Il Giappone scarica in mare l’acqua inquinata del disastro nucleare di Fukushima | all’estero

L’acqua è stata utilizzata, tra le altre cose, per raffreddare i reattori della centrale nucleare quando sono stati colpiti da un grave terremoto e tsunami nel 2011. L’acqua ausiliaria viene ancora utilizzata per questo scopo.

L’acqua di raffreddamento contaminata, così come il terreno inquinato e l’acqua piovana, si trovano attualmente in enormi serbatoi di stoccaggio. Ora sono più di mille e si prevede che nel prossimo anno non ci sarà spazio sufficiente per ospitare più carri armati. Ogni giorno vengono aggiunti circa 140 metri cubi di acqua irradiata.

Con l’attuale quantità di acqua inquinata, si possono riempire circa 500 piscine di 50 x 25 metri in confronto. Il costo annuale di immagazzinamento dell’acqua è stimato in 100 miliardi di yen. Sono stati trasferiti più di 766 milioni di euro.

File di mal di testa

Gettare l’acqua è un mal di testa per il governo giapponese. Per molto tempo si è pensato di pompare acqua in mare. Il governo del primo ministro Yoshihide Suga ha ora preso una decisione.

L’acqua sarà probabilmente drenata al più presto entro due anni. L’intero processo può richiedere decenni. L’intenzione è quella di filtrare e diluire prima l’acqua contaminata. Il Giappone garantisce che il drenaggio dell’acqua sia sicuro. L’Agenzia internazionale per l’energia atomica la pensa allo stesso modo.

Michiyaki Kai, un esperto di radiazioni dell’Università giapponese di Oita, ha detto all’AFP che c’è un consenso tra gli scienziati sul fatto che “l’impatto sulla salute è minimo”. Tuttavia, ha detto: “Non si può dire che il rischio non sia nulla, il che solleva polemiche”.

READ  Imprenditore riabilita strade a Munder

La Cina e la Corea del Sud hanno già espresso le loro preoccupazioni sul piano. Anche i cacciatori giapponesi non sono entusiasti di questo. Temono che questa procedura sia dannosa per la loro professione. Ad esempio, dopo il disastro nucleare, la Corea del Sud ha smesso di importare pesce dall’area vicino a Fukushima. “Ci viene detto che non prosciugheranno l’acqua in mare senza il sostegno dei pescatori”, ha detto Kanji Tachia a nome della pesca locale. Secondo lui, il governo ha rinunciato a questa promessa.

Un funzionario del ministero degli Esteri sudcoreano ha detto che la decisione di Tokyo “potrebbe influenzare direttamente e indirettamente la sicurezza del nostro popolo e dell’ambiente”. Il ministero degli Esteri cinese parla della decisione “estremamente irresponsabile”. Secondo un portavoce, la Cina ha esortato il Giappone a “risolvere il problema dello scarico delle acque reflue dalla centrale nucleare di Fukushima in modo ragionevole e responsabile”.

Greenpeace si oppone fermamente a questa decisione. “Con questa decisione, i diritti umani e gli interessi delle persone a Fukushima, nel resto del Giappone e nella regione Asia-Pacifico vengono completamente ignorati”, ha detto l’organizzazione ambientalista.

Il Giappone è stato colpito da un violento terremoto e tsunami l’11 marzo 2011. Circa 100.000 persone sono fuggite e quasi 19.000 sono state uccise. A seguito del disastro naturale, la centrale nucleare di Fukushima è stata danneggiata. È stato il peggior disastro nucleare dai tempi di Chernobyl nel 1986.

Aggiornamento pranzo

Aggiornamento delle notizie più importanti ogni giorno durante il pranzo.

Indirizzo email non valido. Si prega di compilare di nuovo.

Leggere Qui La nostra politica sulla privacy.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24