TGcomnews24

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Il Messico si scusa con Maya per ‘secoli di ingiustizia’

Il governo messicano ha ufficialmente chiesto scusa al popolo Maya per l’ingiustizia inflitta agli indigeni del paese per secoli.

“Ci scusiamo sinceramente per le azioni degli individui, del governo nazionale e delle unità straniere durante il periodo coloniale e l’indipendenza del Messico”, ha detto il presidente Andres Manuel Lopez Obrador in un incontro con il presidente guatemalteco nel sud del paese.

Le scuse arrivano alla vigilia delle elezioni locali e regionali in Messico. Inoltre, sono passati 500 anni da quando i colonialisti spagnoli hanno invaso il Messico.

Nel suo discorso, Lopez Obrador ha fatto riferimento alla guerra di classe (o: Guerra de Castas) tra il popolo Maya e il governo messicano che ha ucciso da 250.000 a 300.000 persone tra il 1847 e il 1901. Il presidente ha anche riconosciuto che la minoranza Maya soffre ancora di razzismo e la discriminazione da parte del resto Popolazione del Messico.

Si stima che ci siano dai 6 ai 9 milioni di Maya in America centrale, principalmente in Guatemala e nel Messico meridionale. Il termine Maya è ora usato come nome collettivo per dozzine di persone, tra cui Yucatec, Akatec e K’iche. Molti di loro oggi si guadagnano da vivere lavorando senza paga o nell’industria del turismo.

READ  I Paesi Bassi sono uno dei più grandi paesi dell'Unione europea responsabili della deforestazione proprio adesso