La maggior parte dei missili cinesi sono bruciati nell’atmosfera, detriti nell’Oceano Indiano

Questo è il veicolo di lancio che ha lanciato il 29 aprile “Tianhe” (Celestial Harmonics), la prima unità della stazione spaziale “Tiangong” “Heavenly Palace”. Era il cosiddetto missile Long March 5B, che è un veicolo di lancio estremamente potente.

Di solito, dopo il lancio, il veicolo di lancio cade sulla Terra istantaneamente e in modo controllato, di solito in mare. Tuttavia, Long March 5B ha raggiunto una velocità abbastanza alta da entrare nell’orbita terrestre bassa. Il missile è progettato in modo tale da diventare senza timone e tornare sulla Terra tramite la gravità. Era impossibile prevedere dove sarebbe atterrato il missile. Può essere situato tra 41 gradi di latitudine nord e 41 gradi di latitudine sud, come il nord di New York o Madrid o Pechino, per esempio, o sud come Wellington in Nuova Zelanda.

Negli ultimi giorni è diventato chiaro che il missile lungo 30 metri tornerà sulla Terra questo fine settimana. Il timore era che massicci detriti cadessero in aree popolate a velocità di centinaia di chilometri all’ora. Non solo con potenziali danni, ma anche perdite di conseguenza. Esperti spaziali degli Stati Uniti e dell’Europa hanno monitorato attentamente la situazione. La Cina è stata criticata per non aver garantito il ritorno del missile in modo controllato. La Cina non è d’accordo e ha detto che la maggior parte del missile si sarebbe esaurita.

READ  Il ritorno dell'America dopo quasi un anno nello spazio: è salutare?

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24