Il palazzo in rovina di Sursock a Beirut vuole riaprire come museo

Ci volle del tempo prima che Mary Cochrane osasse avvicinarsi di nuovo al balcone della sua villa. Da questo punto, l’estate scorsa, ha visto spessi pennacchi di fumo incombere sull’area del porto. Un capannone pieno di nitrato di ammonio ha preso fuoco il 4 agosto 2020, a meno di 800 metri dal balcone. “È un miracolo che io sia ancora vivo”, ha detto Cochrane, che è finito in ospedale per cinque giorni con un braccio rotto e un buco nei polmoni nella massiccia esplosione che ne è seguita. Non ricordi come sia successo. “Ricordo un lampadario che giaceva accanto, e poi tutto è diventato nero corvino.”

“I Sersox non vendono” suor Mary Cochrane

Mary Cochrane è la moglie di Roderick Cochran, rampollo della famosa famiglia aristocratica libanese Sursock (Roderick porta il cognome irlandese di suo padre). Vestita in jeans e maglietta bianca, la donna americana visita il Sursock Palace, l’imponente edificio del XIX secolo nel cuore di Beirut dove vive con la sua famiglia. Si ferma davanti a una poltrona strappata e aperta, davanti allo stesso balcone. «Scena del crimine», mormorò.

Una tela bianca è appesa davanti ai telai delle finestre vuote. Le finestre devono ancora essere sostituite, dice Cochrane, perché il restauro della villa è inestimabile. La famiglia Sarsox potrebbe essere stata della nobiltà, la famiglia aveva avuto poche riserve anni fa a causa della costosa manutenzione del palazzo, e non c’erano praticamente entrate dall’esplosione perché l’edificio non poteva più essere affittato per matrimoni e altri eventi.

Inoltre, l’assistenza che in gran parte era stata promessa dopo l’esplosione non si è realizzata in gran parte. “Siamo il giornale di ieri”, sospira Mary Cochrane. L’anno scorso, l’UNESCO è venuto qui per una conferenza stampa e le ambasciate straniere si sono messe in fila per mostrare il loro sostegno. Tutti sembravano voler aiutare, ma quasi nessuno lo voleva”.

READ  Sport Court: giocatori di beach volley fino alla finale OKT all'Aia | sport

Un anno dopo l’esplosione di Beirut, Sursock Palace è ancora in rovina. L’iconico edificio del 1860 potrebbe essere ancora in piedi, ma la struttura interna è in gran parte distrutta. All’interno, il caos è ancora maggiore: il salone principale, con le sue statue in marmo e gli eleganti cuscini allineati alle pareti, funge ora da ripostiglio per mobili rotti e pezzi di pietra. Nelle stanze circostanti ci sono quadri rifratti sulla parete tra le sedie e i tavoli caduti.

Mary Cochrane cammina tra le macerie, raccontando amorevolmente ogni pezzo d’arte e mobile che è stato distrutto. Prende una testa d’oro da un’urna vicino al cortile e la porta sopra la statua vicina. “Questa qui è stata decapitata, ma il suo viso è ancora bellissimo”, dice. “Cerchiamo di trovare la bellezza nella distruzione.”

Mary Cochrane Contiene la testa d’oro di una statua che è esplosa dal busto dopo l’esplosione.
Foto di Diego Ibarra Sanchez

Con questo obiettivo in mente – e nel tentativo di raccogliere fondi per il restauro – Marie e Roderick hanno deciso di aprire nuove strade: la loro dimora dovrebbe diventare un museo. Mentre continueranno ad abitare al primo piano, i giardini e il piano terra saranno aperti al pubblico. Così come il Museo Sursock già a pochi isolati di distanza, che è stato donato alla città dal cugino di Roderick ed è un museo dal 1961.

Ricomincia

L’iniziativa per trasformare Sursock Palace è nata da RicominciaUn gruppo di giovani imprenditori libanesi ed europei del settore culturale. Il gioco di parole nel nome dice tutto: la loro idea è aiutare Beirut a ricominciare da capo con progetti di restauro.

READ  Conte prende giocatori, segna e lascia l'Inter Serie A.

