Il Festival Internazionale del Cinema di Bruxelles cambia ritmo

In occasione Idea Stanislao


Il Brussels International Film Festival (BRIFF) è sempre stato un ghiottone quando si tratta di cinema. La quinta edizione non è diversa, con una varietà di sezioni e argomenti. Puoi quasi perderti in esso, ma questo si adatta a un festival che valorizza l’abbondanza. Infine, oltre al concorso nazionale e internazionale, troverai anche una specifica sezione europea (Settimana del Direttore).

Quindi ottieni più che abbastanza film tra cui scegliere che vale la pena. Apertura del film Coupez! di Michel Hazanavicius (“The Artist”), ad esempio, è una commedia di zombi ambientata sul set… un film di zombi. Non commettere l’errore che fanno molti telespettatori di Cannes. Si sono chiesti cosa diavolo stesse succedendo e sono usciti dalla stanza dopo 20 minuti, senza rendersi conto che il film stava andando a posto subito dopo.

Pazzo è anche Everything Everywhere allo stesso tempo, una strana miscela di The Matrix e un dramma intimo generazionale su una famiglia cinese-americana. Immagina un concetto multiverso per ‘Doctor Strange’ ma senza supereroi e molto umorismo irriverente, grazie principalmente alle folli performance di Michelle Yeoh e Jamie Lee Curtis.

READ  Il film rupestre "Il Buco" è un approfondimento contemplativo | Film

Il festival ha in programma una miriade di altri grandi titoli, come il fantastico racconto di George Miller “Tremila anni di nostalgia” con Idris Elba, il dramma di Michel Franco “Sundown” con Tim Roth e il thriller “Las Bestias” di Rodrigo Soroguín . con Denis Menochet, l’adattamento teatrale “Peter von Kant” di François Ozon con Isabel Adjani e il thriller poliziesco “La nuit du 12” di Dominique Mull con Polly Lanners). Puoi anche catturare tutti i tipi di classici, tra cui un ospite d’onore Fanny Ardant, una retrospettiva di film d’amore italiani degli anni ’50 e ’60 e il 30° anniversario C’est arrivé près de chez vous.

Concentriamo la nostra attenzione principalmente sui dieci film del Concorso Nazionale. Ad esempio, “Dragon Women” di Frédérique De Montblanc, un documentario sulle “Dragon Ladies” che si trasferiscono ai vertici del mondo finanziario, sembra molto interessante. Ma anche la Director’s Week, che unisce il lavoro individuale e ambizioso dei registi europei, sembra eccitante.

Non importa se sei un appassionato di cinema o sei in cerca di intrattenimento divertente, BRIFF sroterà il tappeto rosso per te per una settimana e mezza.

Il regista Michelangelo Framartino per il suo pluripremiato film “Il Buco”

L’anno scorso, alla Mostra del Cinema di Venezia, Michelangelo Framartino ha portato a casa il Gran Premio della Giuria per il suo film “Il Buco”, un’insolita avventura in grotta dei primi anni ’60. Il film fa parte della sezione Settimana del regista di BRIFF, ma Metro ha già avuto la possibilità di parlare al direttore. .

“Il Buco” è un’esperienza unica. Come descriveresti il ​​film stesso?

READ  Ramsey Nasr critica Mark Rutte | stelle

Michelangelo Framartino: “Volevo creare qualcosa di straordinario per lo spettatore. Non doveva essere una storia d’avventura tradizionale, ma qualcosa che il pubblico avrebbe vissuto fisicamente. Si tratta di un gruppo di speleologi che esplorano una profonda grotta in Calabria nel 1961. Ma ho chiesto agli attori, che sono dei veri scienziati, di non prepararsi per i loro ruoli. Spero che entri in empatia solo con l’ambiente e le difficoltà che incontrano lungo il percorso. Per questo è importante anche vedere Il Buco al cinema. La camera oscura aumenta la sensazione di essere immerso in quel buco con gli esperti di caverne. Voglio immergerti nell’esperienza piuttosto che immaginare una storia”.

Secondo te “Il Buco” ha un solo carattere tradizionale: …la grotta.

“Fotografo figure umane a distanza, in gruppo, come se fossero formiche sconosciute. In questo film, il gruppo assume la visione tradizionale del narratore dei personaggi umani. Di conseguenza, scompare anche l’idea che l’uomo abbia il sopravvento sul suo ambiente. Qui fanno solo parte della natura e non sono al centro. Non siamo affatto solo un punto di vista nella storia”.

È una grotta famosa in Calabria?

“Sì, da secoli! È un luogo perfetto per capovolgere la gerarchia tra uomo e natura. Ad esempio, troverai adorazioni anche intorno agli alberi. So che suona strano, ma le persone in quella zona mettono un albero in mezzo del villaggio e lo adorarono”.

Cosa dice Il Buco del nostro attuale modo di vivere?

“Il film fa pensare alla nostra ossessione per il controllo. Vogliamo sempre tenere tutto sotto controllo. Ogni volta che andiamo in esplorazione, colonizziamo in un certo modo. Sicuramente ci aiuta a capire l’ambiente, ma rimuove ogni mistero. All’improvviso il sconosciuto assume un nome e una dimensione. Ma nelle grotte no C’è una vittoria alla fine del tour, a differenza di quando ad esempio si scala una montagna. Il risultato è meno emozionante del percorso e può sembrare un semplice sconfitta. Penso che il cinema sia lo stesso”.

READ  La migliore moda maschile al Festival di Cannes 2021

Il Buco sarà presentato in anteprima al BRIFF e nelle sale il 29 giugno.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24