TGcomnews24

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Italian Lodi, un anno dopo

Un anno che non avremmo mai voluto vivere, eppure dovrebbe farci riflettere sulle possibilità che si sono presentate per poter gestire situazioni inedite. Creando una rete pubblica: cittadini, enti locali e mondo del volontariato ”, afferma Sarah Casanova, sindaco di Lodi.

Un blocco completo
La città, 40 chilometri a sud ovest di Milano, è stata l’epicentro del Coronavirus lo scorso anno. È stata la prima città a vivere un’esperienza di isolamento senza precedenti. Dalle città deserte e infestate, dalle scuole che erano aperte a intermittenza, da vari gradi di chiusura, ai centri commerciali abbandonati e agli autobus e ai treni vuoti.

Lodi ha ricevuto più di 7 milioni di euro di prestiti dal governo italiano. Con questi fondi abbiamo coperto quasi 2 milioni di perdite derivanti dalla sospensione della tassa sui rifiuti. Poi abbiamo finanziato i rifugi notturni. Ma anche aiuto domiciliare, affitto per persone in difficoltà, trasporti funebri, borse di lavoro, contributi help desk, inclusione di persone con disabilità in strutture residenziali e campi estivi. Abbiamo abbassato i prezzi per gli impianti sportivi e gli spazi comunali. Abbiamo previsto un bonus per il trasporto pubblico e un contributo agli asili nido privati ​​”, spiega l’Assessore alle Finanze Angelo Sichel.

Aiuto alimentare
Nella prima settimana di aprile 450 famiglie si sono recate al Centro di raccolta Solidale di Lodi per ordinare il cibo. Le autorità hanno detto che erano persone che non avevano mai visto lì fino a un anno fa, quasi tutte sulla cinquantina con famiglie. Con la pandemia, hanno perso i lavori secondari che hanno permesso loro di vivere una vita dignitosa. Ora hanno anche bisogno di aiuto per mangiare almeno una volta al giorno.

READ  Attenzione ai deliziosi cocktail alle fiere

La disoccupazione
A questo proposito, può sembrare un po ‘strano che il tasso di disoccupazione a Lodi e provincia (229.000 persone) sia sceso dal 7,2 per cento nel 2019 al 5,9 per cento nel 2020. “Sembra incredibile, visti i danni economici dell’epidemia . “. Afferma Isaco Gallozzi, segretario generale di Lodi, e Basso Lodigiano del suo omologo italiano per l’Associazione degli imprenditori VNO / NCW. In questi giorni le ferite dell’epidemia si riflettono nel bilancio negativo dell’occupazione nazionale pubblicato dall’Ufficio di statistica italiano: da febbraio 2020 a febbraio 2021, il numero di lavoratori in Italia è diminuito di 945.000, da 23.142.000 a 22.197.000. A ciò si aggiunge un aumento di oltre 700.000 persone inattive, ovvero persone inattive o in cerca di. Secondo la nuova normativa europea applicata a queste statistiche, il numero dei disoccupati comprende anche i dipendenti che beneficiano del TFR e gli assenti dal lavoro da più di tre mesi. Questi dati disturbano o no?

“La verità è che siamo nei guai a causa degli interventi del governo che hanno alleviato lo stato di emergenza”, ha detto Jaloutsi. Si riferisce, tra l’altro, al fondo di smobilitazione e al divieto di licenziamento, prorogato dal recente decreto fino al 30 giugno. Questo funge da copertura che blocca la posizione primaria.

Chiudi il negozio
I dati della Camera di Commercio di Lodi parlano diversamente. In particolare, c’erano pochissime nuove registrazioni di imprese, una sorta di sospensione di nuove iniziative. Nel 2019 sono state registrate 711 nuove società e nel 2020 erano solo 530 le società. Nel 2019, 975 aziende hanno chiuso, rispetto alle 877 aziende nel 2020. Questo può essere spiegato. Un rivenditore che ha attraversato mesi di chiusure e aperture, i cui ordini sono arrivati ​​e li hanno pagati, non vuole chiudere la sua attività. Vuole continuare il suo lavoro per ottenere il denaro che gli permetterà di recuperare dai suoi debiti. Chiudere definitivamente un negozio, un bar o un ristorante costa denaro: ci sono contratti da annullare, merci da pagare e prestiti bancari da rimborsare. La chiusura diventa così l’ultima alternativa.

READ  'Il denaro belga sta scomparendo in tutta l'Unione Europea nelle tasche della mafia italiana'

“Ristoranti e rivenditori sono i più colpiti. Le aperture temporanee nella chiusura non ci hanno permesso di coprire le perdite. Abbiamo lavorato con il freno a mano. La mancanza di un supporto tempestivo e di qualità mina la volontà anche dei più resilienti. Se queste aziende non lo fanno ottenere abbastanza sostegno per superarli “, spiega Gallozy. Questa tempesta si spegnerà a lungo termine.

Leggi l’articolo completo nel dipartimento olandese n. 8 questa settimana.