Il sociologo dovrà sbarazzarsi del “occidentale” contro il “non occidentale”

Martedì erano previste interruzioni sui social media. La CBS smetterà di usare la divisione “occidentale” contro “non occidentale”. L’ultimo termine può dar luogo ad associazioni negative. Inoltre, può significare sempre meno discriminazione a causa della crescente diversità tra gli immigrati. C’è poco in comune tra il lavoratore istruito in India e il richiedente asilo dall’Eritrea, mentre entrambi sono attribuiti a un “background di immigrazione non occidentale”.

“Mettilo di nuovo sotto il tappeto” è stata una risposta online. È un’espressione di preoccupazione che i problemi che spesso si verificano tra i gruppi di immigrati non vengano menzionati presto. Cosa significa abbandonare questi termini per i sociologi che spesso confrontano le popolazioni in settori come la salute pubblica e la criminalità?

Non c’è bisogno di cambiare molto, dice Willem Huijnick, ricercatore presso l’Ufficio per la pianificazione sociale e culturale (SCP). Le statistiche dei Paesi Bassi continuano a monitorare il paese di nascita dei genitori di ogni olandese. Se i ricercatori vogliono fare le proprie scelte sulla base della “vecchia” distinzione tra occidentale e non occidentale, questo è possibile. Ma se siamo d’accordo come ricercatori che questo non è desiderabile, accadrà sempre meno “.

Promuovi lo stigma

Allo stesso tempo, si ritiene che vi siano ancora differenze significative nell’uso dell’assistenza sanitaria, nella situazione del mercato del lavoro, nella disoccupazione e nella criminalità tra i gruppi identificati dal contesto di immigrazione occidentale e non occidentale. Come potrebbero emergere tali differenze in futuro? “Questa è una sorta di contraddizione in questo. Invece di guardare al gruppo con un background di immigrazione non occidentale, puoi guardare l’intero gruppo con il background dell’immigrazione. Ma questo è meno specifico e quindi non dice molto. In pratica , vengono spesso effettuati confronti tra un gruppo. Alcuni immigrati, ad esempio gli olandesi di origine marocchina, rispetto al resto della popolazione. Ciò potrebbe effettivamente rafforzare la stigmatizzazione di un tale gruppo “, afferma Huijnk.

Non mi classificherei mai come “non occidentale”

Nadia Porras Insegnante di storia

Tuttavia, questo è ciò che il Consiglio scientifico per la politica governativa (WRR) propone nella sua bozza di consulenza che costituisce in parte la base della decisione dell’autorità statistica olandese. “Quando si fa una ricerca sul diabete, ha senso, ad esempio, esaminare alcuni gruppi etnici con una prevalenza nota di diabete, come i residenti di origini surinamesi, indù, turche o americane. […] Se si vuole fare un confronto, la popolazione olandese nel suo insieme è un’alternativa migliore “, scrive WRR.

READ  Svenimento dopo la vaccinazione corona: “Mi sono svegliato sul lettino del pronto soccorso”

Secondo il membro del consiglio WRR Mark Bovens, la domanda di ricerca dovrebbe essere sempre quella che determina la classificazione dei gruppi (migratori). “Quando si cerca una sovrarappresentazione nelle cifre sulla criminalità, ad esempio, non è chiaro in anticipo se l’origine dei delinquenti sia rilevante. Devi prima dimostrarlo. La divisione dei gruppi in base al loro background socioeconomico è spesso più rilevante”, afferma Bovens.

bicchiere

Ma per quanto riguarda l’indice di statistica sulla diversità culturale dei Paesi Bassi? Le università vogliono utilizzarlo per misurare la diversità tra i dipendenti per vedere in che misura la forza lavoro è composta da un lato. Il personale è diviso in persone di origini olandesi, di origine occidentale e non occidentale. “Se solo le persone con o senza un background di immigrazione vengono differenziate in seguito, allora la forza della scala viene persa”, dice Willem Huijnick di SCP. “Perché sono i gruppi che classifichiamo come non occidentali a essere svantaggiati”.

Secondo Han Entzinger, professore emerito di studi sull’immigrazione e l’integrazione a Rotterdam, questa scala dovrebbe misurare anche i paesi di origine specifici dei dipendenti o dei loro genitori. Entzinger è da molti anni presidente di un comitato consultivo della CBS. A causa dei legami coloniali e della crescente importanza della divisione in occidentali e non occidentali, si dice “molto contento” della decisione della CBS. “Se si utilizza una metrica di questo tipo per esaminare specificamente i paesi di origine, è possibile definire ciascun paese di origine, o gruppo di paesi di origine, in che misura i dipendenti sono sottorappresentati in relazione alla loro presenza nella società”, afferma Entzinger. Nel suo rapporto, WRR propone gruppi di paesi indigeni basati su geografia, prosperità, forma di governo, cultura e convergenza linguistica.

READ  Virologo Osterhaus: i bambini della scuola primaria vengono testati molto | interni


Un brusio per il progetto sulla diversità volto ad aumentare l’uguaglianza nel mercato del lavoro

Nelle università partecipanti al Barometro La discussione è vivace e in buona salute Su come fare le cose meglio della segmentazione occidentale rispetto a quella non occidentale. Ci sono molte richieste di “autoidentificazione”. Le persone possono riferirsi a se stesse in base alla categoria a cui pensano di appartenere. Lo difende anche Nadia Porras, assistente professore di storia all’Università di Leida. “Non mi classificherò mai come una persona di origine non occidentale. Ma non ho problemi a identificarmi come cittadino marocchino-olandese”.

Porras suggerisce di includere il background sociale ed economico dei dipendenti. “Parla delle opportunità sociali di qualcuno più che del background di immigrazione di qualcuno. In realtà, vuoi misurare il reddito e il livello di istruzione di genitori, sesso e razza tutti insieme. Perché se dici, ad esempio, ci sono pochissime donne, di solito diventi bianco donne “Solo … devi guardare alla diversità su larga scala.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24