Il pattinatore in linea Berber Vonk di Appelsa vive in Italia e vola in tutto il mondo su ruote.

Berber Vonk (27) volerà in giro per il mondo su ruote nei prossimi mesi, con l'Italia come base di partenza. Lì la pattinatrice in linea di Appelscha ha trovato non solo l'amore ma anche il divertimento nel suo sport.

“Penso che sto lentamente sentendo l'Italia.” Era uscito prima che se ne rendesse conto. Tuttavia, Berber Wonk mantiene fermamente le sue parole mentre parla del processo di integrazione nel suo nuovo paese d'origine tramite collegamento video. Ha notato le differenze di recente quando è venuta a trovarci una parte della competizione olandese di pattinaggio a rotelle. “Si sono allenati in pantaloncini, che ho pensato fosse bello perché ero abituato alle alte temperature.”

Una risatina echeggia nell'appartamento dove Wonk vive con il suo fidanzato da quasi due anni, Andrea Begin. L'ex campione del mondo su ruote, veneziano, oggi è allenatore e rappresentante di un marchio internazionale di pattinaggio in linea.

Ripristina la felicità

I due si sono conosciuti a fine estate 2021 quando Vonk era a Terni, a più di 100 chilometri da Roma, in preparazione ai Mondiali. “Abbiamo iniziato a parlare e ad un certo punto lui ha chiesto scherzosamente: perché non vieni da noi?'' Nel club di pattinaggio in linea locale di Cassier, ha potuto riscoprire il divertimento di questo sport sotto la sua guida. L'amore è arrivato dopo.

Wonk aveva perso il piacere a causa di vari contrattempi negli anni precedenti. Alla fine del 2019, ha smesso di pattinare nella maratona dopo che il ferro di un collega gli ha causato uno squarcio profondo 20 centimetri sul braccio durante una caduta. Dopodiché, la paura di un altro incidente non è scomparsa. In precedenza, due attacchi di polmonite, un polso rotto e una gamba rotta avevano messo da parte il pluricampione nazionale di pattinaggio in linea.

Motivazione persa

“Inoltre, mia madre ha avuto un'emorragia cerebrale nel bel mezzo del periodo del Corona virus, dalla quale per fortuna ora si è ripresa.” Tuttavia, le preoccupazioni associate causano un dispendio energetico. A causa dell’epidemia le partite sono state impossibili per molto tempo. “Ma ho avuto un po' di addestramento sul pilota automatico.” Senza obiettivi su cui lavorare, la motivazione scompare. “Quando erano lì, non ha funzionato.”

READ  Stellandis indica il sud Italia come terreno fertile per i grandi veicoli elettrici -

Con l'aspettativa che nel 2022 non avrebbe più avuto un posto nel Northern KNSB Talent Team (KTT) a causa del limite di età appena imposto, Vonk ha deciso di accettare l'offerta di Begin. “Sapevo che qualcosa doveva cambiare per riavere l'Holy Fire.” È volato in Italia quattro giorni dopo la Coppa del Mondo.

Wonk si sta divertendo moltissimo adesso la dolce vita , inizialmente ha dovuto abituarsi alla lingua, al cibo e alla cultura. “Penso che mi ci sia voluto un anno per farlo.” Non aspettarti ancora frasi fluenti in italiano. “Ma capisco tutto, e quando parlo di nuovo inglese, la maggior parte delle persone mi capisce.” Pertanto, la zona intorno a Venezia attira molti turisti, soprattutto in estate. “Hanno anche bisogno di comunicare con loro.”

'Perfetto per pattinare'

Huize Vonk-Bighin si trova nel trevigiano tra le Dolomiti e il mare Adriatico. Non è la parte più bella del paese. “Ma perfetto per pattinare. Il livello è alto e nella zona sono presenti cinque campi all'aperto, tutti raggiungibili in quindici minuti. Abbiamo un problema solo se piove”, ha detto.

Il pattinaggio in linea è molto più diffuso in Italia che nei Paesi Bassi. “Lo si vede dal numero di medaglie vinte dalla nazionale ai Campionati europei e mondiali, ma lo si nota quando si va a una competizione regionale”, dice Vonk. “All’inizio in un dipartimento ci sono talvolta 140 donne. Sono oltre mille i partecipanti che hanno preso parte al campionato italiano indoor ragazzi dai 12 ai 14 anni.

Soglia come confine

Si allena secondo il programma del suo ragazzo. “Funziona bene anche durante le competizioni.” Come allenatore e studente, a volte può sanguinarsi le unghie a causa di una brutta curva o di un sorpasso sbagliato. “Ma una volta tornati a casa siamo solo una coppia. Deve esserlo, altrimenti è tutta una questione di pattinaggio in linea tutto il giorno, ahah.

