Il piano del politico Carl DeVos: la Silicon Valley di Ostenda

La società di dati sottomarini GEOxyz è la seconda azienda ad avere piani di costruzione nell’Ostend Science Park. Il CEO Carl DeVos, meglio conosciuto come il mondo della politica, vuole trasformare questo luogo nel volano dell’economia blu.

Patrick Rings, CEO di West Flemish, specialista dei dati GEOxyz, colloca oggetti simbolici sulla Terra. È la fine di aprile e un piccolo gruppo di maschere per il viso e alcuni discorsi obbligatori celebrano l’arrivo della prossima compagnia all’Ostend Science Park (OSP) a Ostenda. GEOxyz sta costruendo un nuovo centro di innovazione qui entro il 2023, che impiegherà da 20 a 40 persone. Un nuovo passo nell’ambizione di crescita di Reyntjes, che GEOxyz ha sviluppato dal 1998 da società di geometri a attore globale nei servizi di misurazione offshore, il cui fatturato è ora di 40 milioni di euro. La famiglia Matexi Van de Vyvere fa parte della capitale.

Mare del Nord come nuova colonia

Cosa vedi quando guardi il Mare del Nord? Una delle parti più innovative della nostra economia? Il primo mondo nella ricerca marina? Probabilmente no. Tuttavia, l’economia blu è una forza sconosciuta nelle Fiandre. La nostra undicesima provincia, dove c’è molta sperimentazione e dove si possono trovare soluzioni ai problemi climatici, energetici e delle materie prime.

Hanno guardato il file a De Tijd per tutto maggio.

Giovedì: i robot invadono il Mare del Nord

Per intervenire in caso di disastro: l’esperienza di GEOxyz è stata utilizzata per recuperare la nave da crociera Costa Concordia al largo delle coste italiane e localizzare l’aereo precipitato del calciatore argentino Emiliano Sala nei pressi di Guernsey. Recentemente, la società ha aiutato a recuperare la spedizione di MSC Zoe, una delle navi da carico più grandi del mondo, che all’inizio di quest’anno ha perso 270 container al largo delle coste olandesi.

Le straordinarie navi rosse di GEOxyz navigano avanti e indietro nel Mare del Nord belga, ma la vista di Reyntjes va molto oltre. Lavoriamo con la nostra flotta dalla Scandinavia all’Irlanda e al Nord Africa, e in altre parti del mondo andiamo con i nostri clienti. Guardiamo al futuro negli Stati Uniti.

Per realizzare queste ambizioni, è necessario un centro di innovazione a Ostenda. “Vogliamo migliorare ulteriormente la nostra tecnologia”, afferma. E questo può essere fatto più velocemente collaborando qui con altri scienziati e aziende.

Rapide

È esattamente il tipo di interazione a cui mira Carl DeVos, CEO di Ostend Science Park. DeVos, noto al grande pubblico come politologo, è stato nominato dall’Università di Ghent ambasciatore per le Fiandre occidentali alla fine del 2016, al fine di mettere più chiaramente l’università sulla mappa della provincia. Uno dei progetti più importanti è lo sviluppo di un nuovo parco scientifico per l’economia blu a Ostenda.

Ho rinunciato alla maggior parte del mio lavoro accademico. “Questo era l’affare”, ha detto Carl DeVos, CEO di Ostend Science Park.
© Notizie fotografiche

“Quando ho accettato la posizione di ambasciatore nel 2016, hanno detto: ‘Se lo fai, devi interrompere qualsiasi altro lavoro'”, dice DeVos. Sono ancora un analista di Wetstraat e scrivo colonne e insegno anche una materia all’università, Introduzione alle scienze politiche. Ma ho rinunciato a tutto il mio altro lavoro accademico. Peccato, ma questo era il problema. Questo è incredibilmente bello.

I piani OSP sono ambiziosi. “Sembra un po ‘arrogante, ma l’intenzione è davvero quella di costruire Blue Valley qui”, dice DeVos. “Un parco scientifico che promuove la nostra economia blu”.

L’idea di fare di più su tutto ciò che accade in mare esiste da tempo a Ostenda. Abbiamo creato un incubatore qui anni fa, BlueBridge. Abbastanza isolato qui, molti vasi non lo rompono in questo modo. Quindi era una pista accidentata, ma ultimamente tutto ha preso slancio.


Sembra un po ‘arrogante, ma l’intento è davvero quello di costruire Blue Valley qui. Un parco scientifico che promuove la nostra economia blu.

Carl DeVos

Scienziato politico e CEO di Ostend Science Park

Nel 2019 sarebbe stato possibile mettere le mani su dove si trova effettivamente BlueBridge. È stato acquistato dall’Università di Ghent (50%) con il porto di Ostenda (25%) e il POM Fiandre occidentali (25%) dal governo fiammingo. La prima attività di arredamento è iniziata all’inizio di quest’anno.

Lezione di golf

Il sito è ora un grande cantiere. All’ingresso: la struttura in cemento di una nuova filiale di Ypres e-BO, la prima azienda ad aver deciso di stabilirsi in OSP e che presto darà lavoro a 120 persone. E-Bo, fondata nel 2000 dall’imprenditore Christophe Dahini e ora con un fatturato di 20 milioni di euro, amplierà qui le sue attività all’estero. L’azienda IT è specializzata nella raccolta di dati in tempo reale in mare, come informazioni sulla spedizione, meteo e tutti i dati provenienti dai sensori sulle turbine eoliche, al fine di monitorare a distanza i parchi eolici. Ciò è più efficiente in termini di manutenzione rispetto alle barche a governo costantemente avanti e indietro.