Leggi anche: L’arte va rinnovata Beirut

Il restauro di musei non è un’occupazione un po’ elitaria, con metà del paese che ora vive al di sotto della soglia di povertà? “Naturalmente, molte persone hanno altre priorità”, ammette Joseph El-Hayek, co-fondatore di RestART, mentre si stabilisce nel vasto giardino di Sursock Palace. Ma ti assicuro che questa città ha un disperato bisogno di più spazi verdi e spazi pubblici. Quindi la condizione per il nostro aiuto nella raccolta fondi è che il palazzo e il giardino diventino accessibili a tutti».

gloria sbiadita

Per il ventottenne Joseph Hayek, l’arte e la cultura sono altrettanto importanti in tempi di crisi. Vede il restauro del patrimonio culturale come una potente medicina contro il pessimismo collettivo che affligge il Libano. “Quasi tutti i giovani vogliono andarsene”, dice Hayek. Per evitarlo, dobbiamo dimostrare perché questo Paese vale la pena di essere vissuto. Questo restauro non riguarda solo la ricostruzione dopo l’esplosione, ma anche il ripristino di Beirut come centro culturale del Medio Oriente”.

Leggi anche sulla crisi economica in Libano: Se qualcosa va storto, il gioco è finito a Tripoli

Sarsox e il loro palazzo simboleggiano la gloria passata. La famiglia greco-ortodossa originariamente occupava alte posizioni amministrative nell’Impero ottomano e nei secoli XIX e XX ha accumulato un’enorme capitale con il commercio del grano. Con le loro abilità linguistiche e una serie di matrimoni strategici, hanno costruito una forte rete da Alessandria e Il Cairo a Parigi e Napoli. Il sultano ottomano Abdul Hamid II e Francesco Giuseppe I d’Austria furono ospiti al Palazzo Sursock.

“Era molto mondano”, dice Mary Cochran, che serve il tè freddo dopo il tour della casa con giardino in cui risiede la famiglia. Il nonno di Rodrik era un diplomatico a Parigi per conto dell’Impero ottomano. Sua moglie era di Napoli e collezionava opere d’arte. Ecco perché abbiamo la più grande collezione di dipinti barocchi italiani del Medio Oriente».

READ  Venezia riapre la sua laguna per le crociere in un'atmosfera controversa

Durante la guerra civile libanese (1975-1990) gran parte della famiglia si trasferì in Europa e il palazzo fu danneggiato dai bombardamenti. La madre di Roderick, Yvonne, è rimasta indietro e ha supervisionato il restauro del dopoguerra. Aveva una reputazione leggendaria nel mondo dell’arte libanese, ma l’esplosione dello scorso anno è stata fatale: la signora Yvonne Sursock Cochran è morta poche settimane dopo all’età di 98 anni per le ferite riportate.

“Era seduta sul balcone proprio sotto di me”, ricorda Mary Cochrane. Come molti libanesi, incolpa il governo per la morte di sua suocera e per la morte di oltre 200 altre persone. Dopotutto, i politici libanesi sapevano di fare scorta del nitrato di ammonio altamente esplosivo, ma non hanno fatto nulla per contrastare il pericolo.

La distruzione questa volta è molto maggiore di quanto accaduto dopo la guerra civile. Tuttavia, Marie dice che non ha mai pensato di vendere la villa e fare le valigie. “Sersox non vende”, esclamò severamente la padrona di casa. “Ogni generazione ha la responsabilità di prendersi cura della casa. Proprio come ha fatto Yvonne”.

Facciata del Palazzo Sursock a Beirut

Foto di Diego Ibarra Sanchez


anni di lavoro

Anche Joseph El-Hayek di RestART afferma di sentirsi legato al palazzo. “Ho avuto l’opportunità di incontrare la signora Yvonne dieci anni fa per un progetto di studio”, dice raggiante. “Quando ero bambino mi chiedevo come sarebbe stato qui. Ecco perché voglio che tutti possano venire a vedere”.

Ci vorranno anni di lavoro, anche se il team di Hayek non è fermo. Da allora molti dei dipinti sono stati incartati e riposti, in parte grazie a una donazione del Prince Claus Dutch Trust. Alcuni capolavori furono lasciati a Milano per il restauro. Il resto della collezione è stato catalogato in collaborazione con uno storico dell’arte dell’University College London.

Intanto continua la ricerca dei donatori. Con i soldi finora ritrovati sono stati restaurati alcuni marmi e alcuni mobili. Il prossimo compito è il restauro della facciata nord del palazzo che si affaccia sul porto. Costo stimato: $250.000 (210.000 euro).

Il governo libanese non ha ancora contribuito al meglio, secondo Hayek, ma ciò non ostacola. Dopo Sursock Palace, spera di concentrarsi sul restauro del teatro dell’opera abbandonato e di “Hit-E”, il famoso cinema che non è mai stato completato a causa della guerra civile.

Quando gli è stato chiesto se preferirebbe inseguire i suoi amici e lasciare il Libano, Hayek scuote la testa. Venti ha detto: “Non è affatto possibile”. “C’è ancora molto lavoro da fare qui”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24