Il combattente per la libertà italiano Garibaldi non è affatto innocente

Nel punto più alto del Giancolo, sulla collina che domina da ovest il centro storico di Roma, si trova una statua in bronzo di Giuseppe Garibaldi su un piedistallo di marmo alto un metro. Il combattente per la libertà italiano cavalca orgoglioso a cavallo, con il suo marchio di fabbrica e la barba folta, guardando pensieroso il Vaticano, che fu l’ultimo ostacolo all’unificazione italiana a metà del XIX secolo.

“Sono nato”, scrisse nel 1837, “per catturare metà dell’umanità con le palle”. Laddove le persone combattevano per l’autodeterminazione, veniva in soccorso come ammiraglio o generale, di solito con successo. Dopo la conquista della Sicilia con le mille camicie rosse del 1860, occupò gran parte dell’Italia meridionale continentale, facendola parte della neonata Italia. Questo fu un passo decisivo nell’unificazione d’Italia, anche se l’opposizione del papa che governava l’Italia centrale non sarebbe stata spezzata fino al 1870.

Ma la sua statua è al Giancolo per un altro motivo. Nel febbraio 1849, i rivoluzionari romani, incoraggiati da un’ondata di ribellione altrove, dichiararono la repubblica. Garibaldi ha combattuto in una piccola rivolta a Milano un anno fa e poi ha circondato circa 1.200 sostenitori. Corse subito in aiuto dei Romani, conosciuti come il “Primo Reggimento Italiano”. Il papa fuggì e il papa a Roma chiese alle truppe francesi di ristabilire l’ordine.

Aspre battaglie furono combattute dentro e intorno al Giancolo. Garibaldi riuscì a fermare le forze francesi in aprile, ma la forza delle forze era molto alta. Due mesi dopo, la Repubblica Romana ebbe fine. Caribaldi rifiutò una tutela personale e decise di fuggire da Roma con i suoi discepoli, circa quattromila uomini. Destinazione: Venezia, dove gli spiriti amorevoli (ancora) indugiavano.

Questa era l’impresa poco conosciuta di Garibaldi: lunghe marce attraverso l’alto Appennino, inseguito dai soldati francesi provenienti da Roma e inseguiti dagli spagnoli dal sud, mentre le truppe austriache stavano al nord. Hanno dovuto viaggiare di notte per scoprirlo, tirando un cannone attraverso le strette colline, e poi anche la moglie di Garibaldi, Anita, era incinta di sei mesi.

READ  L'opera di Bassin, rubata dai nazisti, è stata scoperta dopo la Mostra di Maastricht in Italia

Prima di lasciare Roma, Caribaldi ha detto: ‘Chi vuole continuare a combattere le potenze straniere deve venire con me. Non ho paga, né riparo, né cibo. Offro fame, sete, marce feroci e tutti i pericoli della guerra. Mi segua, non solo con la bocca, chi ama la sua patria con il cuore. «L’Italia non è ancora un Paese, ma il patriottismo sta crescendo rapidamente.

Leggi anche: Vorticoso in un vortice di repressione e terrorismo

diari

Tim Parks (1954), scrittore britannico che ha vissuto in Italia per quarant’anni e ha scritto molti libri sul paese, ha ritirato questo viaggio eroico con la sua compagna Eleonora nell’estate del 2019. Non si tratta di un vero e proprio percorso a lunga percorrenza, ma i parchi hanno ricostruito il percorso il più fedelmente possibile basandosi sui diari di due ufficiali che viaggiarono con Caribaldi e sulle indagini di una dozzina di patrioti italiani mezzo secolo dopo. Gente e immaginato il passaggio della processione Caribaldini È ancora ricordato.

Ogni giorno hanno percorso lo stesso percorso che Garibaldi ei suoi amici hanno fatto 170 anni fa: un totale di 630 chilometri in 28 giorni. Garibaldi, sua moglie e diversi ufficiali andarono a cavallo, e c’era una piccola fanteria. Ma la maggior parte dei suoi sostenitori ha marciato fino a venti miglia in marce notturne e talvolta sotto la pioggia battente. Parks e il suo compagno uscivano la mattina, spesso dalle sei del mattino, per evitare il peggio del caldo.

