Il database dovrebbe occuparsi di “barche fantasma” nelle acque del Suriname

Nell’ambito del progetto “Filling in the New Suriname Fisheries Database”, martedì 5 aprile è stato firmato un accordo tra il World Wildlife Fund (WWF) della Guyana e il Ministero dell’agricoltura, dell’allevamento e della pesca (LVV). Il progetto si concentrerà sulla creazione di un database di tutti i pescherecci, che dovrebbe contribuire alla lotta contro la pesca illegale, non regolamentata e non dichiarata (INN) nelle acque del Suriname.

Tutti i pescherecci che operano con una licenza valida del Ministero di LVV saranno ospitati in questo database. Insieme al nome e al numero di registrazione di ogni nave, verranno aggiunte molte informazioni al database, che consentiranno di identificare ogni nave univoca. Ad esempio, verranno aggiunte le dimensioni esatte, i materiali da costruzione, i colori e i dati del motore (incluso il numero di serie), nonché le immagini per ciascun peschereccio. Questo è necessario per poter riconoscere le cosiddette barche fantasma. Le barche fantasma sono navi non registrate e quindi illegali che copiano il nome, il numero di registrazione, il numero di licenza e altri documenti di una nave registrata al fine di aggirare i requisiti di licenza.

Le barche fantasma hanno spesso la stessa forma, dimensione e colore della nave registrata. Una banca dati contenente tutte le caratteristiche e le immagini di ciascuna nave autorizzata dovrebbe consentire alle autorità responsabili dell’ispezione della pesca di identificare e punire queste barche fantasma.

Secondo il WWF, le barche fantasma sono molto comuni in Guyana, Brasile e Venezuela e rappresentano una grave minaccia per lo sfruttamento sostenibile delle zone di pesca e per i mezzi di sussistenza dei pescatori legali e possono portare alla pesca eccessiva nelle nostre zone di pesca.

READ  Il capo della giustizia polacca sospende la controversa camera disciplinare su richiesta dell'UE

La pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata comporta catture non dichiarate, pesce catturato nelle acque di un paese, venduto in un altro e pesca con reti troppo grandi o troppo piccole. La caccia illegale, non dichiarata e non regolamentata è una questione nazionale e regionale che deve essere affrontata a diversi livelli e, secondo il World Wildlife Fund, è più comune nei paesi in via di sviluppo dove i meccanismi di controllo non sono ancora sufficientemente attivi.

“Date le segnalazioni di una maggiore frequenza di pescherecci fantasma nelle nostre acque, questo database sulla pesca insieme ad altre misure ci consentirà di identificare meglio queste barche”, ha affermato il direttore della pesca Parvin Amritsad al momento della firma di questo accordo con il WWF Guianas.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24