La Cina ha rilasciato il calciatore sudcoreano Son Joon-ho dopo quasi un anno

Son Joon-ho in una conferenza stampa durante la Coppa del Mondo 2022 in Qatar

Nous Calcio

Il calciatore sudcoreano Son Joon-ho è di nuovo un uomo libero dopo più di dieci mesi. È stato arrestato dalla Cina nel maggio 2023 con l'accusa di corruzione.

Al momento del suo arresto, il 31enne Sun era ancora sotto contratto con il club cinese Shandong Taishan. Lì, secondo le autorità cinesi, avrebbe accettato tangenti per influenzare le partite.

L'arresto è stato accolto con sgomento dalla Federcalcio sudcoreana. L'attuale allenatore della Nazionale, Jurgen Klinsmann, ha parlato della situazione lo scorso novembre.

“Abbiamo un solo desiderio per Natale”, disse Klinsmann all'epoca, “ed è che Son Joon-ho venga rilasciato in modo che possa rivedere la sua famiglia”. Ha aggiunto: “Fino ad oggi, non abbiamo sentito nulla che suggerisca che abbia fatto qualcosa di sbagliato”.

Mediazione tramite il consolato

Il ministero degli Esteri sudcoreano ha riferito che Son è tornato in patria. Il ministero afferma di aver tenuto più di due dozzine di colloqui consolari con la Cina per ottenere il rilascio.

I media coreani hanno riferito che Son, che ha giocato 20 partite internazionali per il suo paese ed è attivo nelle finali della Coppa del Mondo 2022 in Qatar, è in buona salute e pronto a tornare al calcio.

READ  NOS mira ad assumere Tom Dumoulin come nuovo analista di ciclismo

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24