Il “detective ambientale nello spazio” olandese inizia il processo di ricerca dei gas serra nelle discariche di rifiuti

Illustrazione del satellite Sentinel-5p che trasporta lo strumento olandese TROPOMI, che scansiona l’atmosfera alla ricerca di gas importanti per il clima e la qualità dell’aria.Immagine di ESA/ATG

A volte, le discariche emettono involontariamente enormi quantità di metano. Questo gas serra viene creato quando i rifiuti organici si decompongono senza entrare in contatto con l’ossigeno. Negli ultimi anni, gli scienziati spaziali sono riusciti a scoprire grandi fughe di metano da montagne aride.

Al vertice sul clima tenutosi a Dubai, il gruppo di ricerca – in collaborazione con l’Istituto olandese per la ricerca spaziale SRON e il canadese GHGSat – ha annunciato che lavorerà per ampliare la portata del suo lavoro. Il satellite si concentra su dieci discariche di rifiuti sparse in tre continenti, per identificare aree di 25 x 25 metri da cui fuoriesce molto metano.

Le autorità locali coinvolte nel progetto potranno poi fermare la perdita, ad esempio coprendo la discarica e catturando il metano. Il metano può essere utilizzato come combustibile o può essere bruciato, il che rilascia anch’esso gas serra, ma è meno dannoso del metano. È anche possibile separare i rifiuti organici in modo da poterli fermentare o compostare con l’ossigeno.

Il dispositivo di misurazione sul satellite monitora la riflessione della luce solare sulla superficie terrestre. I gas nell’atmosfera assorbono parte di questa luce, ciascuno con la propria frequenza. Lo strumento di misura può quindi rilevare i pennacchi di metano.

“Il metano è invisibile e inodore”, afferma Bram Masakers di SRON. “Abbiamo reso visibile il pennacchio di metano e con esso il problema”.

La discarica di Casablanca dove il satellite ha rilevato un pennacchio di metano.  Foto: GHGSat/Esri

La discarica di Casablanca dove il satellite ha rilevato un pennacchio di metano.Foto: GHGSat/Esri

Il lavoro del satellite contribuisce a un progetto più ampio chiamato LOW-Manthrop, che mira a ridurre le emissioni di metano dai rifiuti di 1 milione di tonnellate all’anno entro il 2030. Masakers: “Ciò rappresenta circa il 2% delle emissioni globali totali di metano dalle discariche”.

READ  Danni cerebrali che possono portare a demenza precoce visibile | 1 Limburgo

Il metano fuoriesce non solo dalle discariche, ma anche regolarmente dalle miniere di carbone e dagli impianti di petrolio e gas. “Questo è il frutto a portata di mano nella battaglia contro il cambiamento climatico”, afferma Aldert van Amerongen (anche lui SRON). “Se affrontiamo queste perdite, otterremo rapidi miglioramenti climatici con poco sforzo”.

Il metano è un gas serra circa 30 volte più potente dell’anidride carbonica. Scompare dall’atmosfera molto rapidamente, dopo più di 10 anni. Nell’anidride carbonica lì Centinaia di anni necessario per.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24