A volte incontravano ostacoli lungo il percorso, molte delle correnti d’acqua del passato scomparivano e trovare riparo non era sempre facile. Ma è incredibile quanti simboli rimangano: fiumi, valli e cime montuose, ma anche monasteri e chiese, piazze e persino un ristorante qua e là. Trovano spesso pietre commemorative. Tipo: ‘Caribaldi, temuto dai suoi nemici e ammirato dal popolo, si fermò qui il 3 luglio 1849, con i suoi valorosi’. Oppure, a Montepulciano: ‘In ricordo del primo eroe della nostra patria e della sua coraggiosa moglie, classico modello per tutte le donne italiane’.

READ  Joe Petrosino e l'albero più grande di Palermo

Parks si oppone con forza all’immagine che alcuni storici descrivono Caribaldi come un amore un po’ ingenuo, a volte irresponsabile, guidato principalmente dalle sue emozioni. Sebbene Caribaldi si avvicini di tanto in tanto a ogni sorta di trucchi dalle mani di francesi e spagnoli, li ricostruisce perfettamente. Riesce quindi ad ingannare i generali austriaci che gli danno la caccia: in un’occasione un ufficiale austriaco si fida della sua carta topografica più di quanto la veda con i propri occhi.

Parco a tema

Parks presenta la sua ricerca storica in modo avvincente con molti dettagli affascinanti. Si mescola bene con le vesciche e il calore del suo stesso viaggio. Di tanto in tanto arriva un pezzo di politica recente, ma diventa obsoleto dopo due gabinetti e un’epidemia. Critica il turismo di massa: la Toscana ‘lentamente ma sicuramente diventa un parco divertimenti internazionale’. Parks gioisce quando arriva a Foyano, una delle poche città toscane che non si parodia a beneficio dei turisti internazionali.

Dopo aver seguito i sentieri che la Toscana percorre attraverso gli aspri Appennini, il gatto e il topo giocano con l’Austria. A San Marino, allora microstato indipendente, Caribaldi dissolve i resti delle sue ‘legioni’. La prega di rimanere lì per il parto di Anita, ma lei vuole andare con suo marito. Caribaldi, figlio di un marinaio e di un marinaio, con poche centinaia di fedeli, prosegue verso Venezia con tredici barche. Parks e il suo compagno Giuseppe e Anita Garibaldi incinta li seguono a terra fino al luogo di sbarco mentre la marina austriaca minaccia di intercettarli.

Anita Parks inizia male nel libro. Ha una statua proprio sotto Gianikolo, ma su un cavallo domestico – è la migliore cavallerizza. Anche Anita si trova a distanza nel diario di viaggio di Parks. Sfortunatamente, il modo in cui ha vissuto questo difficile viaggio durante la gravidanza è nell’ombra. Il viaggio all’inferno non è finito bene per lei. Quando arrivano a terra, Anita ha già l’influenza e il 4 agosto, più di un mese dopo essersi ritirata da Roma, muore.

READ  Il boss del calcio Italia: la Juventus si è disputata in Serie A

Il Garibaldi braccato non ebbe tempo di seppellirla. Riesce a raggiungere Beaumont a nord-ovest, ma il re del Piemonte osa offrirgli rifugio per paura di conflitti con Francia e Austria. Fu deportato e girovagò per molti anni. Isola di Cabrera vicino a Tunisia, USA, Perù, Sardegna. Garibaldi fu deluso dalla sua sconfitta a Roma. Anche i tentativi di scatenare la rivolta quando si ritirò in Toscana fallirono. Ma il coraggioso viaggio attraverso gli Appennini ha ingigantito la sua leggenda. La sua biografia è stata pubblicata nel 1859. La cosa più importante non è ancora arrivata.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24