Il leader supremo ucraino critica fortemente Zelenskyj • L’Ucraina dice che ridurrà le sue operazioni militari a causa della mancanza di armi

Le principali aziende internazionali che hanno sospeso le loro operazioni in Russia dallo scoppio della guerra in Ucraina hanno subito perdite superiori a 103 miliardi di dollari (circa 94,4 miliardi di euro). Ciò è evidente di recente Inchiesta condotta dal New York Times (Il New York Times).

Allo stesso tempo, la partenza delle aziende occidentali si è rivelata molto vantaggiosa per Mosca. Le aziende che volevano chiudere le filiali russe erano spesso costrette a venderle a prezzi molto bassi. Secondo il New York Times, il presidente Putin ha consentito agli imprenditori russi di concludere accordi vantaggiosi e lo Stato ha addirittura rilevato alcune aziende a titolo definitivo.

Il produttore di birra olandese Heineken è stato una delle vittime. La primavera scorsa, dopo l’indignazione internazionale per la prolungata attività in Russia, l’azienda ha trovato un acquirente per le azioni russe. Tuttavia, secondo il New York Times, il governo russo ha ignorato tutto ciò, dopodiché le azioni sono finite nelle mani del produttore russo di aerosol per un solo euro.

La ricerca mostra anche che la partenza delle imprese è stata vantaggiosa non solo per gli imprenditori russi, ma anche per le casse dello Stato. Putin ha imposto tasse elevate alle società che volevano vendere le loro azioni e alle filiali russe, cosa che, secondo il New York Times, ha portato all’aggiunta di almeno 1,25 miliardi di dollari alle casse pubbliche (circa 1,14 miliardi di euro).

Eva Selderbeck

READ  Essid: “Le minacce palesi non dimostrano impegno per lo Stato di diritto”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24