a caso.

Sovrarappresentazione degli studenti

Per rendere i numeri in qualche modo rappresentativi, i partecipanti sono stati divisi in gruppi di età. Tuttavia, tutto va storto: ad esempio, tutti gli under 40 vengono etichettati come “più giovani”. Anche una persona su tre che ha risposto al telefono da studente sembra essere gravemente sovrarappresentata.

Tra gli intervistati di età inferiore ai 40 anni, non un quarto, ma il 6 per cento, ha sostenuto l’affermazione che l’Olocausto è un “mito”. Un altro 17% concorda sul fatto che il numero delle vittime dell’Olocausto è stato enormemente esagerato. Quindi 23 per cento: per la presentazione al mondo esterno sono state sommate entrambe le percentuali.

Ma non sapere quanti ebrei sono morti è molto diverso dal definire l’Olocausto un mito, dice Albers. D’altra parte, anche le persone si sbagliano di grosso: l’11% crede che siano morti 20 milioni di ebrei. La maggior parte dei partecipanti ha un’idea generale: l’Olocausto ha qualcosa a che fare con i nazisti e la guerra, e molti ebrei sono morti.

Margini casuali

Anche l’altro messaggio principale della Claims Conference, secondo cui i Paesi Bassi hanno in confronto il maggior numero di negazionisti dell’Olocausto, non regge a un attento esame. I ricercatori hanno escluso i margini di opportunità, la normale “ambiguità” intorno alle percentuali nei campioni. Conta quelli dentro e le differenze tra i sei paesi esaminati svaniscono.

Nonostante le critiche del rapporto, “sostengo la sponsorizzazione”, afferma il direttore del Jewish Cultural Village Emil Shriver. So dai sopravvissuti che visitano le scuole che insegnanti e studenti spesso non conoscono più i fatti. Il messaggio è: dobbiamo assicurarci di mantenere visibile questa pagina oscura della storia dell’educazione.

Albers vede questo in un modo più sottile. Questa ricerca non dice nulla su come viene insegnato l’Olocausto oggi: gli alunni hanno appena 18 anni.

READ  Il picchio cade e non può usare l'ammortizzatore

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24