La febbre Q riappare e assesta un duro colpo alle vittime: “Ecco quello che temevamo”

In un allevamento di pecore da latte a Brackel nel Gelderland, oltre il confine con il Brabante, gli animali furono infettati dalla febbre Q. Lo ha annunciato mercoledì il ministro uscente dell'Agricoltura Pete Adema. Quando si parla di febbre Q, Caroline van Kessel di Den Bosch è purtroppo un'esperta per esperienza. De Bossche soffre di sindrome da febbre Q (QVS) dal 2010. Secondo lei, il fatto che il virus sia riemerso ora sia uno schiaffo in faccia alle vittime e ai loro parenti.

I batteri sono stati scoperti a Brackel il 16 aprile durante un'ispezione. Si tratta di una o più pecore giovani che non sono state vaccinate. Gli animali sono stati abbattuti.

Oltre ad essere una paziente, Caroline van Kessel è anche presidente di Q-Uestion, una fondazione per le persone affette da febbre Q. Dice di non essere colpita dalla scoperta.

“Il programma di vaccinazione non è ermetico. Non sei nemmeno obbligato a vaccinare se hai meno di cinquanta pecore. Ci sono anche molte aziende che vaccinano troppo tardi, allora lo capisci”, dice nel programma radiofonico WAKKER! di Omroep Brabant.

“Questo è uno schiaffo in faccia alle vittime”.

Un’epidemia di febbre Q si è verificata a Herbin nel 2007 e ha portato alla più grande epidemia di febbre Q mai vista. Decine di migliaia di persone furono infettate e più di cento pazienti morirono. Dal 2016, secondo il ministro dell’Agricoltura uscente Pete Adema, non ci sono stati allevamenti di pecore o capre ufficialmente infetti. Finora.

Il RIVM stima che il rischio per la salute pubblica a Brakel sia basso. Van Kessel afferma che potrebbe essere così, ma ritiene che le epidemie e le malattie causate dai batteri siano ancora molto facili.

READ  Cinquanta stelle in un'ora si vedono ad occhio nudo. L'Osservatorio Generale è in allerta per la prima pioggia di meteoriti del nuovo anno

“Non è niente. Il fatto che ciò possa accadere è uno schiaffo in faccia alle vittime e alle persone che hanno perso le loro famiglie a causa della febbre Q. L'applicazione delle vaccinazioni deve semplicemente essere migliorata. Non sorprende che ciò sia accaduto. Questa epidemia è esattamente ciò che temevamo.”

Brakel è anche molto vicino al Brabante. “La situazione è di nuovo vicina. Bene, ora sono state prese le misure appropriate e le pecore sono state abbattute immediatamente”, dice Van Kessel “Ma è ancora molto triste che si sia arrivati ​​a questo. Inoltre, immagina per un momento di vivere accanto a questa azienda.

“L’impatto di questa malattia è ancora molto sottostimato”.

Quindi, secondo Van Kessel, ora hai un nodo allo stomaco. “Se hai recentemente inalato questi batteri, potresti rimanere malato per il resto della tua vita. Questo è molto grave, ma l'impatto della malattia non è ancora molto compromesso.”

Van Kessel vuole le scuse del governo per il modo in cui sono stati trattati i pazienti affetti da febbre Q e i parenti delle vittime dopo l’epidemia. Ma questo non è ancora successo. All’inizio di questo mese, il consiglio della contea ha deciso di non chiedere scusa ai pazienti affetti da febbre Q per la lenta risposta durante l’epidemia tra il 2006 e il 2010.

Recentemente il governo ha stanziato 27 milioni di euro per le cliniche post-Covid, ma per la febbre Q non è ancora così. La sindrome da fatica COVID lunga e la febbre Q sono molto simili. Nella sua relazione il Mediatore ha pertanto invitato a condividere le conoscenze su entrambe le condizioni.

READ  Il parlare privo di fatti è ora la cosa più naturale nella scienza?

Potresti trovare interessante anche questo

Qui potete leggere di più sulla decisione del Parlamento di non chiedere scusa

Caroline soffre ancora di febbre Q e spera di ricevere aiuto dopo la ricerca

Tutta la famiglia soffre di febbre Q, ma è difficile ottenere aiuto dal comune

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24