“La migrazione economica è reale. Dobbiamo stabilire le regole per questo.

Totò Martello è contento di aver avuto solo due barche il giovedì. Circa 40 immigrati, che erano ancora a portata di mano. È il sindaco dell’isola di Lampedusa, che dalla Libia vede la prima parte dell’Europa, e quindi è spesso il luogo dove compaiono le crepe nella politica dell’immigrazione italiana ed europea.

Ora può prendere fiato, ma lo scorso fine settimana è stato di nuovo un “campo di battaglia”, dice Martello. Nell’arco di 24 ore sono arrivate più di 20 imbarcazioni, comprese due grandi imbarcazioni, che trasportavano fino a 800 persone. Dicono che sia un’emergenza. Ma non puoi avere un’emergenza per decenni, vero? “

In una conversazione telefonica dice che il rifugio può ospitare circa 250 persone. Ma sabato e domenica sono arrivati ​​più di 2.000 immigrati. Centinaia di persone hanno dovuto aspettare al molo per diversi giorni con una scatola di biscotti e una bottiglia d’acqua, finché il tempo non è stato abbastanza buono da portarle in traghetto.

Il governo italiano ha noleggiato quest’anno cinque grandi traghetti, per decine di migliaia di euro al giorno, per controllare meglio il flusso migratorio dal Nord Africa. Dopo l’anno Corona 2020, ora sta cominciando a riapparire. All’inizio di maggio, quasi 13.000 migranti sono giunti nel sud Italia in barca, rispetto ai 4.200 nello stesso periodo dell’anno scorso.

Martello è soddisfatto dei traghetti. “La maggior parte delle persone che sono arrivate alla fine della scorsa settimana sono state portate su quelle navi. I migranti devono prima fare un test rapido per la corona e poi andare in quarantena obbligatoria per dieci giorni. Riduce la pressione sulla nostra isola, ma di Ovviamente non è una vera soluzione “.

READ  Il Marocco non include i porti spagnoli nell'operazione ciao estate

Il governo Draghi, insediatosi a febbraio, ha affermazioni diverse dai precedenti ministeri. Le barche che trasportano migranti in mare non sono più vietate. Nessuno dovrebbe essere lasciato nelle acque territoriali italiane, Lo ha detto mercoledì il primo ministro Draghi Durante il tempo delle interrogazioni. Intanto l’Italia, con il sostegno dell’Unione Europea, continua a sperare che la Guardia Costiera libica fermi e faccia rimpatriare le persone. “Siamo soddisfatti di quello che sta facendo la Libia”. Ha detto Draghi il mese scorso A Tripoli, al suo primo viaggio all’estero. Secondo i dati dell’Onu, quest’anno più di 6.000 persone sono già state intercettate e portate in “campi di soccorso” in Libia, che spesso somigliano a prigioni.

Inoltre, il Consiglio dei Ministri sta cercando di rilanciare l’Accordo di Malta: gli immigrati che sbarcano in Sicilia o altrove in Italia dopo la quarantena devono andare da qualche parte. Nell’autunno del 2019, è stato concordato che i paesi dell’Unione europea avrebbero accettato i rifugiati su base volontaria. L’entusiasmo non è stato grande, hanno partecipato solo Francia, Germania, Spagna, Portogallo e Irlanda. A causa della pandemia, il numero di rifugiati ammessi in questi paesi è limitato a circa un migliaio. Draghi vuole affrontarlo di nuovo alla fine di questo mese nei colloqui con i leader europei.

Cosa ne pensi di questo?

Malta è il primo passo verso la distribuzione volontaria degli immigrati. Questo deve essere ampliato. Se prevalgono sempre gli interessi nazionali, che senso ha parlare dell’Europa? Serve di più per controllare davvero l’immigrazione “.

Per esempio?

Il fenomeno migratorio non è visto nel suo contesto più ampio in Italia e in Europa. Le persone ora si muovono in tutto il mondo e questo fa parte dell’evoluzione delle società. Quasi tutte le persone che arrivano qui sono migranti economici. Come affrontiamo questa questione? Dobbiamo organizzare i corridoi migratori, con i requisiti: le persone devono avere i documenti, una destinazione specifica. Adesso non sappiamo niente: no chi, no cosa, no perché “.

READ  Il Museo di Leida restituisce un vaso in Italia

MSF riferisce che più di 550 migranti sono già annegati quest’anno Vuole tornare in mare con la sua nave. Cosa ne pensate di queste promozioni?

“Lo sostengo totalmente. Come puoi dire che salvare le persone che sono in difficoltà in mare non è giusto? Il problema è che i governi europei non fanno nulla, quindi le ONG devono fare il lavoro del governo”.

In Italia, si dice che il personale militare turco in Libia aiuti i trafficanti. La Turchia vuole strangolare l’Italia dopo che il primo ministro Draghi ha descritto il presidente Erdogan come un dittatore.

Non credo, dovrebbero provenire da altre regioni della Libia. Per quanto ne so, la maggior parte delle persone proviene dalla Libia occidentale attraverso la Tunisia. Stanno lasciando aree dove l’influenza del governo libico e dell’esercito turco non è significativa “.

Negli ultimi due anni, un gran numero di imbarcazioni che trasportavano immigrati è arrivato dalla Tunisia.

“Questo è cambiato. Il nostro governo ha ora stipulato accordi con il governo in Tunisia. Di conseguenza, ora c’è molto più controllo e meno persone lasciano la Tunisia. È uno dei tanti passaggi. Non puoi continuare ad avvicinarti all’arrivo dei migranti. come se fosse una situazione di emergenza “Ogni volta”.

Il leader della Lega Matteo Salvini, che in altri punti sostiene il governo di Draghi, continua a dire che l’Italia ha molti problemi ad accogliere i clandestini.

Salvini fa campagne costantemente. Cerca costantemente di incitare l’odio e incitare gli italiani contro gli immigrati. La migrazione è una realtà. Dobbiamo stabilire regole chiare per questo “.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24