Non hai mai visto il Mare del Nord in questo modo prima d’ora

Non c’è posto al mondo in cui il mare sia più affollato e più utilizzato del Mare del Nord. E diventa più affollato. Con più navi, mulini a vento, fattorie marine, sciami di droni e molti cavi. Nello spazio limitato a disposizione, ciò richiede enigmi e molta creatività. Continua a leggere Articolo interattivo Come funziona?

Dietro il cantiere navale e-BO, di fronte si trovano i lavori di costruzione Marine Research Center, Con un serbatoio a onde e un serbatoio di traino per testare le innovazioni di spedizione. “Dovresti vederla come una grande piscina poco profonda”, spiega DeVos. Permettevano ai modelli di navi di 8 metri di navigare avanti e indietro, con resistenza, amplificazione o correnti. Tutto viene caricato in modelli di computer con sensori. Questo dovrebbe aiutare a progettare barche migliori e migliorare i sistemi di propulsione, lo chiami. Si tratta davvero di un’infrastruttura di test unica. Hanno persino corretto la leggera curvatura della terra durante la costruzione.

Il centro di ricerca non si trova su un terreno OSP, poiché è di proprietà della regione fiamminga. “Ma fa parte dell’ecosistema”, afferma DeVos. ‘La componente scientifica qui è molto importante. Le aziende che entrano in OSP dovrebbero sviluppare qui i loro processi di ricerca e sviluppo, in collaborazione con le istituzioni della conoscenza. Piattaforma dell’innovazione in mare Metronomo blu Amministrato da qui. E in collaborazione con la Ghent University, costruiremo qui laboratori con più di 1,4 milioni di euro.

Zwinard

“È un piano graduale”, afferma DeVos. Con il parco tecnologico di successo Zwijnaarde come ottimo esempio. Ora che sono entrate nelle prime due società, si stanno sviluppando. “Puntiamo a un buon mix di diversi settori e aziende nazionali e internazionali”, afferma DeVos, che ha dovuto perdere il primo punto del percorso di GEOxyz a causa della quarantena.

Questo dovrebbe portare all’impollinazione incrociata. Nello scenario ideale, i nostri dottorandi potrebbero seguire corsi nelle aziende situate qui, l’amministratore delegato darebbe una conferenza ospite e gli ingegneri lavorerebbero con i laboratori. cose del genere. ‘

L’economia blu – si pensi alla navigazione, ma anche all’energia eolica, alla protezione delle coste, all’acquacoltura e alla pesca – rappresenta già oggi il 5,2 per cento del PIL fiammingo (PIL), 13,47 miliardi di euro di valore aggiunto e 154.000 posti di lavoro nelle Fiandre. DeVos pensa che questo sia solo l’inizio.

Tutti sentono che stiamo attraversando una fase storica. C’è una crescente consapevolezza che dobbiamo fare di più in mare. Abbiamo fatto molta strada in Belgio. La Marina è impegnata con la tecnologia e abbiamo istituti scientifici in tutto il mondo. Le aziende stanno investendo nell’economia blu, con grandi nomi come DEME, Jan De Nul e Colruyt, ma anche tante piccole e medie imprese. Il Blue Cluster, il gruppo per l’innovazione del governo fiammingo, ha sede a OSP. Ma dobbiamo riunirlo di più. Se lo facciamo bene, creeremo leva.


Tutti sentono che siamo in un momento storico: cresce la consapevolezza che dobbiamo fare di più in mare.

Carl DeVos

CEO Van Ostend Science Park

Guarda i mulini a vento. Ora che è costruito, si tratta di farlo funzionare in modo ottimale. Aziende come e-BO e GEOxyz svolgono un ruolo. Ma ho anche sentito parlare di navi che agiranno come una specie di città galleggianti, o isole artificiali che verranno costruite accanto ai parchi eolici. Questi sono modelli futuri che possiamo usare qui per svilupparli e possiamo usarli a livello internazionale. Succedono moltissime cose. Ovviamente non tutto funzionerà, ma questo fa parte di esso.

“Stiamo lavorando a una strategia di 20 anni”, afferma DeVos. A quel punto, alcune migliaia di persone dovranno lavorare qui. Sembra lungo, ma se guardi Zwijnaarde, è troppo corto. Quindi potresti dire che è un lavoro della vita, sì. Allora avrei 71 anni.

Ascolta il suono del Mare del Nord

L’artista slovena Robertina Sibjanic viaggia per il mondo dal 2016 per registrare suoni sott’acqua. Mappa l’impatto dell’aumento della navigazione e di altre attività umane in mare. Ascolta la sua scena sonora del Mare del Nord con vista sul mare al Venetiaanse Gaanderijen a Ostenda.

Aquatucine è 8-31 maggio Visite gratuite durante i fine settimana, i giorni festivi e i giorni intermedi
12.00 e 18.00 presso Venetiaanse Gaanderijen a Ostenda. Aquatocene è una collaborazione tra Gluon Woody trovare.

Ascolta anche la colonna sonora Qui tramite Soundcloud.

READ  Red Bull sta facendo bene, McLaren è terza

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24