READ  L'Italia sta preparando un pacchetto di incentivi fino a 13,3 miliardi di dollari

Il trasferimento a Treviso ha fatto bene a Wong fisicamente e mentalmente, anche se all'inizio ha richiesto molta fatica per abituarsi ai nuovi compagni di club. “Ci alleniamo davvero duramente qui.” Laddove gli allenatori nei Paesi Bassi consentono ai loro studenti di riposarsi tra determinati blocchi o esercizi, una cosa del genere esiste raramente in Italia. “Andrea ci lascia correre per due ore.”

'totalmente rotto'

Chi non è abituato a ciò raggiungerà rapidamente i propri limiti. In diverse occasioni, Wonk tornò a casa “assolutamente devastato” nelle prime settimane. “Ma ho appena scoperto che per me funziona.” Era diventata condizionatamente forte e ora poteva continuare dove prima le sue forze si erano esaurite. Gli ottimi tempi sul giro lo sottolineano.

Un'altra differenza: Umore . “Noi olandesi abbiamo una sorta di complesso di inferiorità e siamo molto veloci nel classificarci tra i corridori di altri paesi quando valutiamo le possibilità di medaglia. Qui, gli allenatori ci insegnano fin dalla giovane età le competenze per puntare alla vittoria. Con questo in mente, Vonk prova fare scelte diverse durante le gare rispetto a prima. “Sarei arrivato quarto se avessi lottato per l'oro invece che per un secondo sicuro.”

Anche Wonk ha corso questo rischio quando ha lasciato il suo lavoro nel mantenimento dei farmaci per rendere possibile l'avventura italiana. Tuttavia, vale la pena fare un atto di fede. Non lavorando durante il giorno, avrai tempo per rilassarti prima e dopo l'allenamento. “Posso reinvestire l'energia che risparmio nell'allenamento.”

Nuova squadra

Lo svantaggio è che i soldi in arrivo sono pochi, ma Wonk e Begin hanno trovato una soluzione parziale a questo problema creando lo scorso inverno una nuova squadra di professionisti. Correndo per il SPSPSK World Team (le lettere stanno per un produttore specializzato in cuscinetti a rulli in linea), tutte le spese di hotel, volo e altre spese durante la stagione sono coperte dallo sponsor.

READ  Chein-Fa Tsang (1958-2023), pugnalato in Italia e ha fatto la differenza per molti giovani di Amsterdam.

È una squadra internazionale, con giocatori provenienti da Italia, Colombia e Hong Kong oltre a Wonk. Nei prossimi mesi viaggeranno per il mondo sotto le bandiere di diverse federazioni per gareggiare in paesi come Spagna, Germania, Paesi Bassi e Belgio. Vengono visitate anche la metropoli cinese di Shanghai e la città cubana dell'Avana.

Concentrati sulla maratona

“Un'avventura straordinaria”, afferma Wonk. Sono contento che il focus sia sulla maratona. “Perché più dura una gara, meglio mi sento.” Ciononostante, le donne della SPSPSK gareggeranno in diverse categorie di pista nel circuito della Coppa Europa, supportate dall'allenatrice e specialista di pista Ilaria Carrer. I primi due sono già accaduti.

Nel frattempo, Vonk dovrà tornare periodicamente nei Paesi Bassi per qualificarsi ai campionati nazionali di Rotterdam (9-11 maggio) e ai Campionati Europei e alla Coppa del Mondo entro la fine dell'anno. Una formalità – nella sua fitta agenda – suscita qualche perplessità. “Ma è fattibile e logico che il sistema sia costruito in questo modo.” Tuttavia, a differenza di prima, evita altre partite.

Mondiali a Pescara

La Vonk cercherà solo di esprimersi al meglio ai Mondiali di Pescara (13-21 settembre). Per la prima volta nella storia, la maratona non si svolgerà con le squadre nazionali, ma con l'iscrizione gratuita i corridori di squadre come SPSPSK potranno unire le forze. I partecipanti ad altre gare indossano abiti nazionali.

Senza gli infortuni che fanno deragliare i piani, Wonk spera che le cose vadano bene quest'anno. “Man mano che invecchio, mi rendo conto sempre di più che essere sani e divertirsi sono la cosa più importante.” Sì, sarebbe fantastico vincere una volta nel World Skate Marathon Tour. Ma a fine stagione posso guardarmi indietro con un sorriso e dire che ho dato il massimo in ogni partita e sono anche soddisfatto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24